Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Su questo blog abbiamo denunciato ripetutamente l’uso sempre più spinto e sproporzionato di strumenti repressivi per contrastare e disincentivare le lotte sociali. Il caso più estremo ed eclatante è senz’altro il ricorso ad una figura di reato inventata dal fascismo e mai abolita in periodo democratico, cioè quella di “devastazione e saccheggio”, che sta generando degli autentici mostri, come dimostra l’esito complessivo dei processi sul G8 di Genova (vedi il mio articolo Marina, Alberto e Gimmy siamo noi). Ma appunto, è soltanto il caso più estremo, poiché esistono innumerevoli modi per criminalizzare il conflitto sociale:  per un precario o un operaio anche una multa salata per blocco stradale può risultare devastante.
Per questo, specie in questi tempi di crisi occupazionale e sociale, è maledettamente importante non sottovalutare quello che sta succedendo e non stare con le mani in mano. Occorre prendere un’iniziativa e quella avviata dall’Osservatorio sulla Repressione, insieme ad altre realtà, mi pare vada nella giusta direzione. Il Manifesto per un censimento delle denunce e l’amnistia per le lotte sociali pone il problema e vuole avviare un percorso.
Per quanto mi riguarda aderisco in pieno all’iniziativa e, quindi, vi propongo di fare altrettanto, qualora ovviamente ne condividiate il senso e l’obiettivo.
 
Luciano Muhlbauer
 
--------------
 
Manifesto per un censimento delle denunce e l’amnistia per le lotte sociali
 
Negli ultimi mesi, fra alcune realtà sociali, politiche e di movimento, ma anche singoli compagni e avvocati, è nato un dibattito sulla necessità di lanciare una campagna politica sull’amnistia sociale e per l’abrogazione del Codice Rocco. Da tempo l’Osservatorio sulla repressione ha iniziato un censimento sulle denunce penali contro militanti politici e attivisti di lotte sociali.
Ora abbiamo la necessità, per costruire la campagna, di un quadro quanto più possibile completo, che porterà alla creazione di un database consultabile on-line. Ad oggi sono state censite 17 mila denunce.
 
Il nuovo clima di effervescenza sociale degli ultimi anni, che non ha coinvolto solo i tradizionali settori dell’attivismo politico più radicale ma anche ampie realtà popolari, ha portato a una pesante rappresaglia repressiva, come già era accaduto nei precedenti cicli di lotte. Migliaia di persone che si trovavano a combattere con la mancanza di case, la disoccupazione, l’assenza di adeguate strutture sanitarie, la decadenza della scuola, il peggioramento delle condizioni di lavoro, il saccheggio e la devastazione di interi territori in nome del profitto, sono state sottoposte a procedimenti penali o colpite da misure di polizia. Così come sono stati condannati e denunciati militanti politici che hanno partecipato alle mobilitazioni di Napoli e Genova 2001 e alle manifestazioni del 14 dicembre 2010 e del 15 ottobre 2011 a Roma.
 
Il conflitto sociale viene ridotto a mera questione di ordine pubblico. Cittadini e militanti che lottano contro le discariche, le basi militari, le grandi opere di ferro e di cemento, come terremotati, pastori, disoccupati, studenti, lavoratori, sindacalisti, occupanti di case, si trovano a fare i conti con pestaggi, denunce e schedature di massa. Un “dispositivo” di governo che è stato portato all’estremo con l’occupazione militare della Val di Susa. Una delle conseguenze di questa gestione dell’ordine pubblico, applicato non solo alle lotte sociali ma anche ai comportamenti devianti, è il sovraffollamento delle carceri, additate dalla comunità internazionale come luoghi di afflizione dove i detenuti vivono privi delle più elementari garanzie civili e umane. Ad esse si affiancano i CIE, dove sono recluse persone private della libertà e di ogni diritto solo perché senza lavoro o permesso di permanenza in quanto migranti, e gli OPG, gli ospedali di reclusione psichiatrica più volte destinati alla chiusura, che rimangono a baluardo della volontà istituzionale di esclusione totale e emarginazione dei soggetti sociali più deboli.
 
Sempre più spesso dunque i magistrati dalle aule dei tribunali italiani motivano le loro accuse sulla base della pericolosità sociale dell’individuo che protesta: un diverso, un disadattato, un ribelle, a cui di volta in volta si applicano misure giuridiche straordinarie. Accentuando la funzione repressivo-preventiva (Fogli di via, Daspo, domicilio coatto), oppure sospendendo alcuni principi di garanzia (leggi di emergenza), fino a prevederne l’annientamento attraverso la negazione di diritti inderogabili. È ciò che alcuni giuristi denunciano come spostamento, sul piano del diritto penale, da un sistema giuridico basato sui diritti della persona a un sistema fondato prevalentemente sulla ragion di Stato.
 
Non è quindi un caso che dal 2001 a oggi, con l’avanzare della crisi economica e l’aumento delle lotte, si contano 11 sentenze definitive per i reati di devastazione e saccheggio, compresa quella per i fatti di Genova 2001, a cui vanno aggiunte 7 persone condannate in primo grado a 6 anni di reclusione per i fatti accaduti il 15 ottobre 2011 a Roma, mentre per la stessa manifestazione altre 18 sono ora imputate ed è in corso il processo.
 
Le lotte sociali hanno sempre marciato su un crinale sottile che anticipa legalità future urtando quelle presenti. Le organizzazioni della classe operaia, i movimenti sociali e i gruppi rivoluzionari hanno storicamente fatto ricorso alle campagne per l’amnistia per tutelare le proprie battaglie, salvaguardare i propri militanti, le proprie componenti sociali. Oggi sollevare il problema politico della legittimità delle lotte, anche nelle loro forme di resistenza, condurre una battaglia per la difesa e l’allargamento degli spazi di agibilità politica, può contribuire a sviluppare la solidarietà fra le varie lotte, a costruire la garanzia che possano riprodursi in futuro. Le amnistie sono un corollario del diritto di resistenza. Lanciare una campagna per l’amnistia sociale vuole dire salvaguardare l’azione collettiva e rilanciare una teoria della trasformazione, dove il conflitto, l’azione dal basso, anche nelle sue forme di rottura, di opposizione più dura, riveste una valenza positiva quale forza motrice del cambiamento.
 
In un’ottica riformatrice le amnistie politiche sono sempre state strumenti di governo del conflitto, un mezzo per sanare gli attriti tra costituzione legale e costituzione materiale, tra le fissità e i ritardi della prima e l’instabilità e il movimento della seconda. Sono servite a ridurre la discordanza di tempi tra conservazione e cambiamento, incidendo sulle politiche penali e rappresentando passaggi decisivi nel processo d’aggiornamento della giuridicità. È stato così per oltre un secolo, ma in Italia le ultime amnistie politiche risalgono al 1968 e al 1970.
 
Aprire un percorso di lotta e una vertenza per l’amnistia sociale – che copra reati, denunce e condanne utilizzati per reprimere lotte sociali, manifestazioni, battaglie sui territori, scontri di piazza – e per un indulto che incida anche su altre tipologie di reato, associativi per esempio, può contribuire a mettere in discussione la legittimità dell’arsenale emergenziale e fungere da vettore per un percorso verso una amnistia generale slegata da quegli atteggiamenti compassionevoli e paternalisti che muovono le campagne delegate agli specialisti dell’assistenzialismo carcerario, all’associazionismo di settore, agli imprenditori della politica. Riportando l’attenzione dei movimenti verso l’esercizio di una critica radicale della società penale che preveda anche l’abolizione dell’ergastolo e della tortura dell’art. 41 bis.
 
Chiediamo a tutti e tutte i singoli, le realtà sociali e politiche l’adesione a questo manifesto, per iniziare un percorso comune per l’avvio della campagna per l’amnistia sociale.
 
A coloro che hanno a disposizione dati per il censimento chiediamo inoltre di compilare la scheda che può essere scaricata qui.
 
Schede e/o adesioni vanno inviate a:
 
 
PRIME ADESIONI AL MANIFESTO
(per ulteriori aggiornamenti visita il sito www.osservatoriorepressione.org)
 
Adesioni collettive:
ACAD, Associazione contro abusi in divisa onlus
Acoustic Impact, gruppo musicale
Assalti Frontali, gruppo musicale
Associazione Solidarietà Proletaria (ASP)
ATTAC Italia
Azione antifascista Teramo
Banda Bassotti, gruppo musicale
BandaJorona, gruppo musicale
Baracca Sound, gruppo musicale
Blocchi Precari Metropolitani, Roma
Centro sociale 28 maggio, Rovato (BS)
Coordinamento regionale dei Comitati NoMuos
Comitato Amici e Familiari Davide Rosci
Comitato di Quartiere Torbellamonaca, Roma
Comitato Piazza Carlo Giuliani, Genova
Communia, Spazio di mutuo soccorso, Roma
Confederazione dei Comitati di Base (COBAS)
Confederazione COBAS Pisa
Confederazione COBAS Terni
Consiglio Metropolitano di Roma
Coordinamento Regionale USB Umbria
CPOA Rialzo, Cosenza
CSA Depistaggio, Benevento
CSA Germinal Cimarelli, Terni
CSOA Angelina Cartella, Reggio Calabria
Ginko (Villa Ada Posse) & Shanty Band, gruppo musicale
ISM – Italia
Ital Noiz Dub System, gruppo musicale
L@p Asilo 31- Laboratorio per l’Autorganizzazione Popolare Asilo 31, Benevento
Lavoratori Autorganizzati Ministero dell’Economia e delle Finanze
Legal Team Italia
LOA Acrobax, Roma
Madri per Roma città aperta
Movimento No Tav
Occupazioni Precari Studenti OPS area Castelli romani
Osservatorio sulla repressione
Radici nel cemento, gruppo musicale
Radio Maroon, gruppo musicale
RAT – Rete Antifascista Ternana
Redgoldgreen, gruppo musicale
Rete Bresciana Antifascista
Rete 28 aprile Fiom - opposizione Cgil
Spazio Popolare Occupato S. Ermete, Pisa
Terradunione, gruppo musicale
Tribù Acustica, gruppo musicale
Unione Sindacale di Base (USB)
USB Bergamo
Wu Ming - scrittori
99 Posse, gruppo musicale
 
Adesioni individuali:
Alessandro Dal Lago
Alessandra Magrini (AttriceContro), Roma
Alfredo Tradardi, coordinatore ISM – Italia
Alfonso Perrotta, Roma
Anna Balderi, Ladispoli
Andrea Bitonto
Antonino Campenni, ricercatore Università della Calabria
Antonio Musella, giornalista, Napoli
Assia Petricelli
Beppe Corioni
Bianca «la Jorona» Giovannini, musicista
Carlo Bachschmidt, consulente tecnico processi G8
Carlo Pellegrino, medico chirurgo
Carlo TompetriniCarmelo Eramo, insegnante
Caterina Calia, avvocato, Roma
Cesare Antetomaso, Giuristi Democratici
Checchino Antonini, giornalista di Liberazione
Claudia Urzi, insegnante
Claudio Dionesalvi, insegnante
Claudio Guidotti, Roma
Cosimo Maio, Benevento
Cristiano Armati, scrittore
Cristina Povoledo, Roma
Daniela Frascati, scrittrice
Daniele Catalano
Daniele Sepe, musicista
Dario Rossi, avvocato, Genova
Davide Rosci, detenuto per i fatti del 15 ottobre 2011
Davide Steccanella, avvocato, Milano
Demetrio Conte, Counselor ed educatore, Milano
Don Vitaliano Della Sala, parroco
Donatella Quattrone, blogger
Elena Giuliani, sorella di Carlo Giuliani
Emanuela Donat Cattin, Milano
Emidia Papi, USB
Enrico Contenti, ISM-Italia
Ermanno Gallo, scrittore, cittadino
Erri De Luca, scrittore
Fabio Giovannini, scrittore e autore televisivo
Federico Mariani, Roma
Federico Micali
Francesca Panarese, Benevento
Francesco Barilli, coordinatore reti-invisibili.net
Francesco Caruso, ricercatore Università della Calabria
Francesco Romeo, avvocato, Roma
Franco Coppoli, COBAS Terni
Franca Gareffa, Dipartimento sociologia Università della Calabria
Franco Piperno, docente di Fisica, Università della Calabria
Fulvia Alberti, regista
Gabriella Grasso, Milano
Gigi Malabarba
Gilberto Pagani, avvocato, presidente Legal Team Italia
Giovanni Russo Spena, responsabile giustizia PRC
Giulia Inverardi, scrittrice
Giulio Bass, musicista
Giulio Laurenti, scrittore
Giuseppina Massaiu, avvocato, Roma
Gualtiero Alunni, portavoce Comitato No Corridoio Roma-Latina
Guido Lutrario, USB, Roma
Haidi Gaggio Giuliani, Comitato Piazza Carlo Giuliani
Italo Di Sabato, Osservatorio sulla repressione
Laura Donati
Lello Voce, poeta
Lorenzo Guadagnucci, giornalista, Comitato Verità e Giustizia per Genova
Luciano Muhlbauer
Ludovica Formoso, praticante avvocato, Roma
Luigi Fucchi, coordinamento regionale USB Umbria
Manlio Calafrocampano, musicista
Marco Arturi, Rete 28 aprile, Torino
Marco Bersani, Attac Italia
Marco Clementi, storico
Marco Di Renzo, Roma
Marco Rovelli, scrittore e musicista
Marco Spezia, Tecnico della sicurezza su lavoro, Sarzana (SP)
Mario Battisti, Roma
Mario Pontillo, responsabile carceri PRC
Massimo Carlotto, scrittore
Mc Shark, Terradunione, musicista
Michele Baronio, attore
Michele Capuano, regista-scrittore
Michele Vollaro, storico e giornalista
Miriam Marino, scrittrice, Rete ECO, AMLRP
Nando Grassi, insegnante, Palermo
Nicoletta Crocella, responsabile edizioni Stelle Cadenti
Nunzio D’Erme, Roma
Paola Staccioli, Osservatorio sulla repressione
Paolo Caputo, ricercatore Università della Calabria
Paolo Di Vetta, Blocchi Precari Metropolitani
Paolo Persichetti, insorgenze.wordpress.com
Paolo “Pesce” Nanna, comico periferico
Pasquale Vilardo, avvocato, Toma
Pino Cacucci, scrittore
Rasta Blanco, musicista
Renato Rizzo, segreteria romana Unione Inquilini
Riccardo Infantino, insegnante
Roberto Ferrucci, scrittore
Roberto Vassallo, Direttivo CGIL Milano, RSU FIOM Almaviva Milano
Rodolfo Graziani, Terni
Salvatore Palidda, Università di Genova
Serge Gaggiotti (Rossomalpelo), cantautore
Sergio Bellavita, portavoce nazionale Rete 28 aprile Fiom
Sergio Bianchi, casa editrice DeriveApprodi
Sergio Riccardi, Roma
Silvia Baraldini, Roma
Simonetta Crisci, avvocato, Roma
Stefano Ciccantelli, coordinatore circolo SEL Pineto (TE)
Stefano Poloni, Milano
Tamara Bartolini, attrice
Tatiana Montella, avvocato
Tiziano Loreti, Bologna
Valentina Perniciaro, blogger baruda.net
Valerio Evangelisti, scrittore, Bologna
Valerio Mastandrea, attore
Valerio Monteventi, Bologna
Vincenzo Brandi, ingegnere, ISM-Italia
Vincenzo Miliucci, COBAS, Roma
Vittorio Agnoletto
Wsw Wufer, musicista
 
