\\ Home Page : Articolo : Stampa
INNSE: POLIZIA PRONTA A INTERVENIRE DOMANI CONTRO OPERAI. FORMIGONI INTERVENGA SUBITO
di lucmu (del 09/02/2009 @ 15:15:52, in Lavoro, linkato 1080 volte)
È stato convocato un presidio di sostegno agli operai per domani mattina, a partire dalle ore 6.00, davanti ai cancelli dell’Innse, in via Rubattino, 81 (zona Lambrate). Qui di seguito il nostro comunicato.
 
Chiediamo al Presidente Formigoni di intervenire con la massima urgenza per scongiurare lo smantellamento della fabbrica Innse di Milano-Lambrate e l’intervento delle forze di polizia contro gli operai, ormai quasi certo per domani mattina.
La Commissione IV (Attività produttive) del Consiglio regionale, in seguito all’audizione con le maestranze, aveva inviato il 2 febbraio scorso una nota formale al governo regionale in cui “chiede con forza che la Giunta regionale e gli Assessori Rossoni e La Russa, …, pongano in essere tutte le iniziative necessarie a salvaguardare il sito aziendale e la produzione, a scongiurare che lo stabilimento venga dismesso ed a facilitare, laddove possibile, eventuali proposte di acquisizione dell’azienda da parte di soggetti interessati”.
Eppure, nonostante tutto questo, soltanto due giorni più tardi, cioè il 4 febbraio, il secondo round del tavolo di confronto convocato dall’Assessore Rossoni era finito con un nulla di fatto e il tavolo era stato dichiarato chiuso. Dall’altra parte, era difficile, anzi impossibile, pensare che in sole due settimane la Regione potesse risolvere una vicenda che si trascina da lunghi mesi. In altre parole, il cerino è stato passato alla Questura, che appunto fa la questura e non può certo sostituirsi alla politica.
Tuttavia, al momento di chiudere il tavolo in Regione, l’Assessore Rossoni aveva anche dichiarato che questo non significava che la Regione si disinteressasse dell’Innse e che, anzi, il Presidente sarebbe stato informato tempestivamente. Ebbene, ora i 50 operai che presidiano da lunghi mesi il sito produttivo rischiano di venir presi a manganellate. Ecco perché il Presidente Formigoni deve intervenire subito.
Sarebbe peraltro cosa grottesca e offensiva che le istituzioni milanesi accettassero in piena crisi lo smantellamento di un sito produttivo sano e per il quale esistono possibili acquirenti e, soprattutto, un mercato certo di sbocco per le merci. L’unico problema è che l’attuale proprietario, cioè Silvano Genta, è un imprenditore un po’ particolare ed è assolutamente indisponibile a ogni soluzione positiva. Egli, infatti, non è interessato alla produzione, ma soltanto a realizzare un sovraprofitto, vendendo sul mercato i costosi macchinari che egli aveva acquistato nel 2006 a prezzi stracciati, grazie alla procedura di amministrazione straordinaria, ma anche con l’impegno di rilanciare l’azienda.
Della proprietà del terreno sul quale sorge la fabbrica, cioè la società Aedes, non vale nemmeno la pena discutere. Essa è sostanzialmente in fallimento e, con ogni probabilità, alla fine del mese subentrerà una nuova proprietà.
Non muovere un dito, come ha già deciso di fare il Comune di Milano, di fronte alla concreta prospettiva di un intervento violento contro gli operai, con il solo scopo che Genta si possa portare via i macchinari, significa rendersi complici degli interessi particolari di uno speculatore. Il Presidente Formigoni ha l’autorità, la possibilità e il dovere di impedire che questo scempio di compia. Chiediamo semplicemente che lo faccia.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer