Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
“Labor Blues”, rubrica a cura di Luciano Muhlbauer, sulla free press eretica MilanoX, n° xxvi del 17 marzo 2011.
 
Ma che fine hanno fatto la crisi, le aziende che chiudono e la piaga della precarietà? Domanda più che lecita, visto che il lavoro è letteralmente sparito dalle prime pagine di giornali e tv e che anche il governo individua ben altre priorità per il paese, tipo la “riforma della giustizia”.
Ci piacerebbe rispondere “è arrivata la ripresa!”, ma purtroppo le cose non stanno così e quella omissione assomiglia piuttosto al famoso tappeto che serve per nascondere la polvere. E quindi, proviamo noi a darvi tre notizie degli ultimi giorni che difficilmente troverete in prima pagina.
Primo, dalle dichiarazioni dei redditi del 2010 emerge che in un solo anno sono spariti 200mila contribuenti tra 15 e 24 anni. Ormai, i giovani con meno di 25 anni rappresentano soltanto il 4,34% del totale dei contribuenti, ma in cambio gli under 30 sono protagonisti nell’apertura di partite Iva, con un secco +22,5% tra il 2009 e il 2010.
Secondo, un’indagine di Datagiovani sulle buste paga dei giovani al loro primo impiego ha evidenziato che lo stipendio medio di un neoassunto si è ridotto del 3% rispetto a un anno fa, attestandosi su 823 euro netti mensili. Ovviamente, alcune categorie si collocano sotto quella media, come le donne, gli “atipici”, i lavoratori del commercio e quelli del Sud, ma la dinamica è generale. Infatti, a Nord la media è più alta, cioè di 876 euro, ma è più accentuato anche il calo rispetto all’anno precedente, che arriva addirittura al -6%.
Terzo, nel mese di febbraio sono aumentate di nuovo le ore di cassa integrazione, in particolare quella in deroga (+23% rispetto a gennaio). L’aumento relativo è più forte al Sud, ma in termini assoluti è la Lombardia che usa più ore di cassa in deroga. E l’aumento della cassa in deroga, specie in settori come l’industria o l’edilizia, è un pessimo segnale, poiché indica la presenza di un numero significative di aziende all’ultima spiaggia.
Morale? La crisi c’è e picchia duro dappertutto, ma colpisce in particolare e massicciamente i giovani, in termini di occupazione, reddito e precarietà. Forse sta qui la ragione di quell’irreale e ingiustificata omissione, cioè nella paura che i giovani di qui possano rompere il silenzio e seguire l’esempio dei giovani di Tunisi e del Cairo.
 