per aderire manda mail a amnistiasociale@gmail.com
 
Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 15/07/2013, in Politica, linkato 784 volte)
Due fatti di questi giorni la dicono lunga sullo stato della nazione, molto più di tante disquisizioni. E non è questione di “limiti superati” o di qualcuno che ha “sbagliato”, poiché i protagonisti delle vicende sono il vicepresidente del Senato e ex Ministro di quel partito, la Lega, che governa mezzo Nord (Lombardia, Piemonte e Veneto) e il Ministro degli Interni in carica, che rappresenta il partito e la persona di Silvio Berlusconi. Ma andiamo con ordine, richiamando a memoria i fatti.
 
Fatto n. 1. Roma, fine maggio. Con una velocità procedurale mai vista e con un dispiegamento di forze dell’ordine degno di un’operazione contro Al Qaeda vengono prima catturate e poi espulse la moglie e la figlia del principale dissidente kazako, che vive in esilio a Londra. Tutta la vicenda è illegale, poiché Alma Shalabayeva e sua figlia Alua non potrebbero essere espulse, e per giunta l’operazione è stata sollecitata dall’ambasciata del Kazakistan, che ha contattato direttamente il capo gabinetto del Viminale.
Il Ministro Alfano dichiara che non ne sapeva nulla (e così dice anche il Ministro degli Esteri, Bonino), nonostante il coinvolgimento diretto dei massimi livelli dirigenziali del Ministero e della Polizia di Stato e la mobilitazione di mezza Questura di Roma.
Rimane il fatto che grazie a questa operazione la moglie e la figlia di uno dei principali oppositori sono ora ostaggi del dittatore kazako, Nursultan Äbiþulý Nazarbaev. Forse vi chiederete cosa c’entri il governo italiano con il tiranno kazako. Ebbene, non lo so, ma so che Nazarbaev e Berlusconi si considerano “amici” e che Alfano è il rappresentante di Berlusconi nel governo, nonché il capo supremo di coloro i quali hanno gestito l’espulsione lampo…
 
Fatto n. 2. Treviglio, 13 luglio, festa della Lega Nord. Roberto Calderoli fa il suo comizio e, ovviamente, non ce la fa a non dedicarsi a uno dei principali sport leghisti di questi tempi, cioè insultare il Ministro dell’Integrazione Cécile Kyenge. Ha detto che lei assomiglia a un “orango”. Poi si è scusato, però, e ha spiegato che non voleva offenderla e che “citare l’orango era un giudizio estetico che non voleva essere razzista” (vedi intervista Corsera di oggi)…
Già, Calderoli ha voluto strafare visto che Bossi gli aveva appena dato del “democristiano” e così avrà pensato che bisognava tornare ai bei vecchi tempi, in cui lui mostrava in Tv magliette anti-Maometto e si dedicava a cose edificanti come organizzare Maiale Day contro le moschee. Ma il punto non è questo, bensì il fatto che lui sta facendo esattamente la stessa cosa che fa tutta la Lega, sin dall’annuncio della nomina a Ministro di Cécile Kyenge. Ebbene sì, da ben prima che Kyenge potesse iniziare a parlare di ius soli o di altre proposte politiche, perché in realtà il peccato originale e imperdonabile è il colore della sua pelle. Appunto, come dice Calderoli, “è un giudizio estetico”!
Infatti, la Lega non si è scandalizzata più di tanto e Salvini si è limitato a dire che in realtà il problema sono i giornalisti che ne parlano, mentre il Presidente lombardo, Maroni, ha pensato bene di sottolineare che Calderoli si era scusato (sic).
 
Ebbene, questo è il breve riepilogo dei fatti, che ovviamente già conoscevamo. Ma è sempre bene metterli in fila, così non corriamo il rischio di sottovalutarli. Il quadro d’insieme che ne viene fuori è desolante, perché ci parla dell’Italia di questi tempi, delle macerie del ventennio berlusconiano-leghista e delle poco magnifiche sorti dei governi delle larghe intense.
Non me ne frega nulla del paese normale di veltroniana memoria, vorrei semplicemente un paese che recuperi un minimo di dignità. Un posto dove gente che si comporta come Calderoli o Alfano va cacciata via dalle responsabilità pubbliche, senza tanti bla bla bla, come se fosse una cosa normale.
Temo, ahimè e ahinoi, che anche un minimo di dignità oggigiorno sia merce rara…
 
Luciano Muhlbauer
 
P.S. a proposito, ho fatto un giro sul blog di Beppe Grillo, dove a volte si trovano cosa interessanti e utili, altre volte un po’ meno. C’è qualcosina sulla vicenda kazaka, ma sugli insulti di Calderoli a Kyenge, nulla. Neanche una parola, almeno fino al momento della pubblicazione di questo post. E penso che non sia una cosa bella e che, anzi, faccia parte del problema.
 
