\\ Home Page : Articolo : Stampa
TERMINAL HUPAC DI BUSTO ARSIZIO: LICENZIAMENTI POLITICI E MANCATO RISPETTO DELLA SICUREZZA
di lucmu (del 08/09/2005 @ 15:18:09, in Lavoro, linkato 1475 volte)
Il Consigliere regionale di Rifondazione Comunista, Luciano Muhlbauer, parteciperà al presidio indetto domani dai lavoratori del SinCobas alle ore 13.30, davanti alla sede della Hupac Spa di Via Dogana, a Busto Arsizio. I lavoratori protesteranno contro il licenziamento avvenuto il 25 luglio scorso dell’attivista sindacale Natalino Nicita.
Sulla questione Muhlbauer ha presentato un’interpellanza alla Giunta, firmataria di un Accordo di programma a beneficio della Hupac, sollecitando perciò anche un intervento di monitoraggio e la subordinazione degli impegni regionali al rispetto della normativa sulla sicurezza e dei diritti dei lavoratori.
“Alla presenza di molti esponenti istituzionali - afferma Muhlbauer - si inaugurerà domani in pompa magna il terminal Hupac di Busto Arsizio. Ma fuori ci saranno anche i lavoratori, a ricordare l’altra faccia della medaglia, quella che l’azienda cerca di nascondere con ogni mezzo.
Il sindacalista Nicita ha denunciato ripetutamente il mancato rispetto delle norme di sicurezza e l’aggravarsi delle condizioni di lavoro e infine ha proceduto a una azione di protesta eclatante. A tutta risposta, Hupac Spa lo ha licenziato in tronco. Si tratta di un licenziamento politico in piena regola.
Hupac Spa è beneficiaria di un Accordo di Programma con Regione Lombardia in relazione al potenziamento del terminal intermodale. E’ pertanto imprescindibile che l’amministrazione regionale intervenga immediatamente al fine di verificare le condizioni di lavoro e di sicurezza e che subordini qualsiasi suo impegno al rispetto della normativa in vigore.
Hupac Spa, proprio nel giorno dell’inaugurazione, farebbe bene a chiarire quanto avviene nell’azienda e a revocare il licenziamento politico nei confronti di Nicita.”
 
Comunicato stampa