Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di lucmu (del 15/09/2006, in Lavoro, linkato 938 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su Liberazione del 15 settembre 2006
 
Dopo sette mesi di aspro confronto in Commissione, il progetto di legge lombardo sul mercato del lavoro, voluto fortemente da Formigoni in applicazione della legge 30, approda in aula consiliare il 19 settembre prossimo. Certo, rispetto alla versione originaria alcune tra le misure più estremistiche sono state attenuate, senza tuttavia scalfire l’impianto di fondo.
Il cuore del provvedimento è rappresentato dalla liberalizzazione pura e semplice dell’intermediazione di manodopera. Infatti, il vecchio collocamento pubblico era stato abolito definitivamente dalla legge 30 e le relative competenze erano rimaste alle Province, salva la possibilità -ma non l’obbligo- per le Regioni di legiferare diversamente. Ora il centrodestra lombardo vuole accantonare il residuo ruolo pubblico, introducendo un “sistema regionale dei servizi per il lavoro” composto da operatori pubblici e privati.
In altre parole, vi sarà sostanziale parità tra soggetti privati e pubblici e ambedue dovranno accreditarsi presso la Regione per poter operare e così ricevere un finanziamento regionale. Alle Province rimarranno in esclusiva soltanto alcune funzioni amministrative, come il collocamento mirato delle persone disabili, la gestione delle liste di mobilità o l’avviamento alla selezione per le pubbliche amministrazioni. Tutto il resto, cioè il grosso del business delle braccia, sarà terreno di libera concorrenza tra privati e pubblico.
Insomma, si tratta sostanzialmente del medesimo sistema di accreditamento già vigente in Lombardia nella sanità e nella formazione professionale e che in questi anni ha portato al drenaggio di ingenti risorse pubbliche verso operatori privati, nonché a innumerevoli inchieste di guardia di finanza e magistratura.
Facile prevedere che un siffatto sistema porterà nel giro di poco tempo all’emarginazione degli enti locali dalle politiche occupazionali e all’espansione di quelle aziende che d’ora in poi potranno liberamente integrare i loro servizi, dalla selezione di personale alla fornitura di manodopera, con l’attività di collocamento. Ovvero, le istituzioni saranno sempre meno in grado di incidere sulle dinamiche del mercato del lavoro, mentre le aziende di somministrazione e intermediazione, portatori di interessi particolari, disporranno di un crescente e indebito potere sulla vita di lavoratori e lavoratrici.
Quello che colpisce di più nella determinazione del centrodestra lombardo è la completa indisponibilità a confrontarsi con la situazione reale che vivono oggi i lavoratori, italiani o stranieri, in Lombardia. I salari e gli stipendi hanno subito un calo preoccupante di potere d’acquisto, la precarietà e l’insicurezza sociale si sono trasformati in un autentico fenomeno di massa e persino lo sfruttamento del lavoro irregolare, compreso il caporalato, sta vivendo una sua triste primavera nella ricca e moderna Lombardia. Non a caso, infatti, la legge formigoniana abbina la liberalizzazione dell’intermediazione di manodopera a generiche petizioni di principio, non prevedendo misure concrete e incisive di contrasto della precarietà e dello sfruttamento del lavoro irregolare. Questa legge, qualora approvata, non solo non porrà un argine alla nuova questione sociale che attanaglia la Lombardia, ma finirà per aggravarla.
E allora risulta ancora più stupefacente che Ds e Margherita regionali si siano limitati in commissione ad una timida astensione, prigioniere evidentemente della miope ricerca di soluzioni bipartisan a tutti i costi. Eppure, delle alternative ci sarebbero. Di fronte all’inadeguatezza dei servizi per il lavoro attualmente esistenti si potrebbe investire sulla riqualificazione e sulla costruzione di una rete pubblica, coinvolgendo anche i Comuni. Di fronte alla precarietà dilagante, si potrebbe introdurre un sistema di incentivi e disincentivi per favorire la stabilizzazione dei posti di lavoro, cominciando dalle stesse amministrazioni pubbliche. E, infine, di fronte allo sfruttamento del lavoro irregolare si potrebbe promuovere e coordinare una campagna di vigilanza e controlli, magari a partire da quei cantieri sotto gli occhi di tutti. Tutto ciò è possibile qui e ora ed è esattamente quanto Rifondazione Comunista propone da lunghi mesi.