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Che si alzasse un’ondata di polemiche da parte delle destre e della Lega, dopo l’attentato incendiario che ieri mattina ha danneggiato la sede milanese del gruppo neonazista Lealtà Azione, stava nella normalità delle cose. E non sorprende neanche che si tirasse in ballo il Sindaco Pisapia, accusato di non essere connivente con i gruppi neofascisti come lo erano invece i suoi predecessori, anche se le parole della consigliera provinciale Capotosti (FdI) hanno francamente passato il segno. Ma quello che non può essere in nessun caso tollerato e permesso è che da parte dei gruppi dell’estremismo neofascista e neonazista vengano indicati dei bersagli da colpire, con tanto di nome e cognome.
Ha iniziato la Destra per Milano, il gruppo di Jonghi Lavarini, che, giusto per essere originale, ha indicato come “responsabile morale” Saverio Ferrario, il principale animatore dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre.
Poi sono arrivati quei gentiluomini di Forza Nuova, cioè quelli che appena due giorni fa hanno appeso a Pescara dei cappi contro la Ministra Kyenge, i quali sul loro sito milanese hanno pubblicato una sorta di fatwa contro persone e realtà colpevoli di monitorare e denunciare le attività dei gruppi militanti del neofascismo milanese. Ovviamente, in cima alla loro lista c’è il solito Saverio Ferrari, ma poi tocca subito a delle realtà di movimento, cioè Milano In Movimento e Zam, e al sito curato dai compagni e dalle compagne di Dax.
Manco a dirlo, anche Forza Nuova se la prende con Pisapia, accusandolo delle solite cose, con l’aggiunta, degna della statura morale dei neonazisti, di essere amico dei pedofili (sic).
Ebbene, i neofascisti milanesi hanno fatto nomi e cognomi, hanno indicato bersagli. Non lo fanno tanto per la vicenda dell’incendio doloso di via Govone, ma perché non riescono a sopportare che ci siano degli antifascisti, che ci sia qualcuno che non sta zitto, che cerca di contrastare i loro piani, anche solo con l’informazione.
Da parte mia esprimo la massima solidarietà a chi è stato fatto oggetto di minacce, più o meno velate.
A chi, invece, è passato a emettere fatwa, contro singole persone e realtà collettive, va rammentato che verrà ritenuto responsabile di eventuali conseguenze.
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (9)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Mentre l’attenzione generale è rivolta a congressi di partito e processi eccellenti, a scandali kazaki e padani (dove il vero scandalo sta nel fatto che Alfano e Calderoli stiano tuttora al loro posto), ci sono alcuni dirompenti provvedimenti che avanzano silenziosi e imperterriti, incuranti del pantano politico. Di cosa stiamo parlando? Semplice, dell’unica ricetta, a parte l’austerità, di cui le classi dirigenti lombarda, italiana ed europea sembrano disporre in questi tempi di crisi, cioè precarietà, precarietà e ancora precarietà.
E nulla sembra poter fermare questo mantra bipartisan, né il fatto che i lunghi anni di applicazione di questa ricetta, in Italia e in Europa, abbiano dimostrato la sua totale inefficacia rispetto agli obiettivi dichiarati (occupazione, competitività, ripresa), né le periodiche grida di allarme, ipocritamente altrettanto bipartisan, di fronte alla pubblicazione di dati sempre più allarmanti, come quelli recentissimi dell’Ocse, che ci dicono che il 53% dei giovani sotto i 25 anni che lavorano, lo fanno ormai con un contratto precario. No, tutto ciò non ha alcuna importanza e il coro continua a ripetere: più flessibilità (del lavoratore, si intende), meno diritti, meno salario.
Ma, a questo punto, vediamo cosa succede concretamente in questa estate. In realtà, stiamo parlando di due discussioni e due percorsi diversi, ma talmente intrecciati tra di loro che finiscono per alimentarsi a vicenda: il cosiddetto decreto lavoro del Governo Letta-Alfano (Decreto Legge n. 76 del 28 giugno 2013) e la discussione sui contratti flessibili in vista di Expo 2015. Ambedue, a un solo anno di distanza dalla riforma Fornero, ri-affrontano il tema dei contratti di lavoro a termine e ambedue spingono nella medesima direzione, cioè verso l’allargamento della sfera dei contratti precari, a discapito di quella del contratto a tempo indeterminato.
Insomma, non stiamo parlando di un tema qualsiasi, ma del tema centrale e strategico in materia di mercato del lavoro, di diritti del e nel lavoro e di livelli e sicurezza della retribuzione. Inoltre, va sempre ricordato che il nostro ordinamento continua a definire il “contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato” come forma tipica, considerando dunque quella a tempo determinato come atipica. Ecco perché, dal pacchetto Treu in poi, cioè dal lontano 1997, tutta la partita si è sempre giocata sul questo terreno.
Ma andiamo con ordine.
 
Il Decreto Legge n. 76/2013
Come ogni decreto legge, anche il n. 76 necessita di essere convertito in legge. E ciò deve avvenire entro il 27 agosto, con l’approvazione da parte di ambedue i rami del Parlamento. Vale a dire, tutta la discussione avverrà tra fine luglio e fine agosto, come in tutti i cult della serie “come smantellare i diritti dei lavoratori”…
A proposito di questo decreto si era parlato sui media anzitutto per l’aspetto degli incentivi, ma molto poco per quello dei contratti a tempo determinato. Anche la lettera aperta al Segretario Pd Epifani da parte del Prof. Piergiovanni Alleva era stata sostanzialmente ignorata dai media, sebbene il giuslavorista usasse toni particolarmente forti e allarmanti, definendo il decreto lavoro il “più micidiale attacco mai portato ai diritti dei lavoratori” e accusando il Governo Letta di “ipocrisia”.
In estrema sintesi e senza perderci in troppi tecnicismi, il nodo della questione consiste nella questione della “acausalità”, della durata dei contratti e degli intervalli tra un contratto e l’altro. Cioè, siccome per il nostro ordinamento il contratto a tempo determinato è appunto atipico, la legge (Dlgs n. 368 del 6 settembre 2001 e successive modificazioni) prevede che il ricorso a questo debba essere motivato da cause “di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili alla ordinaria attività del datore di lavoro”. Ovviamente, nella realtà di tutti i giorni queste cause vengono spesso aggirate e negli anni si sono stratificate delle eccezioni normative a queste cause. Per esempio, l’attuale regime (così come modificato dalla Riforma Fornero del 2012) prevede che in caso di “primo rapporto a tempo determinato, di durata non superiore a dodici mesi” possa essere derogato al principio della causalità. Inoltre, la norma attuale prevede che ci debba essere un intervallo, una pausa, tra la fine di un contratto a termine e la riassunzione dello stesso lavoratore con contratto a termine da parte dello stesso datore di lavoro: 60 giorni in caso di contratti da 6 mesi e 90 in caso di contratti di durato superiore (termini però derogabili in alcune situazioni specifiche).
Ebbene, il DL n. 76/2013 interviene anzitutto sulla durata dei contratti “acausali”, mantenendo ferma in linea di principio la durata dei 12 mesi, ma prevedendo poi un micidiale meccanismo di deroga, praticamente senza confini e affidato alla contrattazione tra le parti sociali, persino a livello aziendale! Per capirci, di fatto viene esteso anche a questo campo la “contrattazione di prossimità”, cioè quel famigerato meccanismo previsto dall’art. 8 del DL 138/2011, voluto e imposto a suo tempo dall’allora Ministro Sacconi, d’accordo con la Cisl di Bonanni. E immaginatevi che cosa potrà succedere nella realtà reale, in un confronto a livello aziendale tra Rsu (o Rsa) e padrone, in piena crisi…. Provate a indovinare chi avrà la meglio nel 90% dei casi…
Il DL 76 interviene poi sugli intervalli tra un contratto e l’altro, riducendoli a 10 giorni nel caso di contratto da 6 mesi e a 20 giorni negli altri casi. Tuttavia, anche questi limiti sono liberamente derogabili da accordi tra le parti, compresi quelli aziendali. Cioè, la pause potrebbero anche essere azzerate.
 
