\\ Home Page : Articolo : Stampa
VAL DI SUSA: LA GRANDE E STRAORINARIA MANIFESTAZIONE DEL 25 FEBBRAIO E LE SFIDE CHE CI ATTENDONO
di lucmu (del 26/02/2012 @ 16:39:05, in Movimenti, linkato 2527 volte)
Una grande, straordinaria e bellissima manifestazione, riuscita anche oltre le aspettative. Un serpentone lungo più di cinque chilometri, che ha riempito quasi per intero la strada che va da Bussoleno a Susa. Eravamo in tanti e tante, decine di migliaia, forse meno dei 75mila dichiarati dagli organizzatori, ma immensamente più numerosi rispetto ai 12mila riconosciuti dalla Questura di Torino. Ed eravamo uniti nelle nostre diversità in un unico movimento.
Alla testa la Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone, i gonfaloni dei Comuni e i Sindaci, compresi gli amministratori del Pd minacciati di espulsione dal partito alla vigilia della marcia, e quasi subito dopo i parenti e gli amici degli attivisti arrestati nella maxi retata del 26 gennaio scorso, a simboleggiare che la richiesta di liberazione appartiene a tutto il movimento. E poi, appunto, una marea di persone, tantissimi della valle, di ogni età, e poi gli uomini e le donne venuti da molte città. Moltissimi giovani e questo è importante.
Insomma, una manifestazione riuscita in pieno, senz’ombra di dubbio, e un fatto politico da non sottovalutare. Già, perché significa che la campagna di criminalizzazione di questi mesi ed i recenti arresti di attivisti non hanno raggiunto l’obiettivo di spezzare e disarticolare il movimento, né ad attenuare il dissenso e l’opposizione rispetto ad un’opera inutile e dai costi faraonici.
Una giornata quasi troppo perfetta per i no tav, quindi. E così, forse, non dovremmo stupirci troppo di fronte a quanto avvenuto alla stazione di Torino in serata, quando alcune centinaia di manifestanti che stavano per prendere il treno per Milano, hanno subito violente e ingiustificate cariche di polizia, causa qualche biglietto mancante.
E non dovrebbe sorprendere nemmeno che oggi la grande stampa ha sostanzialmente ignorato il corteo del 25 febbraio, relegando la notizia nelle pagine di cronaca, cioè a pagina 24 il Corriere e a pagina 19 La Repubblica. Forse il racconto di quel corteo avrebbe stonato troppo con quella linea editoriale tutta “violenti infiltrati” e “vogliono il morto”.
In altre parole, ieri i valsusini e il movimento No Tav hanno segnato un punto a proprio favore, dando una risposta politica significativa agli arresti degli attivisti. Per il governo Monti, che sulla questione Tav si muove in piena continuità con quello precedente, potrebbe essere persino un’occasione per rivedere l’approccio militaresco alla valle. Ma, ahinoi, questa prospettiva appare oggi poco probabile, poiché sono in gioco non solo i tanti interessi affaristici che girano attorno a quei 20 miliardi che costerebbe il Tav, ma anche il quadro generale disegnato dalle politiche dell’austerity e dello smantellamento dello stato sociale.
Infatti, non è un caso che gli allarmi lanciati alcuni giorni fa dal Capo della Polizia più pagato del mondo, Antonio Manganelli, circa aree “anarco-insurrezionaliste” che “vogliono il morto” mischiassero cose diverse, dalle proteste no tav fino alla cosiddetta riforma del mercato del lavoro, segnalando, peraltro, che forse il Ministro Fornero potrebbe entrare nel mirino dei terroristi. E buttare lì queste cose proprio nel momento in cui lo scontro sull’articolo 18 e sugli ammortizzatori sociali si intensifica e quando mancano soltanto due settimane allo sciopero generale della Fiom, ebbè, non è mica molto simpatico, anche se sa tanto di déjà vu.
E poi ci sono anche altri segnali preoccupanti, come quella pazzesca condanna a 4 e 5 anni di galera per due ragazzi ventenni, senza precedenti e sulla base di sole prove indiziarie,  per gli scontri a Roma del 15 ottobre scorso.
Insomma, ieri 25 febbraio è stata una buona giornata, ma questo non fa che aumentare le nostre responsabilità per il futuro. La lotta in Val di Susa, come non si stancano di ripetere i valsusini, sarà ancora lunga e già tra qualche giorno inizieranno gli espropri per fare posto al cantiere. E poi, continuano a stare in carcere molti degli attivisti arrestati e noi pensiamo che debbano uscire, per stare almeno ai domiciliari in attesa del processo.
In altre parole, la straordinaria manifestazione di ieri è anche un’occasione per andare oltre, per allargare il movimento no tav e per costruire relazioni e connessioni più strette con altri movimenti e altre lotte, come quella degli operai della Fiom e quella delle reti per il bene comune, ma anche con quelle dei tanti comitati cittadini che un po’ ovunque nascono contro il consumo e la devastazione del territorio.
 
di Luciano Muhlbauer