\\ Home Page : Articolo : Stampa
28 GENNAIO: SCIOPERO GENERALE DEI METALMECCANICI E NON SOLO – A MILANO APPUNTAMENTO IN P.TA VENEZIA ALLE 9.30
di lucmu (del 28/01/2011 @ 00:35:41, in Lavoro, linkato 931 volte)
Venerdì 28 gennaio c’è lo sciopero generale dei metalmeccanici, proclamato dalla Fiom il 29 dicembre scorso, all’indomani dell’accordo separato di Mirafiori. Ci saranno manifestazioni regionali in tutta in Italia. In Lombardia, il corteo si terrà a Milano, con partenza alle ore 9.30 da Porta Venezia, per terminare in piazza Duomo, dove interverrà anche Maurizio Landini.
Ma venerdì in piazza non ci sarà soltanto la Fiom e neanche i soli metalmeccanici. Ahinoi, non è ancora lo sciopero generale e generalizzato che ci vorrebbe e che la Cgil –e tutte le sue categorie- non ha voluto e non intende tuttora promuovere, ma i metalmeccanici non saranno soli. Diversi soggetti, sindacali e di movimento, si sono infatti assunti la responsabilità di estendere e generalizzare la mobilitazione, perché di fronte a un attacco generale ci vuole una risposta generale.
 
Questa è in estrema sintesi la situazione (mi scuso in anticipo per eventuali dimenticanze):
 
Scioperi
Nella categoria dei metalmeccanici lo sciopero nazionale è stato proclamato anche da Usb e Cub. Lo Slai Cobas l’ha fatto in alcuni stabilimenti.
Inoltre, esistono specifiche proclamazioni di sciopero nei comparti Scuola e Università, da parte di Cobas Scuola e Cub (che ha proclamato lo sciopero anche tra i bancari).
Ma soprattutto ci sono le proclamazioni di sciopero generale di tutte le categorie (ad esclusione dei trasporti) di Confederazione Cobas, Usi-Ait e Cib-Unicobas (per maggiori dettagli, anche tecnici, rinviamo al nostro articolo del 13 gennaio scorso), che hanno dunque fornito la “copertura” necessaria affinché anche altre strutture sindacali e singoli  delegati o lavoratori potessero promuovere lo sciopero sul proprio posto di lavoro e/o territorio. Cosa che è avvenuta, anche a Milano, sebbene non siamo ovviamente in grado, data la frammentarietà della situazione, di poter fornire un quadro dettagliato.
 
Mobilitazione – la piazza milanese
La mobilitazione per la giornata del 28 va ben oltre i metalmeccanici, come aveva peraltro proposto la stessa Fiom sin dal 29 dicembre, coinvolgendo settori del sindacalismo di base (ovviamente, ci sono anche lavoratori e delegati della Cgil, ma nessuna categoria della Cgil ha invitato a scioperare!) e, soprattutto, dei movimenti (Uniti contro la crisi, studenti, centri sociali, associazioni, singoli cittadini).
Per quanto riguarda la piazza milanese, l’appuntamento principale, anche se non unico, è il corteo che partirà alle 9.30 da P.ta Venezia, per concludersi poi in piazza Duomo con un comizio finale, che prevede diversi interventi, compreso quello di Landini.
In P.ta Venezia ci saranno ovviamente gli operai della Fiom da tutta la Lombardia e ci sarà la maggioranza dei lavoratori del sindacalismo di base che domani scioperano (diversi luoghi di lavoro di Usb, Conf. Cobas, Slai Cobas, SiCobas), in buona parte presenti nello spezzone degli autoconvocati deciso nell’assemblea tenutasi al liceo Carducci il 25 gennaio, che al termine del comizio proseguirà fino a p.zza Santo Stefano. Ci saranno, inoltre, la Rete Studenti di Milano, San Precario, diversi centri sociali, gruppi di precari e insegnanti ecc.
Per completezza di informazione, vi segnaliamo altri due appuntamenti per la mattinata del 28 gennaio, convocati in luogo diverso dalla manifestazione di P.ta Venezia:
- la Cub organizza un presidio ad Arcore, davanti alla Villa S. Martino, a partire dalle ore 10.00;
- il Coordinamento dei Collettivi Studenteschi ha organizzato un corteo con appuntamento alle ore 9.30 in L.go Cairoli.
 
Ci vediamo in piazza domani!
 
Luciano Muhlbauer