Expo 2015
A guardare bene, in questo caso siamo di fronte a un vero e proprio paradosso. La richiesta di avere deroghe e “più flessibilità” in materia di contratti di lavoro era partita da Milano, dov’è localizzato l’evento, ed era stata motivata con la temporaneità della nuova occupazione generata dall’evento. Tuttavia, la discussione al riguarda si è svolta e si svolgerà a Roma…  
Inizialmente il Presidente di Confindustria e il Pdl, attraverso il solito Sacconi, ora Presidente della Commissione Lavoro del Senato, volevano addirittura inserire tali richieste nel DL 76, mediante alcuni emendamenti che avrebbero accentuato ulteriormente gli aspetti che abbiamo sopra esposto (reiterazione di contratti “acausali” per 36 mesi, apprendistato corto ecc.), rendendo così le “eccezioni” milanesi immediatamente generali.
Questo era però un po’ troppo anche per il Pd delle larghe intese e per una Cgil che a suo tempo aveva ufficialmente osteggiato la logica dell’articolo 8 di Sacconi, mentre ora di fatto l’ha accettata nelle ipotesi contenute nel DL 76. E poi, anche la Cisl aveva brontolato.
Insomma, alla fine non ci saranno emendamenti targati Expo al DL 76, ma in cambio è stato avviato un tavolo nazionale specifico tra le parti. La road map è questa: appuntamenti intermedi con il Ministro il 30 luglio e il 29 agosto, chiusura del tavolo entro il 15 settembre. Se ci sarà un accordo tra le parti bene, altrimenti interverrà il Governo.
Nessuno ha la sfera di cristallo e non sappiamo ovviamente come vada finire questo tavolo, ma è evidente che la conclusione non potrà essere migliorativa rispetto al DL 76 e che si tratterà soltanto di capire di quanto sarà peggiorativa e, soprattutto, quale sarà l’estensione geografica e temporale delle ulteriori “deroghe”.
 
In conclusione, in armonia con le indicazioni della Bce e con gli interessi del padronato nostrano, si sta realizzando un ulteriore e pesantissimo assalto al contratto a tempo indeterminato. E la questione non è astratta o ideologica, ma estremamente concreta e pratica. Infatti, non si capisce proprio che beneficio possa esserci per l’occupazione, quando si allargano talmente tanto i confini del contratto a tempo determinato, da renderlo utilizzabile liberamente anche in casi di esigenze produttive continuative. In altre parole, l’impresa assumerà sempre il medesimo numero di lavoratori (nella misura in cui assume, ovviamente), ma lo farà sempre di più con contratti a termine, invece che con contratti a tempo indeterminato.
Insomma, rendendo normale e tipico il contratto precario, non si incide sui livelli occupazionali, ma si danneggia il lavoratore e la lavoratrice, favorendo esclusivamente la parte padronale. Infatti, quando vieni strutturalmente licenziato/riassunto ogni X mesi, tutti i tuoi diritti e tutele previsti dalla normativa vigente (Statuto Lavoratori, art. 18, sicurezza sul lavoro, diritto di sciopero o, più banalmente, la possibilità di protestare quando non ti pagano tutte le ore lavorate…) non sono più esigibili. Cioè, tu puoi ovviamente esigerli, ma lui può non riassumerti….
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pensavamo che fosse una vicenda chiusa, consegnata definitivamente all’archivio delle cose tristi e ignobili da non dover rivedere mai più. Pensavamo che i ladri di lapidi appartenessero a un’altra epoca della storia cittadina, che ormai non fosse più possibile sfregiare la memoria di una generazione, di più generazioni. Ci eravamo sbagliati, perché dove non era riuscita l’arroganza e la prepotenza di Albertini e De Corato, ora rischia di arrivarci la sciatteria politica. E così, rieccoci, sette anni più tardi, a dover riparlare della lapide a Giuseppe Pinelli.
In piazza Fontana ci sono due lapidi che ricordano Giuseppe Pinelli, il ferroviere anarchico fermato dalla polizia nell’ambito dei primissimi depistaggi seguiti alla strage del 12 dicembre 1969. Pinelli non uscì vivo dalla Questura, nella notte tra il 15 e il 16 dicembre, durante gli interrogatori, era precipitato da una finestra del quarto piano. All’inizio la polizia parlò di suicidio, ma quella tesi era palesemente insostenibile. Gli anarchici, la sinistra extraparlamentare e i movimenti parlarono di omicidio. Le vicende processuali si conclusero, invece, con una spiegazione più unica che rara, cioè Pinelli sarebbe volato fuori dalle finestra in virtù di un “malore attivo”, che avrebbe alterato il suo “centro di equilibrio”.
Ebbene, la prima lapide, quella originale, fu collocata in piazza Fontana nel 1976, porta la firma “gli studenti e i democratici milanesi” e recita “Ucciso innocente nei locali della Questura di Milano”. L’altra lapide è molto più recente ed era destinata, nelle intenzioni di Albertini e De Corato, a sostituire quella storica. Porta la firma del Comune di Milano e recita “Innocente morto tragicamente nei locali della Questura di Milano”.
E all’inizio sostituirono effettivamente la lapide, nel senso che una notte di marzo del 2006, come dei ladri di pollo, gli uomini del Comune rimossero la lapide originaria e misero al suo posto quella nuova e diversa. Ma la manovra non passò, per fortuna ci fu una sana reazione e alcuni giorni più tardi, il 23 marzo, militanti anarchici e della sinistra milanese rimisero la vecchia lapide, di cui esisteva un’altra copia, al suo posto. Da allora in piazza Fontana ci sono due lapidi, quella giusta, che parla della verità storica e della memoria dei milanesi, e quell’altra, che parla della totale mancanza di rispetto e dell’assenza di spessore morale degli amministratori milanesi di quegli anni.
Appunto, pensavamo che la vicenda si fosse chiusa lì, a maggior ragione dopo il 2011 e la fine del ventennio berlusconiano-leghista-postfascista a Milano. Ma poi, quando meno te l’aspetti, ecco che rispunta. Le cose sono andate così: in vista del 20° anniversario della strage di via Palestro del 27 luglio del ‘93, il Consiglio Comunale discute una mozione proposta da David Gentili, presidente della commissione antimafia, che propone di sostituire la dicitura generica dell’attuale targa con quella più precisa di “vittime di una strage mafiosa volta a ricattare lo Stato”. Tutti d’accordo, ovviamente, ma a questo punto Manfredi Palmeri, consigliere centrista e presidente del Consiglio Comunale ai tempi di Moratti, tira fuori un emendamento integrativo che dice che anche tutte le altre targhe esistenti a Milano dovranno essere modificate, “inserendo nel testo la verità giudiziaria affermata”.
A questo punto il gioco dovrebbe essere chiaro. Infatti, Pdl e Lega si schierano subito con l’emendamento, Sinistra per Pisapia e Sel sono contrari e la stessa Giunta comunale dà parere negativo. Eppure, succede l’incredibile e il Pd, insieme al radicale Cappato e l’ex IdV Grassi, dà vita a una sorta di larghe intense in salsa meneghina e vota a favore dell’emendamento, facendolo approvare. La mozione così modificata viene infine approvata dal Consiglio Comunale il 15 luglio e soltanto 7 consiglieri (Sinistra per Pisapia, Sel, Elisabetta Strada della lista civica per Pisapia e due consiglieri del Pd, Fanzago e De Lisi) non partecipano al voto in segno di dissenso rispetto a quell’emendamento.
A questo punto, De Corato giustamente gongola e chiede “la rimozione della targa degli anarchici in piazza Fontana, che non riporta la verità giudiziaria”, mentre qualcun altro non perde tempo in chiacchiere e corre in piazza Fontana ad imbrattare la lapide a Pinelli, trasformando l’ucciso in uccisosi
 
Il Circolo Anarchico Ponte Della Ghisolfa ha indetto un presidio in piazza Fontana, per oggi mercoledì 24 luglio, alle ore 18.00, “contro chi vorrebbe la rimozione della lapide a Pinelli e la cancellazione della verità”. Penso che abbiano fatto bene ad organizzare l’iniziativa e che bisogna parteciparvi, per dire e ribadire sin da subito che quella lapide non si tocca.
 