per leggere MilanoX on line: www.milanox.eu/archivio/
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Chissà, forse collaborerà anche il meteo e così sabato pomeriggio a Milano si potrà manifestare con qualche raggio di sole. Infatti, anche il 19 marzo è un giorno di mobilitazioni, al plurale, necessarie e giuste.
Anzitutto, c’è l’iniziativa promossa dall’Arci Milano in seguito alla chiusura dell’ennesimo circolo, La Casa 139, ad opera della Polizia Locale. Come sempre, l’input di tallonare i circoli Arci e possibilmente di chiuderli è arrivato verosimilmente dal vicesindaco con delega alla sicurezza, De Corato, ed è figlio di quell’idea oscurantista della città che non tollera spazi di socialità che siano fuori dalla logica della mercificazione o dal controllo politico della destra. Che si tratti di centri sociali, di circoli Arci o di locali indipendenti.
E non a caso, quell’idea di città ha partorita negli ultimi giorni anche la malsana, nonché illegale, trovata di voler dichiarare piazza della Scala zona off-limits per i cittadini in disaccordo con Moratti, De Corato e Lega.
Comunque sia, l’Arci ha lanciato l’appello Liberiamo la Musica, che ha già raccolto molte adesioni, anche oltre i confini dell’associazione, e l’appuntamento è per sabato pomeriggio, alle ore 15.00, in piazza Fontana, per un presidiocreativo e musicale per liberare la musica e la cultura a Milano.
Sempre sabato pomeriggio e sempre alle ore 15.00, con concentramento in piazzale Loreto, si terrà un corteoa sostegno delle rivolte dei popoli arabi e contro l’intervento militare, promosso da diversi soggetti in occasione della “giornata internazionale di solidarietà con la rivolta delle genti arabe e africane”, lanciata per il 20 marzo dall’assemblea dei movimenti sociali al Forum sociale mondiale di Dakar. Per info sulla mobilitazione visti il sito del Csa Vittoria o di Sinistra Critica Milano.
Ci vediamo in piazza!
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 22/03/2011, in Pace, linkato 895 volte)
Alla fine la guerra è arrivata, anche se i governi che la combattono la chiamano intervento umanitario. La risoluzione Onu dice no fly zone, ma sul terreno piovono le bombe. A capeggiare i “volenterosi” c’è Sarkozy, già compagno di merende di Ben Ali. A favore dell’intervento è anche l’Arabia Saudita, che ha appena inviato i suoi soldati e blindati nel vicino Bahrein per reprimere la locale rivolta di popolo. E poi, ovviamente, ci siamo noi, l’Italia, le nostre basi, i nostri cacciabombardieri e il nostro premier, che è passato in un baleno dal baciamano al regime change, salvo poi dichiararsi “addolorato per Gheddafi”, cioè per gli affari che la Francia sta per soffiarci e per la perdita del migliore sorvegliante di campi di concentramento per migranti e profughi che si potesse desiderare.
Grande è la confusione sotto il cielo, ma la situazione non è affatto eccellente, poiché il disorientamento spadroneggia anche dalle parti di quanti dovrebbero indicare delle strade alternative. L’ex potenza mondiale del 2003, cioè il movimento pacifista, non c’è più da anni. Nulla di strano, beninteso, perché anche i movimenti hanno bisogno di risultati, altrimenti rinsecchiscono. Ma che dire della sinistra, politica e sociale, di partito o di movimento? Prima ha faticato terribilmente a rapportarsi con quel fatto nuovo e dirompente che è la rivolta di un’intera generazione che attraversa il Maghreb e il Medio Oriente e, poi, ha tardato a metabolizzare la natura dell’intervento militare e ad articolare una reazione. E le due cose sono legate, strettamente legate.
E così, mentre i giovani tunisini ed egiziani spazzavano via Ben Ali e Mubarak, qui in troppi coltivavano la loro diffidenza e pretendevano esami del sangue. Quando poi è toccato ai giovani libici, allora c’era persino chi in Gheddafi riscopriva improbabili virtù progressiste e antimperialiste. Insomma, dove una primavera cercava di farsi largo, occhi annebbiati da presunzione europea vedevano soltanto tanti arabi che facevano tanto chiasso.
Troppo pochi scorgevano le somiglianze tra i giovani di là e di qua del Mediterraneo, i cui destini, al di là delle diversità, sono accomunati dalla globalizzazione e dalla crisi. E troppo pochi vedevano che quella generazione in rivolta aveva messo fuorigioco l’assioma fondante dello scontro di civiltà, che ammette come uniche alternative la dittatura filo-occidentale o il fondamentalismo islamista, la guerra o il terrorismo.
Le forze restauratrici sono già all’opera in tutto il mondo arabo per soffocare le insorgenze e le speranze, come ci ricordano anche le prove d’intesa tra esercito egiziano e Fratelli musulmani. Ora arriva pure l’intervento militare dell’Occidente a riossigenare quanti erano finiti in un angolo.
Oggi e qui è il tempo per mobilitarsi contro la guerra, per la fine immediata dei bombardamenti. Un no alla guerra che però necessita di un sì altrettanto netto e chiaro alla solidarietà alle insorgenze, da Bengasi al Bahrein, da Algeri a Sana’a.
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
“Labor Blues”, rubrica a cura di Luciano Muhlbauer, sulla free press eretica MilanoX, n° xxvii del 24 marzo 2011.
 
