\\ Home Page : Articolo : Stampa
IL MIO 25 APRILE - CIOE' IL MIO RACCONTO DELLA GIORNATA
di lucmu (del 26/04/2010 @ 17:07:31, in Politica, linkato 1737 volte)
Ci sono molti modi di raccontare la giornata del 25 aprile di Milano di ieri. C’è quello delle destre, che ripropone il cliché dei “teppisti dei centri sociali”, e c’è quello di una serie di esponenti del Pd, che, ahinoi, assomiglia molto a quello della destre. Poi ci sono altri punti di vista ancora. E allora vorrei proporre il mio punto di vista, scegliendo però non la strada del proclama politico, bensì quella del semplice racconto della mia giornata, come l’ho vista e vissuta io.
Il mio 25 aprile è iniziato con le iniziative dell’Anpi nel mio quartiere, cioè via Padova. Come tutti gli anni, alle 10.00 è partito il corteo, aperto dalla banda musicale e dalle majorettes, che ha percorso il tratto da piazza Costantino fino al monumento ai caduti di viale Don Orione, fermandosi lungo strada davanti alle lapidi che sulla via ricordano i partigiani caduti, per collocarvi nuove e fresche corone di fiori.
Tutto come tutti gli anni, insomma, salvo un particolare. All’altezza del civico 257 c’è la stazione di Crescenzago dei Carabinieri. Anche lì c’è una lapide e anche lì è stata deposta una corona di fiori, ma, a differenza di tutti gli anni precedenti, nessun carabiniere si è fatto vedere. Anzi, la porta della stazione è rimasta chiusa, blindata.
Quelli dell’Anpi ci sono rimasti malissimo.
Ho chiesto al responsabile dell’Anpi di zona se i carabinieri erano stati avvisati. Lui mi ha detto di sì, che, anzi, lui stesso era passato il giorno prima, come sempre, per avvisarli e invitarli. Invece niente, zero, silenzio. Brutto segnale, ho pensato io, considerato che scelte di questo tipo difficilmente sono il frutto di decisioni autonome di stazioni di periferia, trattandosi di un corpo militare. Chissà, forse qualcuno dall’alto ha comunicato il ritornello che piace tanto a La Russa, cioè che le celebrazioni del 25 aprile sono roba “da comunisti” e che quindi non era opportuno prendervi parte.
Dall’altra parte, diversi Consigli di Zona di Milano, specie se presieduti da ex-An, sembrano pensarlo allo stesso modo, visto che quest’anno hanno tolto il patrocinio e/o gli spazi alle iniziative dell’Anpi. In cambio, qualcuno, come il CdZ 3, ha invece ritenuto opportuno concedere il patrocinio e il finanziamento pubblico a un concerto nazirock il 2 maggio. Beninteso, l’iniziativa dell’estrema destra è finita al 2 maggio solo dopo le denunce pubbliche e le proteste, perché altrimenti la faceva addirittura il 24 aprile…
Brutta aria, appunto, perché poi non finisce nemmeno lì. L’estrema destra, infatti, ha in programma una settimana intera di iniziative, formalmente legate all’anniversario dell’omicidio di Ramelli (29 aprile), compreso anche un 1° Maggio a modo loro: una giornata interna, con un torneo di calcio e un concerto finale, con gli “Amici del Vento”, storica band del neofascismo italiano, al Lido di Milano. Qui c’era il patrocinio del Comune per il torneo di calcio, ma questo è poi stato ritirato, mentre la Provincia di Milano ha mantenuto il patrocinio per il concerto serale.
Insomma, difficile pensare che tutti questi fatti, che si aggiungevano al clima politico generale del nostro paese, non pesassero in qualche modo sul corteo del 25 aprile.
Comunque sia, confesso, sono andato alla manifestazione con animo piuttosto calmo. Mi aspettavo certamente di sentire fischi contro Podestà e Moratti, che alla fine avevano deciso di partecipare lo stesso, ma questo era abbastanza ovvio, viste le premesse. E poi, fischiare è mica una questione da codice penale. Anzi, fa parte della normale dialettica politica. Si applaude o si fischia o si sta in silenzio, a seconda del gradimento.
E così, sono arrivato a P.ta Venezia. Mi hanno subito raccontato che c’era stata un po’ di tensione tra il servizio d’ordine della Cgil e lo spezzone del centro sociale Cantiere. Comunque, niente di grave, almeno così mi è parso, visto che tutto il corteo sfilava, con il Cantiere dietro lo spezzone della Cgil e davanti ai partiti (Pd, Prc, Sel ecc.).