Un’ultima cosa. Che non si dica che era doveroso approvare quell’emendamento e che sia giusto riportare sulle lapidi e sulle targhe solo “verità giudiziarie affermate”. La storia e la memoria non sono fatti burocratici e la verità giudiziaria non coincide necessariamente con la verità tout court, specie quando parliamo della strategia della tensione nel nostro paese.
Applicando quel criterio, cosa si dovrebbe scrivere sulle lapidi che ricordano le vittime della strage di piazza Fontana o di quella di piazza della Loggia a Brescia, visto che dopo quattro decenni di processi la “verità giudiziaria affermata” dice che non ci sono colpevoli? Dovremmo forse scrivere un cosa tipo “Scusate, ma non è stato nessuno” e rimuovere ogni riferimento allo Stato e ai fascisti?
E se l’unica verità consentita è quella “giudiziaria affermata”, come mai persino il Presidente della Repubblica, Napolitano, aveva sentito il bisogno di dire, a proposito delle stragi senza colpevoli, che c’era sì “il tormento di una giustizia incompiuta", ma anche che "una verità storica si è conseguita”? Oppure, perché Napolitano, invitando nel 2009 la vedova Pinelli a Quirinale, aveva voluto includere Pinelli tra le vittime della strage di piazza Fontana, dicendo “si compie un gesto politico e istituzionale. Si rompe il silenzio su una ferita non separabile da quella dei 17 che persero la vita a piazza Fontana”?
Tante domande e forse qualcuno dovrebbe iniziare a rispondere.
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
In democrazia, anche quando questa è un po’ malmessa, come nel nostro caso, non dovrebbe essere mai lecito ricercare una soluzione militare a un problema politico. E lo Stato non dovrebbe mai cedere alla tentazione di delegittimare il dissenso, criminalizzandolo. Invece, in Val di Susa tutto questo sta pericolosamente accadendo da un po’ di tempo e questa mattina, tirando in ballo accuse come “terrorismo” e “eversione”, è stato decisamente superato il livello di guardia.
La cronaca ci parla di dodici perquisizioni ai danni di altrettanti attivisti No Tav, in Val di Susa e a Torino, legate alle recenti mobilitazioni e motivate dalle ipotesi di reato di cui all’art. 280 del codice penale, cioè “attentato per finalità terroristiche o di eversione”…
Non si tratta semplicemente di un’accusa esagerata, anche se indubbiamente lo è,  ma di qualcosa di più grave e preoccupante. E il fatto che quella accusa sia saltato fuori proprio ora, a soli due giorni dalla marcia degli oltre 3mila No Tav, che ha visto la partecipazione di molti amministratori della Valle, la dice più lunga di mille parole sul senso, o il non senso, di scelte di questo tipo.
L’obiettivo dell’operazione non è colpire “i violenti”, bensì il movimento nel suo insieme, che è fatto di abitanti della Valle, anzitutto, ma anche di attivisti che vengono da fuori. In quel movimento puoi trovare l’antagonista, così come il Sindaco. E le cose non sono separabili, come ha peraltro ricordato la conferenza stampa dei Sindaci No Tav del 25 luglio scorso.
Quello che non si perdona alla Val di Susa e al movimento No Tav è il fatto che esista e resista ancora, che non si sia frantumato o diviso, che abbia mantenuto radicalità e consenso. Con la sua esistenza e resistenza ricorda quotidianamente a un paese colpito duramente dalla crisi e dall’austerity l’assurdità di una grande opera tanto inutile, quanto costosa per le casse pubbliche. E, così facendo, ricorda anche l’assurdità di una politica governativa, su questo da sempre attestata sulle larghe intese, che continua ad insistere, sorda alla voce del movimento e alla ragione, arrivando persino a compiere lo scempio della militarizzazione di una valle in tempo di pace.
Molto si dirà e si scriverà ancora sul provvedimento della Procura torinese di questa mattina, ma il senso di quello che sta accadendo mi pare chiaro e limpido sin d’ora.
Così come chiara e limpida deve essere da subito la solidarietà con il movimento No Tav, perché questo è il momento di non lasciarlo da solo, perché non possiamo e non dobbiamo permettere che gli venga appiccicato addosso l’etichetta del “terrorismo”.
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Appello pubblicato su il Manifesto il 3 agosto 2013
 
L’accordo firmato il 23 luglio 2013 tra Expo 2015 Spa e i sindacati confederali e di categoria è stato salutato dalla voce dei firmatari e dalla stampa come esperimento pilota a promozione del lavoro giovanile, un prototipo garante dei diritti dei neoassunti. Tolte le paillettes e i lustrini, questa lettura cade e si svela l’anima profonda dell’accordo: violazioni delle norme vigenti, arretramento dei diritti e svuotamento di tipologie contrattuali sono la componente principale dell’accordo, mosso dalla convinzione che la deregolamentazione del lavoro sia la strada maestra per favorire la ripresa economica e la formazione di nuovi posti di lavoro.
Prendiamo il ricorso massiccio all’apprendistato: questa tipologia contrattuale viene scelta non tanto per favorire la formazione e la creazione di nuove professionalità, ma per regolarizzare chi lavora con un inquadramento inferiore, quindi con una retribuzione minore e con uno sgravio contributivo pressoché totale per l’azienda. Di solito l’apprendistato avviene in luoghi di lavoro stabili, per cui è probabile la trasformazione a tempo indeterminato. I profili professionali qui previsti per questa tipologia contrattuale (Operatore Grande Evento, Specialista Grande Evento, Tecnico Sistemi di gestione Grande Evento) sono legati alla realizzazione di ulteriori grandi eventi per cui le possibilità di un’assunzione stabile sono altamente improbabili. In sostanza siamo di fronte ad uno svilimento dell’istituto dell’apprendistato stesso, malgrado l’elogio di quest’ultimo che in tempi recenti si è ripetuto nel dibattito politico.
Un altro punto enfatizzato nei giorni scorsi riguarda la novità della casuale che giustificherebbe il ricorso al contratto di lavoro e tempo determinato e alla somministrazione del lavoro a termine, che dovrebbe riguardare l’80% dell’organico complessivo. Si tratta di una operazione strumentale, fatta per promuovere questa modifica in chiave generale e in altri contesti, priva di utilità concreta visto che il D.P.R. 7 ottobre 1963, n.1525, attuativo della legge 230/62 sui contratti a termine, già prevedeva al punto 45 la possibilità di ricorrere a contratti a termine per Fiere ed Esposizioni, categoria nella quale Expo 2015 ricade.
Anche lo stage, che prevalentemente viene dedicato all’apprendimento, appare qui come una delle tante forme di lavoro mascherato, con un profilo formativo del tutto imprecisato, di fatto retribuito con 516 euro mensili, naturalmente presentati come rimborso spese, più un buono pasto giornaliero di 5,29 euro.
Infine è previsto un utilizzo massiccio del volontariato (18.500 unità) del tutto gratuito (salvo eventuali rimborsi spese) quale «espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo». Il compito dei volontari, però, non è quello di assistere persone in difficoltà, ma di fornire un normale servizio di accoglienza per i visitatori della mostra. Il nome esatto in questo caso è lavoro gratuito: esempio plateale di un «agire comunicativo-relazionale» indispensabile al funzionamento dei grandi eventi ma del tutto svalutato. Riteniamo che un simile accordo rappresenti un pericoloso precedente che contrappone il lavoro ai diritti. Come le grandi opere depauperano il territorio, così il lavoro gratuito e l’iper precarizzazione dei contratti frantumano il futuro delle nuove generazioni e demoliscono conquiste ottenute con anni di lotta.
Non a caso, il ministro del Lavoro ha sfruttato l’occasione per auspicare l’abolizione della causalità dei contratti a termine, per chiedere la rapida conversione del decreto Letta-Giovannini e per premere verso un secondo decreto nel mese di settembre. Chiediamo che venga respinta l’idea – già avanzata da governo e parti sociali – di una generalizzazione, tramite contrattazione o addirittura per via legislativa, del modello Expo ad altri contesti che sarebbe un ulteriore colpo al diritto del lavoro nel nostro Paese. La moltiplicazione di nuovi plotoni di precari specializzati e di vittime del lavoro gratuito è esattamente ciò di cui il nostro Paese non ha bisogno.
 