A Milano l’è dura non soltanto per chi vuole fare musica e cultura indipendente, ma anche per chi si guadagna da vivere vendendo il kebab. Infatti, mentre dei primi si occupa il vice del sindaco, dei secondi si prende poco amorevolmente cura la Lega, che gli immigrati non gli sopporta proprio, né quando non lavorano, né quando lavorano.
L’ultima trovata in ordine di tempo si chiama progetto di legge n. 85, depositato in Consiglio regionale il 9 marzo scorso, ma il vice del presidente, il leghista Gibelli, preferisce la dizione meno prosaica di “legge Harlem”. L’obiettivo della proposta è enunciato chiaramente sin dalle prime righe della relazione di accompagnamento: “La normativa, per ragioni di ordine pubblico e di sicurezza, prevede fra le altre cose la possibilità per i Comuni di evitare l’addensamento di negozi extracomunitari nella medesima zona”.
L’ordine pubblico e la sicurezza non c’entrano niente, ovviamente, ma è l’unica maniera per tentare di giustificare delle norme speciali e discriminatorie per alcuni settori commerciali, selezionati in base al numero di titolari di cittadinanza o origine straniera. D’altronde, quei motivi furono invocati già al tempo della razzista legge regionale contro i phone center, approvata quasi all’unanimità dal Consiglio regionale nel 2006 e dichiarata totalmente illegittima dalla Corte Costituzionale due anni dopo, ma che nel frattempo aveva rovinato economicamente un sacco di gente.
Ma inutile cercare coerenza nel discorso della Lega. A Roma, in nome della libertà di iniziativa economica, plaudono a Marchionne e sostengono la revisione dell’art. 41 della Costituzione, ma qui proclamano la necessità di “limitare talune libertà” nel caso di kebaberie e parrucchieri cinesi. Oppure, allo stesso Pirellone, la Lega ha dato il via libera al progetto di un mega centro commerciale sull’area ex-Alfa, destinato a mettere in crisi l’italianissimo commercio al dettaglio di Rho.
Anzi, a ben guardare la coerenza c’è: non gliene frega niente dei lavoratori, dei consumatori e dei negozi di vicinato, ma soltanto delle loro poltrone e, quindi, dagli all’immigrato per raccattare un po’ di voti. E così, proprio quando il kebab entra nel paniere Istat, la Lega pretende che esca da Milano.
 
per leggere MilanoX on line: www.milanox.eu/archivio/
 
cliccando sull’icona qui sotto puoi scaricare il testo originale della “legge Harlem”, cioè il pdl n. 85 del 9 marzo 2011
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Questo blog sostiene la giornata nazionale di mobilitazione lanciata da persone, associazioni ed organizzazioni per sabato 2 aprile. Di seguito il testo dell’appello del Coordinamento 2 aprile, con le prime adesioni.
 
APPELLO COORDINAMENTO 2 APRILE
 
Le persone, le organizzazioni e le associazioni che in questi giorni hanno sentito la necessità, attraverso appelli, prese di posizioni e promozione di iniziative, di levare la propria voce
 
  • CONTRO LA GUERRA E LA CULTURA DELLA GUERRA
  • PER SOSTENERE LE RIVOLUZIONI E LE LOTTE PER LA LIBERTÀ E LA DEMOCRAZIA DEI POPOLI MEDITERRANEI E DEI PAESI ARABI
  • PER L'ACCOGLIENZA E LA PROTEZIONE DEI PROFUGHI E DEI MIGRANTI
  • CONTRO LE DITTATURE, I REGIMI, LE OCCUPAZIONI MILITARI, LE REPRESSIONI IN CORSO
  • PER IL DISARMO, UN'ECONOMIA ED UNA SOCIETÀ GIUSTA E SOSTENIBILE
 
CHIEDONO
 
LO STOP AI BOMBARDAMENTI E IL CESSATE IL FUOCO IN LIBIA
per fermare la guerra, la repressione
ed aprire la strada a una soluzione politica coerentemente democratica.
 
IL 2 APRILE 2011 SARÀ UNA GRANDE GIORNATA DI MOBILITAZIONE E PARTECIPAZIONE ATTIVA A ROMA E IN TANTE PIAZZE D'ITALIA.
 
A partire da quella data ci impegniamo a dar vita ad un percorso diffuso sul territorio di mobilitazioni, iniziative, informazione, assemblee, incontri e solidarietà con i movimenti dei paesi arabi.
 
 
Prime adesioni:
Arci, Action, Associazione Ya Basta Italia, Associazione Mediterranea, Associazione per il rinnovamento della sinistra, Associazione per la pace, Associazione Senzaconfine, A Sud, Attac Italia, AteneinRivolta, Comitato Fiorentino Fermiamo la guerra, Cobas, Democrazia Chilometro Zero, Donne in nero, Emergency, ESC, FIOM–CGIL, Gruppo Abele, Horus Project, Lega diritti dei Popoli, Legambiente, Libera, Lunaria, Rete@Sinistra, Rete della Conoscenza, Rete Romana Solidarietà al Popolo Palestinese, Rete Studenti Medi, Sinistra Euromediterranea, Stryke-Yomigro, UDU, Un ponte per, Forum Ambientalista, Altraagricoltura, IPRI, ASCIA, Comunità Somala Lazio, Amig@s Sem Terra, Associazione Obiettori Nonviolenti, Punto Rosso, Senzaconfine, Rete Antirazzista Firenze, Gruppo Sconfinate, Terre del Fuoco, Iniziativa Femminista Europea
FedS, FGCI, GC, PCL, PdCI, Prc, Sinistra Critica, SeL
 
Altre adesioni:
Rete Nazionale Radiè Resh, Associazione Donne Brasiliane in Italia,
Associazione Sopra i ponti Bologna, WILPF, associazione Ecoinformazioni, perUnaltracittà-Firenze, Centro ligure di documentazione per la pace, Rete controg8 per la globalizzazione dei diritti, comitato intercomunale per la Pace nel Magentino, Movimento Nuovi Profili, Collettivo Byzantium Onlus, associazione Spirit Romanesc, Coordinamento Donne contro il razzismo - Casa Internazionale delle Donne di Roma, Rete Internazionale delle Donne per la Pace, Associazione Casa Rossa – Spoleto, Convergenza delle Culture – Milano, Rete delle donne Anti Violenza onlus – Perugia, Comitato Piazza Carlo Giuliani Onlus, Comitato Internazionale di Educazione per la Pace – Ciep, Servizio Civile Internazionale, Consorzio Città dell'Altraeconomia, Reorient Onlus, Associazione Trama di terre – Imola, Centro di Solidarietà Internazionalista Alta Maremma, Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute, Associazione "Periferie al Centro" - Fuori Binario, Associazione Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese, Associazione Convergenze, Il Cavatappi - Rivista Online, Comunità in Resistenza – Empoli, comitato "Lo sbarco della nave dei diritti di Genova", Freedom Flotilla Italia, Rete Nazionale Radié Resh, Chiama l’Africa, Presidio No Dal Molin –Vicenza, CISDA - Coordinamento italiano sostegno donne afghane, Associazione Dimensioni Diverse Onlus, Osservatorio Europa, Collettivo studentesco universitario Napoli, Centro Francescano di Ascolto – Rovigo, Comitato per la Pace “Rachel Corrie” – Genova, il Popolo Viola – Genova, Unione Inquilini, Associazione Campania Europa Mediterraneo, Assemblea studenti del corso di laurea in scienze per la pace – Università di Pisa, Genova laica, Fabbrica di Nichi – Genova, a-sinistra.blogspot.com, U.S. Citizens for Peace & Justice – Rome, Casa per la Pace Milano, Laboratorio politico Alternativa, Dna Altomilanese, Altragricoltura, Cgil Genova, Cipax, Associazione Ayusya, Associazione Usciamo dal Silenzio – Genova, Rete Antirazzista Catanese, Campagna per la smilitarizzazione di Sigonella, Blocchi Precari Metropolitani, Associazione Amici di padre Roberto Maestrelli, Tavolo della Cooperazione Internazionale –Empoli, ACS Associazione di Cooperazione e Solidarietà, Tavolo Interventi Civili di Pace, USB – Unione Sindacale di Base, Anpi provinciale Roma e Lazio, Fundacion Gentes de Yilania, Mondo Senza Guerre e Senza Violenza – Firenze, Rete Antirazzista IV Municipio Roma, Centro di accoglienza "E. Balducci" - Zugliano Udine, Csp-Csu (Comitato in difesa della Scuola Pubblica - Coordinamento Studentesco Universitario)
Partito Umanista Internazionale, Comunisti Sinistra Popolare – Venezia, Comunisti Sinistra Popolare - Treviso
 
Adesioni individuali:
Silvana Amati, Enrico Gasbarra, Giuseppe Giulietti, Paolo Nerozzi, Sabina Rossa, Vincenzo Vita, Grazia Scuccimarra, Luciano Muhlbauer, Lido Giampaoli, Barbara Ferrazzo, Tiberio Tanzini, Gian Carlo Bandinelli, Renata Lovati, Simone Lepore, Franco Russo, Agostino Giordano, Francesca Fabbri, Loris Viari, Francesco Cassotti, Paolo Limonta, Mimmo Pantaleo, Maria Silvia Parolin, Franco Origoni, Anna Steiner, Paola Manduca, Moreno Biagioni, Bruno Roveda, Giorgio Nebbia, Angelo Giampietri, Angela Mary Pazzi, Giovanni Capuzzi, Barbara Accetta, Mario Cocco, Maria Carolina Oro
 
