\\ Home Page : Articolo : Stampa
PIEVE (PV): QUESTORE E PREFETTO IMPEDISCANO MARCIA ANTI-ROM DEI NEONAZISTI DI FORZA NUOVA
di lucmu (del 23/11/2007 @ 15:53:53, in Antifascismo, linkato 992 volte)
Ci risiamo. L’organizzazione neofascista Forza Nuova ha annunciato una imponente manifestazione regionale, per sabato 24 novembre a Pieve Porto Morone, contro i rom ospitati temporaneamente presso la Cascina Gandina del piccolo paese alle porte di Pavia.
Il tentativo è il solito, cioè cavalcare l’ostilità generalizzata da parte dei residenti di Pieve contro i rom, per tradurlo in consenso politico alle tesi apertamente razziste di FN. In fondo, basta guardare all’obiettivo dei neonazisti per capire di cosa si tratta. Cioè, 3 donne e 10 bambini che, peraltro, tra pochi giorni lasceranno la Cascina, come da tempo deciso, per trasferirsi in dei normalissimi appartamenti. Insomma, un’adunata di vigliacchi che fanno la guerra a un pugno di bambini!
E non è nemmeno la prima volta che succede, poiché un assedio anti-rom di FN si era già svolto a settembre e i telegiornali nazionali avevano mandato in onda teste rasate, braccia tese e grida ‘Sieg Heil’. Tutto questo senza che nessuna autorità competente si preoccupasse di intervenire oppure di denunciare posteriormente questi atti di apologia di fascismo e di incitamento all’odio razziale.
Pensiamo che questa insana tolleranza nei confronti di gruppi militanti di estrema destra sia un errore madornale, poiché è sufficiente guardare cosa succede nelle grandi città, per capire che il lasciar fare si traduce facilmente e inesorabilmente in legittimazione politica e istituzionale di aggressioni e fatti violenti.
Per questo motivo, non solo esprimiamo la nostra più totale solidarietà alle donne e ai bambini della Cascina, ma soprattutto chiediamo ai responsabili dell’ordine pubblico di Pavia di assumersi le loro responsabilità, tutelando gli aggrediti e non consentendo che vada in scena la parata neofascista.
 
comunicato stampa di Luciano Muhlbauer e Bebo Storti, consigliere regionale del Pdci