\\ Home Page : Articolo : Stampa
ALLARME SU MANCANZA FONDI PER AMMORTIZZATORI SOCIALI E' REALE. ASSESSORE REGIONALE RIFERISCA SUBITO AL CONSIGLIO
di lucmu (del 12/03/2009 @ 17:00:59, in Lavoro, linkato 856 volte)
Comunicato stampa del Gruppo consiliare regionale di Rifondazione Comunista
 
Il Consigliere regionale di Rifondazione Comunista Luciano Muhlbauer ha oggi chiesto formalmente al Presidente della Commissione VII (Lavoro), Daniele Belotti, di convocare in audizione l’Assessore regionale al lavoro, Rossoni, al fine di informare dettagliatamente sull’ammontare dei fondi disponibili per la cassa integrazione in deroga e sulle iniziative del governo regionale in materia di sostegno al reddito e politica attiva del lavoro.
 
“L’allarme lanciato ieri dalle organizzazioni sindacali circa l’esaurimento dei fondi per la cassa integrazione in deroga in Lombardia - spiega Luciano Muhlbauer - è assolutamente reale e giustificato. Infatti, i residui dei fondi del 2008 sono praticamente finiti e gli stanziamenti annunciati dal Governo in varie conferenze stampa non si sono ancora visti e, comunque, si prospettano insufficienti di fronte alla gravità della situazione.”
“Per questo - aggiunge Muhlbauer - abbiamo chiesto che la Commissione Lavoro del Consiglio regionale convochi immediatamente l’Assessore Rossoni, al fine di acquisire tutti i dati utili per valutare la situazione, di conoscere lo stato di attuazione dell’accordo Governo-Regioni del 12 febbraio scorso e di essere informati in dettaglio sulle iniziative che la Giunta regionale intende promuovere per fronteggiare la grave crisi occupazionale.”
“Il sistema degli ammortizzatori sociali in vigore in Italia - afferma ancora  il consigliere del Prc - è inadeguato sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. E non è un caso che si continui a utilizzare uno strumento approssimativo e incerto, come la cassa in deroga, per cercare di dare una risposta ai tanti lavoratori e alle tante lavoratrici che non possono accedere alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria, come quelli delle piccole imprese o delle cooperative e quelli con rapporti di lavoro precari, esclusi comunque i cococo e cocopro.”
“Quello che ci vuole - conclude Luciano Muhlbauer - è una riforma complessiva del sistema, con l’estensione della cassa ordinaria a tutti e con l’introduzione del salario sociale. Ma nel frattempo, visto il totale disinteresse del Governo rispetto all’ipotesi di un nuovo welfare che comprenda tutti e tutte, che almeno si stanzino effettivamente e subito le risorse necessarie perché le Regioni possano utilizzare gli ammortizzatori in deroga per garantire un sostegno al reddito a tutti i lavoratori”.