\\ Home Page : Articolo : Stampa
POLIZIA LOCALE MILANO - “UNA SCELTA NECESSARIA: SCIOGLIERE IL NUCLEO OPERATIVO” (LETTERA DI UN GHISA)
di lucmu (del 22/02/2012 @ 14:42:10, in Sicurezza, linkato 3540 volte)
Non è abitudine di questo blog pubblicare interventi di altri, ma questa volta faccio un’eccezione e riproduco così come mi è arrivata la lettera di Danilo Tosarelli, agente della Polizia Locale di Milano e delegato sindacale dell’Usb. Parla dei nuclei speciali, creati e incentivati durante l’amministrazione Pdl-Lega della città, e parla dell’uccisione di Marcelo. Mi pare importante farla conoscere, proprio perché viene dall’interno del corpo, da qualcuno che quel mestiere lo fa tutti i giorni. È magari può funzionare anche come antidoto contro alcuni discorsi stucchevoli che si sentono in giro in questo periodo. Buona lettura.
 
Luciano Muhlbauer
 
P.S. la foto che accompagna questo post l’avevo scattata io nel corso dello sgombero del campo rom di Chiaravalle, a Milano, nel febbraio 2009. La tenuta antisommossa dei nuclei speciali della Polizia Locale di Milano non si vede più, ovviamente, ma è bene ricordare qual’è la filosofia che aveva portato alla loro costituzione e che forse spiega molto.
--------------------------------------------------------------------------------------------------
 
UNA SCELTA NECESSARIA
 
Sono tra coloro che chiedono lo scioglimento del Nucleo Operativo della Polizia Locale di Milano. Questa scelta giunge dopo una riflessione che dura da tempo.
Basta girare tra i vari Comandi di zona e raccogliere le impressioni dei colleghi, per scoprire che questo Nucleo è sempre stato poco amato. Questione centrale la sua effettiva utilità ed il discutibile agio operativo che gli è sempre stato concesso.
Da sempre il sottoscritto e la sua organizzazione sindacale, rivendica la necessità di non sovrapporre i compiti e le funzioni della Polizia Locale a quelli di Polizia di Stato e Carabinieri, ma evidentemente non è opinione condivisa. Alcuni settori del Comando ed alcune Organizzazioni Sindacali si ostinano a difendere le prerogative operative di questo Nucleo.
Un nucleo di circa 60 colleghi che vede al suo interno scarsa esperienza professionale ed un alto tasso di sopravalutazione del proprio ruolo. Ne fanno gran parte colleghi che hanno poca anzianità di servizio e che sino ad oggi si sono sentiti più poliziotti che vigili. Una devianza inaccettabile.
Credo di poter affermare, che gli ultimi avvenimenti giungono a conferma che l'era DeCoratiana dei super poliziotti della Polizia Locale è davvero finita. Purtroppo il tragico episodio del Parco Lambro getta un'ombra inquietante sull'intero corpo della Polizia Locale di Milano ed io non voglio sentirmi complice di una morte che grida vendetta.
Sarà compito della Magistratura ricostruire i fatti, ma quello che è certo è che un uomo è stato colpito alle spalle e chi ha sparato è un vigile di Milano. Tutto ciò mi addolora. Lungi da me sputar sentenze, ma quello che mi sta a cuore e possiamo fare, è di recuperare i grandi valori e lo spirito democratico che ha sempre caratterizzato i Vigili di Milano.
Per me la colleganza è un valore importante, perché significa innanzitutto solidarietà. Ma la solidarietà non può essere cieca. Si deve scegliere a chi offrire la propria solidarietà. Personalmente non sono disponibile a difendere qualunque collega, sempre e comunque, solo perché indossa la mia stessa divisa. Ho sentito dichiarazioni interne al Corpo, ma anche di alcuni politici della Lega e del PDL, che mi hanno fatto rabbrividire.
Il rispetto della legge non può avere più binari. Tutti noi continuiamo ad essere cittadini dello stesso Paese e quindi assoggettati alle stesse leggi.
Dopodiché deve essere chiaro, mi rivolgo a chi come me da anni svolge lo stesso lavoro, che noi uomini e donne in divisa abbiamo più responsabilità di qualunque altro cittadino. Sono consapevole che tutto ciò sia impegno difficile e gravoso (spesso purtroppo non riconosciuto), ma credo sia questa la prerogativa essenziale per chiunque voglia rappresentare degnamente le nostre istituzioni.
Sono convinto che forte di questi valori, il vecchio Ghisa potrà ritrovare e consolidare l'affetto e la solidarietà di tutti i milanesi. Nel frattempo Milano piange un altro lutto.
 
DANILO TOSARELLI - Delegato USB Polizia Locale Milano Zona 2
 
22 febbraio 2012