\\ Home Page : Articolo : Stampa
PIANO CASA LOMBARDIA: SALTA IL CONSIGLIO DEL 1. LUGLIO DOPO GLI EMENDAMENTI PEGGIORATIVI DEL PDL
di lucmu (del 25/06/2009 @ 16:22:37, in Casa, linkato 1340 volte)
Salta la seduta del Consiglio regionale già fissata al 1° luglio, che doveva discutere e approvare il “piano casa” lombardo. È la prima conseguenza degli emendamenti fortemente peggiorativi presentati ieri in Commissione V (Territorio) da parte del relatore Bordoni, del Pdl (Popolo della Libertà).
Queste modifiche alla proposta di legge della Giunta regionale, approdate in Commissione a meno di una settimana dal programmato Consiglio, evidentemente non preoccupano soltanto le opposizioni, ma anche una parte della maggioranza di centrodestra.
Si tratta infatti di un regalo bello e buono a taluni interessi forti e rappresentano una ulteriore deregulation urbanistica.
E così, secondo gli emendamenti presentati, il bonus volumetrico non varrebbe più per i soli edifici residenziali, ma per qualsiasi edificio, anche in centro città, e per giunta senza alcun obbligo di mantenere la destinazione d’uso.
In secondo luogo, nei quartieri di Erp-Edilizia residenziale pubblica, dove il bonus è più consistente (pari, cioè, al 40%), ora gli enti proprietari, Aler e Comuni, non solo potrebbero cedere la volumetria aggiuntiva a soggetti privati, ma questi ultimi potrebbero persino spostarla in altri quartieri.
Infine, grazie a un emendamento che rappresenta forse più di ogni altro la filosofia di queste novità, al termine dei lavori non sarebbe nemmeno più necessario dimostrare di aver effettivamente realizzato un risparmio energetico. Infatti, verrebbe eliminato il dovere di presentare al Comune l’attestato di certificazione energetica.
Il “piano casa”, così com’era, non ci convinceva affatto, ma la sua nuova versione è semplicemente inaccettabile. Auspichiamo pertanto che il rinvio della seduta del Consiglio non si traduca in una pura perdita di tempo, ma diventi occasione perché si facciano udire quelle voci che, anche all’interno della maggioranza, pensano al territorio come a un bene comune e non come a un parco giochi per i soliti noti.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare la tabella sinottica con tutti gli emendamenti e osservazioni finora presentati in Commissione V. Segnaliamo in particolare quelli del Relatore agli articoli 3 e 4