(aggiornato al 30.03.2011)
 
Per aggiornamenti sulle adesioni e per conoscere tutte le mobilitazioni città per città, visita il blog del Coordinamento 2 Aprile:
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Sabato 2 aprile ci sarà una mobilitazione anche a Milano, in piazza Fontana, dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Un presidio con parole e musica, simile nella forma a quello che si terrà in contemporanea a Roma, contro la guerra, a sostegno delle rivoluzioni democratiche e per l’accoglienza e la protezione dei profughi e dei migranti.
L’iniziativa raccoglie dunque sul territorio milanese l’appello nazionale del Coordinamento 2 aprile, già pubblicato sul blog, per dare la possibilità di manifestare anche a quanti e quante non potranno o vorranno andare a Roma. Iniziative analoghe vengono organizzate anche in altre città.
Per avere aggiornamenti sulla mobilitazione nazionale e sulle iniziative città per città, visita il blog del Coordinamento 2 Aprile: http://coordinamento2aprile.blogspot.com/
Sotto trovi riprodotto l’appello per il 2 aprile nella versione milanese, con l’appuntamento di piazza Fontana e le prime adesioni territoriali. Vi chiedo di farlo circolare a tutti i vostri contatti, informando anche tutte le realtà che non ne sono ancora a conoscenza. Per aderire: milano@arci.it
 
APPELLO COORDINAMENTO 2 APRILE
Le persone, le organizzazioni e le associazioni che in questi giorni hanno sentito la necessità, attraverso appelli, prese di posizioni e promozione di iniziative, di levare la propria voce
CONTRO LA GUERRA E LA CULTURA DELLA GUERRA
PER SOSTENERE LE RIVOLUZIONI E LE LOTTE PER LA LIBERTÀ E LA DEMOCRAZIA DEI POPOLI MEDITERRANEI E DEI PAESI ARABI
PER L'ACCOGLIENZA E LA PROTEZIONE DEI PROFUGHI E DEI MIGRANTI
CONTRO LE DITTATURE, I REGIMI, LE OCCUPAZIONI MILITARI, LE REPRESSIONI IN CORSO
PER IL DISARMO, UN'ECONOMIA ED UNA SOCIETÀ GIUSTA E SOSTENIBILE
 
CHIEDONO
 
LO STOP AI BOMBARDAMENTI E IL CESSATE IL FUOCO IN LIBIA
per fermare la guerra, la repressione ed aprire la strada a una soluzione politica coerentemente democratica.
 
IL 2 APRILE 2011 SARÀ UNA GRANDE GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE E PARTECIPAZIONE ATTIVA A ROMA e IN TANTE PIAZZE D'ITALIA.
A MILANO ci troviamo in Piazza Fontana, dalle 16.00 alle 19.00, con parole e musica ed interventi contro la guerra
 
A partire da quella data ci impegniamo a dar vita ad un percorso diffuso sul territorio di mobilitazioni, iniziative, informazione, assemblee, incontri e solidarietà con i movimenti dei paesi arabi.
 
per adesioni: milano@arci.it
 
Prime adesioni:
 
Associazioni: Arci Milano, AteneinRivolta Milano, Camera del lavoro Milano, Donne in nero Milano, Emergency Milano, Fiom Milano, Legambiente Milano, Leoncavallo-Spazio Pubblico Autogestito,Libera Milano, Mondo Senza Guerre Milano,Punto Rosso, Amigs Sem Terra, Attac Milano, Cisda, Milano città aperta, Memoria storica-Giovanni Pesce, Iomondo-Onlus, Uisp Milano
 
Partiti: Rifondazione Comunista, Sinistra Critica, Sinistra ecologia e libertà, Pdci, Partito Comunista dei Lavoratori, Federazione della Sinistra, Lista Civica Un'Altra Provincia
 
(aggiornate al 30.03.2011)
 
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
“Labor Blues”, rubrica a cura di Luciano Muhlbauer, sulla free press eretica MilanoX, n° xxviii del 31 marzo 2011.
 
Telecomunicazioni e Information technology sono termini che evocano la modernità e che solitamente indicano uno di quei settori economici su cui puntare per uscire dalla crisi. Altro che tutte quelle industrie “vecchie” e ad alta intensità di manodopera che vengono allegramente delocalizzate verso la Cina, la Romania o la Tunisia.
Eppure, guardando alla realtà del settore nell’area milanese, si fatica terribilmente a distinguere il nuovo dal vecchio. Infatti, anche qui prevalgono chiusure, delocalizzazioni, cassa integrazione e licenziamenti. Nokia Siemens Network, Competence-Jabil, Agile-Eutelia, Italtel, Alcatel, Linkra, Gruppo Compel, Siae Microelettronica ecc., tutti a rischio.
Volete un esempio? Eccovi quello dei lavoratori dello stabilimento ex-Siemens di Cassina de’ Pecchi. Nel marzo 2007 finiscono nella joint venture Nokia Siemens Networks, ma alla fine dell’anno vengono già ceduti alla transnazionale statunitense Jabil. Questa annuncia grandi progetti, ma nel 2010 cede gli stabilimenti di Cassina e quello di Marcianise (CE) al fondo di investimento Usa Marcatech, che darà vita alla newco Competence. A questo punto la storia si fa sempre più torbida e l’unica cosa certa è che Competence accumula in pochi mesi un debito stratosferico, finendo in stato di insolvenza. Ma alla vigilia della decisiva udienza in tribunale del 23 febbraio scorso, eccoci all’ennesimo colpo di scena: Jabil rientra nuovamente in possesso di Competence. Dunque, niente commissariamento e incertezza totale per i 350 lavoratori di Cassina e gli 850 dello stabilimento casertano.
Potremmo fare altri esempi ancora, ma la nota stonata sarebbe sempre la medesima: la passività delle istituzioni e l’assenza totale di una politica industriale degna di questo nome. E questo vale anche per i casi manifestamente delinquenziali, come l’affaire Agile-Eutelia.
Un mese fa, Formigoni ha annunciato alla stampa un miliardo di euro per “sferzare” l’economia, investire sulla banda larga e creare nuovi posti di lavoro. La realtà è però un’altra e lunedì scorso l’assessore alle attività produttive, il leghista Gibelli, quello della “legge Harlem”, ha persino sconvocato un incontro con la Fiom, perché tanto di Competence se ne occuperà il Ministero a Roma…
 
per leggere MilanoX on line: www.milanox.eu/archivio/
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 07/04/2011, in Lavoro, linkato 1278 volte)
“Labor Blues”, rubrica a cura di Luciano Muhlbauer, sulla free press eretica MilanoX, n° xxix del 7 aprile 2011.
 
Quando in una categoria le adesioni agli scioperi crescono velocemente, a prescindere dalle sigle sindacali che li proclamano e nonostante i tempi di crisi e di portafogli magri, allora vuol dire che la misura è davvero colma. Ed è esattamente quello che ora sta accadendo nel trasporto pubblico locale.
Lo scorso venerdì, 1° aprile, a Milano ha scioperato l’80% degli autoferrotranvieri. Metro, tram e bus, quasi tutta l’Atm è rimasta ferma. Eppure non era la prima astensione dal lavoro in questo ancora giovane 2011, ma già la terza. E scioperare costa, perché quando scioperi non ti pagano.
Questa volta lo sciopero l’avevano proclamato le organizzazioni confederali e autonome, cioè Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Orsa, Fiasa-Cisal e Fast. Lo sciopero precedente, di venerdì 11 marzo, si era invece realizzato nel quadro dello sciopero nazionale di tutte le categorie, indetto dai sindacati di base Usb e Slai-Cobas, e aveva sorpreso stampa e Comune per l’alta adesione: le tre linee della metropolitana e oltre il 40% dei mezzi di superficie bloccati. E ci sono già le prossime date: lo sciopero generale della Cub del 15 aprile e quello della Cgil del 6 maggio.
Insomma, l’Atm assomiglia sempre di più a una pentola a pressione. Non siamo ancora al clima dell’inverno 2003-2004, quando gli autoferro si videro costretti a passare ai cosiddetti “sciopero selvaggi”, ma nella sostanza non siamo molto lontani.
Non a caso, una delle ragioni di fondo del malessere di macchinisti, tranvieri, autisti ed operai è identica a quella di sette anni fa, cioè il non rinnovo del contratto nazionale, scaduto ormai da oltre tre anni. Ma questa volta ci sono anche altri due elementi che aggravano la situazione. Primo, i draconiani tagli governativi dei fondi per il trasporto locale e, secondo, gli effetti devastanti dei contratti di ingresso. Questi ultimi, infatti, stabiliscono per i nuovi assunti degli stipendi più bassi rispetto a quelli dei “vecchi” dipendenti e provocano un divario di retribuzione, a parità di mansione, fino a 7mila euro all’anno.
Saranno ovviamente i lavoratori dell’Atm a decidere i prossimi passi, ma sta a noi non lasciarli soli e sostenerli, ognuno e ognuna per quello che può. Anche quando ci capiterà di rimanere appiedati di fronte alla stazione del metro chiuso.
 
per leggere MilanoX on line: www.milanox.eu/archivio/
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato sul giornale online Paneacqua il 12 aprile 2011
 
Le elezioni delle Rappresentanze sindacali unitarie (Rsu) nella pubblica amministrazione si terranno il 5-7 marzo 2012. Lo stabilisce il protocollo firmato ieri pomeriggio dall’Aran, l’agenzia che rappresenta le pubbliche amministrazioni al tavolo negoziale nazionale, e le organizzazioni sindacali confederali e autonome (vedi allegato).
“Evviva!”, viene da esclamare, visto che le elezioni Rsu nel pubblico impiego si devono tenere ogni tre anni e che, dunque, i delegati attualmente in carica erano scaduti il 30 novembre dell’anno scorso. Era ora, certo, ma intanto passerà ancora un anno prima che i quasi 3 milioni di lavoratori e lavoratrici del pubblico possano esercitare uno dei loro più elementari diritti democratici.
Formalmente il rinvio delle elezioni e la conseguente proroga delle Rsu in carica era dovuto alla legge Brunetta, che prevede la riorganizzazione dei comparti  contrattuali della P.A., riducendone il numero. La tesi era la seguente: prima si fanno i nuovi comparti e solo dopo i lavoratori potranno eleggere le Rsu. Tuttavia, essendo nella realtà quella riorganizzazione sostanzialmente ferma, la proroga delle Rsu scadute risultava di fatto sine die.
Tifosi particolarmente accalorati di quella tesi, a parte Brunetta e Sacconi, ovviamente, erano due organizzazioni sindacali: Cisl e Uil. Cioè, gli stessi che hanno firmato l’abolizione tout court delle elezioni Rsu negli stabilimenti Fiat di Mirafiori e Pomigliano, introducendo in loro vece l’edificante principio che gli unici delegati saranno quelli nominati da loro.
Insomma, più che di questioni “organizzative” si trattava di questioni politiche. In altre parole, i vertici di Cisl e Uil, impegnati come sono nella politica degli accordi separati e del sostegno al governo amico, non intendevano sottoporre a verifica democratica le loro scelte finché queste non fossero divenute fatti compiuti, temendo evidentemente il giudizio dei diretti interessati.
Ma poi qualcosa è andata storta. Non soltanto i sindacati di base e la Cgil erano attivamente ostili a questo furto di democrazia, ma due mesi fa era arrivato anche un parere del Consiglio di Stato, che ribadiva che la mancata definizione dei nuovi comparti contrattuali non giustificava la sospensione delle elezioni. O per dirla con le parole dei giudici amministrativi: “dopo il 30 novembre 2010 si riespande il diritto al rinnovo degli organi di rappresentanza sindacale”.
Ed eccoci al protocollo firmato ieri, che finalmente stabilisce una data certa per il rinnovo della rappresentanza sindacale per i lavoratori pubblici. Tuttavia, quella della data certa è anche l’unica notizia buona, considerato che le elezioni si terranno soltanto tra un anno e che questo tempo sarà utilizzato per accontentare Brunetta sui nuovi comparti contrattuali e, soprattutto, per riscrivere gli accordi del 1998 che regolano la rappresentanza sindacale nel pubblico impiego.
E questo ultimo elemento, alla luce dei tempi che corrono e delle numerose dispute interpretative degli anni passati, di solito provocate dalla pretesa degli apparati confederali di limitare i diritti e le libertà di delegati sindacali troppo indipendenti (e ci riferiamo non soltanto a quelli dei sindacati di base), solleva numerosi interrogativi e fondate preoccupazioni.
Insomma, è netta l’impressione che questo protocollo sia figlio di uno scambio tra la necessità di individuare una data per le elezioni e la volontà di blindare preventivamente le rappresentanze sindacali elette dai lavoratori.
Ovviamente, speriamo di sbagliarci, ma il fatto che le categorie del pubblico impiego della Cgil, fino a ieri sul piede di guerra, abbiano accettato nella massima tranquillità una dilatazione dei tempi fino al 2012, non fa ben sperare. In altre parole, segniamoci sull’agenda le date del 5-7 marzo 2012, ma le condizioni per guardare con serenità all’anno prossimo non ci sono proprio. Anzi, occorre vigilare ed agire da subito, per non ritrovarci domani con una democrazia sindacale mutilata.
E, beninteso, questa avvertenza non vale semplicemente per gli attivisti sindacali del sindacalismo di base, ma anche -e forse soprattutto- per quanti in Cgil pensano che il superamento della contrattazione separata non si faccia comprimendo lo spazio democratico dei lavoratori e delle lavoratrici e, in ultima analisi, convergendo sulla linea della Cisl.
 
