\\ Home Page : Articolo : Stampa
VIA CORELLI: FORMIGONI CHE DICE?
di lucmu (del 16/06/2005 @ 16:06:04, in Migranti&Razzismo, linkato 833 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su il Manifesto del 16 giugno 2005 (pag. Milano)
 
Il gruppo consiliare regionale di Rifondazione Comunista aderisce e sostiene l’iniziativa di mobilitazione per chiedere la chiusura del centro di detenzione per immigrati di Via Corelli a Milano. Il presidio-manifestazione si svolge oggi, giovedì 16 giugno, alle ore 18.00 in Piazza San Babila ed è organizzato dai firmatari dell’”Appello alla città”, che raccoglie numerosissime adesioni di associazioni, organizzazioni e personalità.
Un segnale assolutamente positivo perché una parte della città di Milano ha deciso di reagire allo scempio umano, civile e politico rappresentato dal Cpt di Via Corelli. Si tratta di luoghi di detenzione amministrativa, intollerabili in un paese civile, al di fuori della legalità costituzionale e disumani. Sono lo specchio più fedele di una politica sull’immigrazione che si affida unicamente alle misure repressive e che oggi è sostanzialmente fallita. Allo stato attuale la legge Bossi-Fini non è altro che una fabbrica di clandestinità.
Chiudere Via Corelli e tutti i Cpt in Italia è oggi un’urgenza e una occasione per iniziare a ripensare profondamente le politiche sull’immigrazione. O si punta sull’accoglienza, sull’integrazione e sui diritti oppure si lascerà campo libero a quanti, Lega Nord e gruppi di estrema destra, predicano la caccia all’uomo e portano avanti campagne d’odio, che altro non fanno se non creare conflitti e insicurezza per i cittadini, stranieri e italiani. La triste vicenda di Besano dovrebbe far riflettere.
I consiglieri regionali di Rifondazione prenderanno quindi parte alla mobilitazione, che include anche un incontro con il Prefetto, al quale verrà chiesto di garantire la possibilità di accesso al centro di Via Corelli da parte di organismi indipendenti.
Il Gruppo consiliare del Prc sollecita inoltre il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, a prendere posizione in merito alla questione.
Sono ormai otto le Regioni italiane che hanno aderito al coraggioso appello del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, per chiudere gli inutili e dannosi Cpt. Cosa aspetta la Giunta lombarda a prendere una posizione chiara?