Piergiovanni Alleva, Giuliana Beltrame, Roberto Ciccarelli, Giuseppe De Marzo, Andrea Fumagalli, Alfonso Gianni, Giovanni Giovannelli, Marcello Guerra, Roberto Maggioni, Enzo Martino, Sandro Medici, Luciano Muhlbauer, Roberto Musacchio, Monica Pasquino, Emanuele Patti, Livio Pepino, Marco Revelli, Umberto Romagnoli, Luca Trada, Guido Viale
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 09/09/2013, in Lavoro, linkato 949 volte)
Gli operai del presidio della Jabil di Cassina de’ Pecchi hanno rioccupato la fabbrica. Lo hanno annunciato stamattina con uno stringatissimo comunicato, in cui denunciano l’incredibile atteggiamento della Nokia Siemens Networks (NSN) che di fatto impedisce che alla ex Jabil si ricominci a lavorare.
I lavoratori e le lavoratrici stanno presidiando lo stabilimento da ormai due anni, non hanno mai smesso di lottare per il lavoro, hanno difeso con i loro corpi i macchinari (vedi tentato blitz del 27 luglio dell’anno scorso) e si sono attivati in mille modi per contribuire alla costruzione di soluzioni concrete. E prima dell’estate una soluzione sembrava effettivamente vicina, visto che si era fatto avanti un imprenditore intenzionato a far rivivere quello stabilimento. Anche il Comune di Cassina e quelli limitrofi sostenevano la soluzione e, appunto, c’erano pure i macchinari, difesi e ri-conquistati dagli operai e dalle operaie.
Ma le cose andavano per le lunghe, un po’ perché le istituzioni, cioè Ministero e Regione Lombardia, brillavano per pochezza di impegno e, soprattutto, perché la NSN trascinava i tempi. E senza la Nokia Siemens non si può chiudere, essendo lei la proprietaria dell’area e dei capannoni (Jabil era un’esternalizzazione della NSN). E così, approfittando della crisi politica esplosa al Comune di Cassina in seguito alla recente bocciatura del Pgt, ha di fatto esplicitato il suo boicottaggio di una soluzione.
Tutto ciò è incredibile e offensivo, visto che la transnazionale non solo sta di fatto chiudendo i suoi stabilimenti italiani, a partire da quello sempre di Cassina, ma impedisce persino che possa riprendere il lavoro laddove aveva già fatto terra bruciata.
 
Esprimo la mia completa solidarietà agli operai e alle operaie che oggi hanno ripreso il controllo dello stabilimento, al fine di salvaguardare l’integrità dei macchinari e lanciare un chiaro segnale a tutti quanti, compresi Ministero e Regione, affinché si chiuda in tempi brevi un accordo che possa far riprendere il lavoro alla ex-Jabil.
 
Oggi lo stabilimento è occupato e i lavoratori sono in assemblea. Quindi sapremo nel corso della giornata o al massimo domani come andrà avanti la mobilitazione. Comunque, una cosa è certissima: la mobilitazione va avanti finché non si trova una soluzione positiva.
Pertanto, l’invito a tutti e tutte è quello di seguire le notizie che vengono dalla ex Jabil, al fine di poter dare il nostro contributo solidale alla mobilitazione quando ci sarà bisogno.
 
Luciano Muhlbauer
 
-----------------------------------------------
 
Il comunicato degli operai:
 
Oggi 8 Settembre 2013 gli operai Jabil di Cassina de Pecchi hanno rioccupato la fabbrica.
Nokia aveva venduto gli operai di Cassina de Pecchi alla Jabil per poterli licenziare facilmente.
Nokia aveva fatto i conti senza gli operai.
Nokia ha alzato il tiro sulle condizioni per riportare gli operai in fabbrica.
BASTA
Gli operai hanno occupato la fabbrica e sono riuniti in assemblea permanente dentro i reparti che avevano lasciato quando la trattativa con Nokia sembrava a buon punto.
Nokia ora ha cambiato idea o ha sempre bluffato.
Gli operai della Jabil in presidio permanente fanno sul serio.
 
Gli operai Jabil in presidio permanente
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Il raduno neonazista del 12-14 settembre si farà. Non dalle parti di Milano o di Monza, come avrebbe voluto Forza Nuova, bensì nella più periferica Cantù, in provincia di Como.
Le proteste e la mobilitazione di Anpi, antifascisti e comunità ebraica, nonché la netta opposizione di molti amministratori locali, a partire dal Sindaco di Milano, che evidentemente non intendeva ripetere la poca edificante vicenda del concerto naziskin di Rogoredo del giugno scorso, hanno dunque sortito l’effetto di spingere il “Festival Boreal” verso nord.
Bene, perché non li avremo tra i piedi a Milano. Ma detto questo, non mi pare proprio il caso di esultare o di gridare alla vittoria. Prima di tutto perché il raduno nazi si farà comunque e Cantù, in fondo, si trova a meno di un’ora di macchina dal capoluogo lombardo. E poi, lo spostamento a Cantù ha messo in evidenza un altro problema, anzi, uno dei problemi principali. Già, perché non solo le Prefetture di Milano e Como, cioè il Ministero degli Interni, hanno lavorato per dribblare le proteste e garantire l’agibilità politica al raduno nazifascista, ma questo si terrà addirittura in uno spazio pubblico gestito dal Comune, il “Campo Solare”.
È stata una scelta del Sindaco di Cantù, Claudio Bizzozero, che peraltro non è nemmeno un uomo di destra o un leghista, anzi. Secondo lui, “Forza Nuova è un movimento politico legalmente costituito e che partecipa normalmente alle elezioni nazionali, regionali (e a Cantù persino comunali) ed in quanto tale, va conseguentemente trattata esattamente come ogni altra forza politica legalmente costituita ed operante nel nostro paese” (la dichiarazione completa del Sindaco la trovate sul suo profilo fb: https://www.facebook.com/claudio.bizzozero).
 