cliccando sull’icona qui sotto puoi scaricare il testo del Protocollo sul rinnovo delle Rsu firmato il 11.04.2011
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 15/04/2011, in Pace, linkato 1192 volte)
Immensa tristezza e tanta rabbia è quello che sento. Vittorio Arrigoni non c’è più, gli hanno rubato la vita, l’hanno ammazzato. È successo tutto così in fretta. Ieri sera le terribili immagini di Vittorio rapito, poi la corsa al computer, per cercare di smuovere le acque, dalle mail a facebook, al telefono. Giravano i primi appelli da firmare ieri sera, venivano lanciate le prime mobilitazioni, a Roma, a Milano, da altre parti. Free Vittorio Arrigoni now! Liberatelo, ridatecelo! Poi la notte e il risveglio e… Vittorio non c’era più.
Tutto così in fretta, molte cose da chiarire, certo, ma soprattutto, ora, quella grande rabbia, perché Vittorio era di quelle persone che subito sentivi tuo fratello, perché era limpido nel suo impegno. Agiva come parlava e parlava come agiva. Lui la solidarietà la praticava, dal basso, direttamente. Vittorio con il suo agire disvelava le ipocrisie dell’Occidente.
Vittorio odiava la guerra e l’ingiustizia, amava la Palestina e la sua gente. E questa sua ostinazione di restare umano anche laddove la barbarie la faceva da padrona, ha fatto sì che rimanesse spesso l’unica voce italiana a raccontare gli orrori che vivevano i palestinesi di Gaza, rinchiusi dal governo di Israele in un carcere a cielo aperto.
Attraverso il Manifesto Vittorio divenne il nostro occhio durante l’operazione “piombo fuso” e anche oggi era quello che ci raccontava la realtà di Gaza. Ricordo, un mese fa a Milano, una serata per presentare la Freedom Flotilla e c’era la telefonata di Vittorio da Gaza City. Ci ha raccontato che quel giorno c’erano in piazza tantissimi giovani che chiedevano libertà e democrazia. Giovani come quelli di Tunisi o Il Cairo. Ebbene sì, perché Vittorio non sapeva raccontare soltanto gli orrori, ma anche le speranze. Anzi, forse soprattutto quelle.
Vittorio non c’è più e c’è un unico modo perché lui possa continuare a vivere. Cioè, rafforzare il nostro impegno a fianco del popolo palestinese, per la fine dell’assedio israeliano a Gaza e per rompere l’isolamento a cui è sottoposta, per una pace con giustizia. Insomma, rifiutando le voci di ipocriti ed avvoltoi che ora si leveranno per dire che bisogna stare lontani dai palestinesi.
 
Un abbraccio ai familiari di Vittorio, agli attivisti dell’International Solidarity Movement e a tutti quelli e quelle che gli volevano bene.
 
Ciao Vittorio! Restiamo umani.
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (233)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



20/11/2019 @ 06:25:21
script eseguito in 69 ms

Ci sono 28 persone collegate