\\ Home Page : Articolo : Stampa
FREE GAZA! - MANIFESTAZIONE A MILANO - VENERD̀ 4 GIUGNO, ORE 17.30, P.ZZA SAN BABILA
di lucmu (del 03/06/2010 @ 20:06:57, in Pace, linkato 4281 volte)
Nel quadro della giornata di mobilitazione nazionale, si tiene venerdì 4 giugno un corteo anche a Milano. L’appuntamento è alle ore 17.30 in piazza San Babila, dove già lunedì scorso si è tenuta una prima mobilitazione, iniziata come presidio, ma poi trasformatasi in corteo, vista la partecipazione di migliaia di persone.
La manifestazione è stata convocata dalle reti milanesi di solidarietà con la Palestina, insieme alle rappresentanze dei palestinesi in Italia (Comunità palestinese della Lombardia e Associazione dei palestinesi in Italia).
Vi invito a fare il possibile per far circolare l’appuntamento tra i vostri contatti, compagni, amici eccetera, perché è importantissimo che domani ci sia tanta gente nelle strade delle nostre città.
Perché non può essere accettato che uno stato tenga prigionieri un milione e mezzo di uomini e donne di ogni età, come accade con il blocco della striscia di Gaza, e che possa ammazzare nove persone disarmate, soltanto perché volevano forzare pacificamente quel blocco, senza che qualcuno chiami quei governanti a rispondere dei loro atti.
E perché non è possibile che il Governo italiano si comporti come si è comportato, prima, inalberandosi davanti ai giornalisti per dire che gli italiani sequestrati in acque internazionali e poi incarcerati in Israele “non sono prigionieri” e, poi, votando contro l’istituzione di una commissione d’inchiesta internazionale sulla strage.
Insomma, perché tutto questo non continui e, peggio, diventi “normale”, accettabile ed accettato, dobbiamo alzare la nostra voce. Perché il popolo palestinese, tenuto prigioniero in mezzo a muri di cemento, blocchi militari e ipocrisie e complicità internazionali, non rimanga da solo. Per tutto questo, partecipate!
 
Qui di seguito l’appello di convocazione della manifestazione:
 
A FIANCO DELLA FREEDOM FLOTILLA
SCENDIAMO IN PIAZZA
CONTRO I CRIMINI ISRAELIANI
 
All’alba del 31 maggio la Marina militare israeliana ha attaccato in acque internazionali le navi della Freedom Flotilla che, con 10.000 tonnellate di aiuti umanitari e circa 700 attivisti internazionali a bordo, si dirigevano verso le coste di Gaza. L’assalto ha provocato una strage tra gli internazionali, decine di feriti e il sequestro degli attivisti; a diverse ore dall’attacco non si hanno ancora notizie sulle loro condizioni, se non che sono ancora rinchiusi nelle prigioni israeliane del deserto del Neghev.
Con l’arrembaggio delle navi della Freedom Flotilla, cariche di civili, armati unicamente della loro solidarietà alla popolazione palestinese di Gaza da tre anni sotto embargo, Israele ha compiuto un vero e proprio atto di pirateria e di palese violazione del diritto internazionale. Come durante l’operazione Piombo Fuso, che a cavallo tra il 2008 e il 2009 ha provocato l’uccisione di oltre 1.400 palestinesi di Gaza e il ferimento di oltre 5.000, lo Stato di Israele continua a ritenersi sollevato da ogni regola del diritto internazionale, fino a compiere atti di terrorismo di Stato come quello che ha violentemente bloccato le imbarcazioni della Freedom Flotilla.
Nel nostro paese, come in tutto il mondo, tante manifestazioni hanno espresso una determinata protesta contro l’arroganza e la violenza militare israeliana e contro l’atteggiamento di una comunità internazionale che continua a rendersi complice garantendo l’impunità ai crimini di un paese ancora una volta immune da atti concreti di condanna delle sue politiche. Continueremo a scendere in piazza e invitiamo alla mobilitazione in tutte le città italiane finché tutti gli attivisti internazionali sequestrati da Israele non saranno liberati.
 
Israele non può rimanere impunita
Basta con il blocco di Gaza
Basta con l’occupazione
 
VENERDI’ 4 GIUGNO - GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE
 
MANIFESTAZIONE A MILANO
ORE 17.30 IN PIAZZA SAN BABILA
 
 
Comunità palestinese della Lombardia
Associazione dei palestinesi in Italia
Reti milanesi di solidarietà con la Palestina