E anch’io sfilavo, ovviamente, chiacchierando con compagni e conoscenti che incontravo lungo la strada, facendo avanti e indietro, soffermandomi un po’ sotto lo striscione della Fiom e un po’ con il camion del Cantiere. Insomma, non c’era proprio aria di scontri. E poi, era una bella giornata e, soprattutto, la manifestazione era grossa e con tanti giovani. In altre parole, le manovre e le operazioni delle destre per depotenziare e delegittimare il 25 aprile e la memoria della Resistenza non hanno funzionato. Anzi, c’è stata una bella risposta dal basso.
Arrivati a San Babila, il corteo ha imboccato corso Vittorio Emanuele II, sempre senza problemi e momenti di tensione. Ma poi, all’imbocco di piazza Duomo, alla fine del corso, cioè in un punto affollatissimo, tra manifestanti e passanti, all’improvviso cambia lo scenario. Agenti in tenuta antisommossa della Celere e dei reparti mobili di Carabinieri e Guardia di Finanza si fiondano nel corteo, posizionandosi davanti allo spezzone del Cantiere.
Io praticamente me li sono trovati davanti, la confusione era tanta e, visti gli spazi ristretti, l’affollamento e il modus operandi delle forze dell’ordine, era evidente che la situazione poteva degenerare con facilità. E così, come si fa di solito per evitare contatti e casini, mi sono messo davanti allo schieramento di agenti, con le braccia allargate e dicendo “calma tutti”. O meglio, non mi ricordo bene se quelle parole sono riuscito a pronunciarle fino in fondo, perché sono stato immediatamente abbattuto da un carabiniere mediante un violento colpo di manganello alla testa.
Ci tengo a precisare che eravamo ai momenti iniziali della manovra delle forze dell’ordine, che in quel momento non c’era nessuno che lanciava niente eccetera, perché prevaleva la sorpresa e il disorientamento. Insomma, è stata una violenza gratuita e ingiustificabile, che peraltro ha coinvolto anche un ragazzo giovanissimo che si trovava alle mie spalle.
Non so cosa sia successo immediatamente dopo la manganellata, perché ero per terra e tentavo di proteggermi la testa, ma quando alcuni manifestanti mi hanno aiutato a rialzarmi, vedevo che nel frattempo era accorso anche il servizio d’ordine della Cgil, tentando di separare gli agenti antisommossa dai manifestanti. Infine, dopo soltanto pochi minuti dal blitz, le forze dell’ordine si sono allontanate e hanno fatto proseguire il corteo, camion compreso.
Insomma, un’aggressione a freddo –non trovo altre parole-, il cui senso mi sfugge completamente. O meglio, se volessi trovare una spiegazione razionale al comportamento della Questura, ne vedo soltanto una: una sorta di spedizione punitiva, tesa a produrre il massimo di tensione e confusione possibile.
Comunque sia, arrivato in piazza, con leggerissimo ritardo, per ovvi motivi, ho visto che Podestà veniva fischiato da più un meno tutti, compreso ovviamente il Cantiere. Ma appunto, com’era già successo alla Moratti lungo il percorso del corteo, la contestazione non era certo un’esclusiva dei “teppisti dei centri sociali”, come oggi hanno raccontato diversi quotidiani, bensì di buona parte dei manifestanti.
Poi ho letto sui giornali che i “teppisti” avrebbero insultato anche ex-deportati ed ex-partigiani. Francamente non l’ho visto, né potevo vederlo, vista la mia posizione, ma se è successo davvero siamo di fronte a un’idiozia grossa come una casa. Quello che però ho visto e sentito è che ad un certo punto dal microfono del palco una voce gridava “sono un cassaintegrato dell’Eutelia!”. E a questo punto, chiarito chi stava parlando, sono stati spenti immediatamente gli impianti voce del Cantiere.
Ormai, per me la manifestazione stava finendo. Ho parlato con molte persone, diversi giornalisti mi hanno telefonato, chiedendomi cos’era successo, e anche alcuni funzionari della Questura mi hanno chiesto come stavo, rimediando, temo, risposte non troppo gentili...
Infine, prima di mettermi a riposo, ho deciso di fare un salto a Partigiani in Ogni Quartiere, in via dei Missaglia. E ho fatto bene, perché c’era tanta gente anche lì. Iniziativa pienamente riuscita e partecipata. Complimenti agli organizzatori.
A questo punto il racconto del mio 25 aprile finisce. Ognuno ne tragga le conclusioni che vuole, ma sicuramente avrete capito perché fatico terribilmente a ritrovarmi nel film raccontato oggi dalla maggioranza degli organi di stampa.