E così, passando da Milano a Cantù, senza quasi accorgercene, siamo passati dal “non possiamo impedire il raduno perché si svolge in un luogo privato”, utilizzato a piene mani nelle ultime occasioni da Prefetti, Questori e Sindaci, alla concessione di luoghi pubblici perché i neofascisti e i neonazisti sono “un partito come un altro”.
 
Già, il nocciolo della questione sta proprio qui: abbiamo una Costituzione antifascista, nata dalla lotta di liberazione dal nazifascismo, ma la legge ordinaria in materia è a dir poco vaga e elastica (e ancora più elastica è la sua applicazione). Qui, a differenza di quello che accade in Germania, nemmeno il saluto romano o l’esibizione di simboli nazifascisti viene perseguito, salvo in casi più unici che rari.
È per questo che dalle nostre parti raramente le autorità hanno impedito raduni o manifestazioni di questo tipo e quando questo è successo, i divieti erano motivati quasi sempre da “motivi di ordine pubblico”.
Il Sindaco Bizzozero ha dunque ragione in punto di diritto, ma ha torto marcio da un punto di vista politico e culturale, perché considerare i gruppi nazifascisti e razzisti (e ne arriveranno di ogni risma dall’Europa) “uguali” a qualsiasi altro partito o movimento, significa non voler vedere, non voler capire quello che sta accadendo in questi anni in Europa e non ricordare quello che era accaduto nel secolo scorso.
Ma tutta questa vicenda evidenzia anche i limiti degli appelli che invocano i divieti per le iniziative nazifasciste, perché alla fine della fiera ottieni un risultato soltanto se riesci a mettere in campo una pressione politica, culturale e di piazza sufficientemente forte. In altre parole, l’antifascismo, così come tutti i valori positivi associati ad esso, deve ri-vivere nel corpo della società, nella testa e nel cuore delle persone, e non solo quando c’è un raduno nazi, ma tutti i giorni, in tutti i luoghi. Non c’è alternativa se vogliamo fermare la proliferazione di iniziative, raduni e manifestazioni nazifasciste sul nostro territorio, anche perché finito questo raduno, ne arriverà un altro e poi un altro ancora ecc. ecc.
 
Tutto questo ragionamento, comunque, non assolve Prefetti, Questori e Sindaci come Bizzozero, né esime noi dal dover continuare a muoverci contro il raduno nazi di Cantù. E quindi, segnalo la manifestazione antifascista promossa dall’Anpi regionale e milanese a Como, per giovedì 12 settembre alle ore 18.00 (i dettagli qui: http://anpimilano.com/2013/09/09/12-settembre-manifestazione-antifascista-a-como/#more-3766).
 
Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
La vicenda della Hydronic Lift di Pero (MI) ha conquistato le prime pagine di giornali e tv nell’ultima settimana di agosto, perché si trattava di uno di quegli ignobili casi estivi, dove l’imprenditore aveva deciso di chiudere l’azienda e licenziare il personale, senza preavviso e mentre i lavoratori erano in ferie.
Infatti, i 19 operai della Hydronic Lift di Pero, che produce componenti idraulici per ascensori, si erano salutati il 2 agosto, dandosi appuntamento al rientro al lavoro. D’altronde, non vi erano particolari motivi per preoccuparsi, visto che la Hydronic il suo prodotto lo vendeva e aveva mercato. E poi, l’azienda non aveva mai parlato di chiusure ed esuberi. Eppure, mentre i lavoratori erano in ferie, proprio nella settimana di ferragosto, sono arrivate a destinazione le lettere, con le quali l’azienda li informava di aver avviato la procedura di cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività. Quindi, quando i lavoratori si sono presentati per la ripresa del lavoro, cioè lunedì 26 agosto, hanno trovato il cancello dell’azienda chiuso con catene e lucchetti. Da allora i lavoratori stanno presidiando lo stabilimento giorno e notte.
Poi è arrivato il 10 settembre quando, dopo un incontro con l’azienda all’Associazione industriali di Saronno, dove semplicemente è stata ribadita la chiusura senza fornire motivazioni degne di questo nome, gli operai hanno rimosso catene e lucchetti e sono entrati nello stabilimento per verificare la situazione. Ed è stato così che hanno scoperto che non solo erano stati licenziati mentre erano in ferie, ma anche che la proprietà aveva svuotato la fabbrica! Via tutto, sia i pezzi finiti, che i macchinari.
Tuttavia, al di là del metodo meschino, che la dice lunga sulla statura morale di una certa imprenditoria nostrana, rimane la domanda del perché di questa chiusura e del licenziamento dei 19 operai. Già, perché la Hydronic Lift non è sparita e continua a vendere il suo prodotto. Infatti, il personale amministrativo di Pero è stato trasferito alla sede di Gallarate, mentre la produzione tolta a Pero è stata girata ad altre aziende, alcune di fatto controllate dalla Hydronic, altre terziste. 
Insomma, per farla breve, visto che la chiusura e i licenziamenti non sono motivati dalla crisi o dal mercato che non tira più ecc., la vera ragione sembra essere piuttosto la circostanza che gli operai dello stabilimento di Pero sono tutti sindacalizzati e per giunta con la Fiom. Cioè, qualcuno avrà pensato bene di approfittare della generale crisi occupazionale –nonché delle ferie estive- per liberarsi del fastidio di avere in azienda operai troppo sindacalizzati.
E tutto questo, come è evidente, rende non solo ancora più inaccettabile i licenziamenti, ma dimostra soprattutto che una soluzione lavorativa per i 19 ci può essere.
L’azienda non vuole sentire ragioni e le istituzioni che contano, dal Ministero e alla Regione, per ora fanno finta di non vedere la realtà che si cela dietro la vicenda di Pero. Ma gli operai continuano il presidio, non accettano giustamente questo incredibile e indecente stato delle cose.
Ecco perché c’è bisogno di solidarietà, di non lasciarli da soli e di non lasciare che cali il silenzio su questa porcata. E per questo è stata organizzata una serata di solidarietà ai cancelli della Hydronic Lift di Pero per questo sabato. Eccovi le coordinate:
 
Sabato 14 Settembre – ore 20.00
davanti ai cancelli della Hydronic Lift
Via Vespucci n.10 – Pero (MI)
 
Concerto a sostegno dei lavoratori in lotta dei Ciapa No + Special Guest
Birra e Salamelle per contribuire alla cassa di resistenza
 
 
Fate girare per favore e, se potete, fateci un salto!
 
Luciano Muhlbauer
 
in allegato la locandina dell’iniziativa
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (233)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



22/09/2019 @ 06:56:43
script eseguito in 68 ms

Ci sono 74 persone collegate