Ovviamente, porteremo la nostra battaglia fino in fondo nell’aula consiliare, ma ci vorrebbe davvero uno scatto di mobilitazione da parte delle forze sociali per impedire che il caporalato venga elevato al rango di politiche per il lavoro, magari con qualche collaborazione proveniente dalle fila della stessa Unione. Lo stesso scatto necessario a livello nazionale per rilanciare la battaglia per l’abrogazione della legge 30, a partire dalla manifestazione nazionale del 4 novembre.

Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 09/09/2006, in Migranti&Razzismo, linkato 680 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su il Manifesto del 9 settembre 2006 (pag. Milano)
 
Oggi alle 17.00 si terrà presso il CPT milanese di Via Corelli un presidio per impedire l’espulsione di Amir Karrar, cittadino pakistano trattenuto nel centro. Il gruppo consiliare regionale di Rifondazione Comunista, nell’aderire al presidio, annuncia che alle 16.00 il consigliere regionale Luciano Muhlbauer, accompagnato dal consigliere provinciale Piero Maestri, farà visita al Cpt, incontrandovi altresì il signor Karrar.
I Centri di Permanenza Temporanea - afferma Luciano Muhlbauer - sono degli autentici buchi neri dove finiscono rinchiusi uomini e donne stranieri non in regola con il permesso di soggiorno, senza che fuori la cittadinanza sappia normalmente alcunché di loro. Cosa per cui un ampio arco di forze associative milanesi aveva chiesto, già nel mese di luglio, un atto di trasparenza, cioè la pubblicazione di tutti i dati relativi al Cpt di Via Corelli, senza per ora ricevere risposta.
Tuttavia, grazie all’impegno del Centro delle Culture di Arezzo, questa volta si è saputo di Amir Karrar, cittadino pakistano di 23 anni. Lunedì 4 settembre il signor Karrar è stato fermato dalla polizia ad Arezzo, dove viveva da due anni, e, essendo privo di permesso di soggiorno, è stato fatto oggetto di provvedimento di espulsione e poi tradotto nel Cpt di Via Corelli. Nella giornata di ieri, il giudice di pace di Milano ha convalidato il trattenimento, non prendendo in considerazione gli elementi esposti dall’avvocato difensore.
Infatti - prosegue Muhlbauer - il signor Karrar, qualora venisse espulso verso il Pakistan, correrebbe seri rischi per la sua vita. Appartenente alla minoranza religiosa sciita e attivista studentesco, nel suo Paese era stato minacciato e poi aggredito fisicamente da parte di gruppi militanti sunniti. Considerata la violenza che in questi anni colpisce gli sciiti pakistani, egli abbandonò il paese e si recò in Svizzera, dove soggiornava regolarmente. Ma anche in Svizzera le minacce lo raggiunsero e così decise di scappare di nuovo, questa volta senza lasciare tracce e attraversando dunque clandestinamente il confine con l’Italia.
I legali che assistono il signor Karrar hanno già richiesto che gli venga riconosciuto lo status di rifugiato. Tuttavia, anche se il nostro ordinamento costituzionale parla chiaro, l’effetto combinato dell’assenza di una legge organica sul diritto d’asilo e dei guasti della Bossi-Fini fanno sì che il signor Karrar rischi ora il rimpatrio e dunque una sorta di condanna a morte.

Invitiamo pertanto le organizzazioni sociali, le forze politiche e le istituzioni - conclude Muhlbauer - a non ignorare il destino di Amir Karrar e ad attivarsi immediatamente perché venga posta fine alla sua detenzione, venga bloccata l’espulsione e, soprattutto, perché possa rimanere legalmente nel nostro paese.

Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 07/09/2006, in Lavoro, linkato 719 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su il Manifesto del 7 settembre 2006 (pag. Milano)
 
Ci è voluta la solita inchiesta giornalistica del solito Fabrizio Gatti perché finalmente una verità già nota diventasse degna di attenzione pubblica e politica. Infatti, da lunghi anni associazioni e organizzazioni sindacali denunciano, nel silenzio e nell’ipocrisia generali, la situazione di sfruttamento estremo e di brutale caporalato che vige nell’agricoltura foggiana. Ben venga dunque l’intervento annunciato dal Ministro Amato.
Tuttavia, affinché il tutto non si risolva in qualche fuoco fatuo di fine estate ci vuole ora un intervento deciso a 360 gradi. Ebbene sì, perché il supersfruttamento di lavoratori immigrati non è purtroppo una specialità delle campagne foggiane, bensì una realtà in espansione in tutto il paese, che coinvolge non soltanto l’agricoltura, ma anche altri settori economici, in primis l’edilizia.
Così, il caporalato lo troviamo non soltanto nelle campagne di Foggia, ma anche nei cantieri di Milano, dove gli operai immigrati rappresentano ormai la metà degli addetti. E a Milano, così come a Foggia fino a ieri, da tempo le organizzazioni sindacali del settore producono invano denuncia su denuncia. Anzi, il Comune di Milano ha ridotto la vigilanza sulle condizioni di sicurezza e di lavoro nei cantieri, compresi quelli che beneficiano di finanziamenti pubblici, mentre la Regione Lombardia si appresta a far approvare una legge regionale sul mercato del lavoro, totalmente insensibile al contrasto dello sfruttamento del lavoro nero e tesa invece a liberalizzare l’intermediazione di manodopera.
Una situazione frutto della sbornia liberista, che guarda al lavoratore soltanto come ad un costo da comprimere, e di una politica sull’immigrazione basata sulla repressione dei migranti, per poi chiudere tutti e due gli occhi sugli abusi e gli affari di imprenditori senza scrupoli.

Chiediamo quindi al Ministro Amato di non fermarsi a Foggia e di intervenire con la stessa determinazione anche su Milano e su tutto il territorio nazionale. E soprattutto di modificare davvero l’articolo 18 del testo unico sull’immigrazione, affinché venga garantito il permesso di soggiorno a tutti i lavoratori stranieri che denuncino la propria condizione di lavoro irregolare, come peraltro previsto dal programma dell’Unione.

Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 07/09/2006, in Sicurezza, linkato 892 volte)
Bene hanno fatto oggi i consiglieri dell’Unione del Comune di Milano a chiedere che Regione Lombardia modifichi l’assicurazione “a favore delle vittime della criminalità”, al fine di estenderla anche alle vittime di violenza sessuale.
Infatti, l’assicurazione in questione, stipulata dalla Giunta Formigoni con INA Assitalia nel 2004, assicura tutti i cittadini lombardi, ma soltanto nel caso che i delitti comportino la morte o l’invalidità permanente. Inoltre, sono comunque escluse dalla copertura assicurativa tutte le vittime di delitti che avvengono in determinate circostanze, come per esempio nel caso di attentati terroristici oppure quando il reato si consuma nella sfera familiare, tra prossimi congiunti o tra conviventi di fatto.
In altre parole, le vittime di violenza sessuale, che nella grande maggioranza dei casi si consuma nella sfera familiare o tra conoscenti, sono doppiamente escluse. Una esclusione incomprensibile, poiché la violenza sessuale, lungi dall’essere un’emergenza stagionale, è purtroppo tra i reati contro la persona più odiosi e radicati nel tessuto sociale.
Per questo motivo Rifondazione Comunista, non da oggi, chiede la revisione della polizza assicurativa e il 4 settembre ha presentato un’interpellanza alla Giunta Regionale in cui si chiede formalmente l’estensione della copertura anche alle vittime di violenza sessuale, nonché la rimozione dell’esclusione di reati consumati nella sfera familiare.
Sicuramente l’estensione dell’assicurazione non potrà essere la soluzione, così come non lo è la proliferazione delle telecamere, ma sarebbe perlomeno un sostegno concreto alle donne vittime di violenza, nonché un segnale tangibile che le istituzioni non le abbandonano al loro destino, dopo aver riempito periodicamente la stampa con  dichiarazioni roboanti e spesso fuori luogo.
 
comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui puoi scaricare il testo dell'interpellanza

Scarica Allegato
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
“Un fatto grave che implica la necessità immediata di aprire una verifica nell’Unione, non solo in Lombardia ma anche a livello nazionale”.
Così il capogruppo del Prc, Mario Agostinelli, torna a parlare dell’ordine del giorno sul Tavolo Milano approvato ieri in Aula da Margherita e Ds insieme alla Casa delle Libertà.
“Il problema - prosegue Agostinelli – non è tanto quello delle priorità infrastrutturali in sé, ma il fatto che questo documento contraddice in pieno, a partire da un federalismo fiscale spinto all’eccesso, la risoluzione unitaria dell’opposizione sul Dpefr approvata soltanto mercoledì. E contraddice anche il progetto dell’Unione, in cui ha creduto e crede chi ci ha votato”.
“La gravità di quanto è accaduto ieri - incalza il consigliere Luciano Muhlbauer - sta nel fatto che Ds e Margherita hanno sottoscritto una parte del programma della Casa della Libertà e rafforzato la posizione di Formigoni nei confronti del governo nazionale e anche del Comune e della Provincia di Milano.
Un tifo organizzato per il Presidente della Giunta, difficilmente comprensibile se non nell’ottica tutta politicista di voler ridisegnare la geografia politica in Lombardia a prescindere dalla volontà degli elettori. Delle vere e proprie prove tecniche di grande coalizione, andate in scena qui, ma il cui vero obiettivo si trova a Roma”.
“Con l’aggravante - aggiunge il consigliere Osvaldo Squassina - che Ds e Margherita ci hanno tenuti all’oscuro del documento fino al momento della presentazione in Aula. Un’operazione poco limpida, quindi, non solo sul piano dei contenuti, inaccettabili per noi e per le altre forze dell’Unione, ma anche su quello del metodo. Un’operazione che regala un appoggio in più a Formigoni, indebolendo la tenuta del centrosinistra”.
“Occorre evidentemente - conclude il capogruppo Agostinelli - un chiarimento: certo c’è il beneficio dell’errore, ma l’incidente è troppo pesante per potervi soprassedere; la questione è già stata aperta e dovrà essere immediatamente affrontata dal tavolo dell’Unione al rientro dalle vacanze”.
 
Comunicato stampa del Gruppo regionale del Prc
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
È passato più di un anno dalla rivolta nel Cpt di Via Corelli a Milano. Nel frattempo è cambiato il governo ed è stato messo all’ordine del giorno il “superamento” dei Centri di Permanenza Temporanea, cioè di quei luoghi dove vengono imprigionati fino a 60 giorni i cittadini stranieri non in regola con il permesso di soggiorno. Eppure, il dibattito politico sui Cpt stenta a diventare intelligibile per la grande maggioranza dei cittadini e delle cittadine, principalmente perché quelle strutture continuano ad essere circondate dalla segretezza.
Già un anno fa avevamo aperto un confronto con la Prefettura, sfociato poi in una bozza di intesa che prevedeva l’accesso regolare al Cpt di via Corelli delle associazioni. Tuttavia, una volta inviata al Ministero degli Interni per il nulla osta, non se ne seppe più nulla e tornò a regnare il silenzio più assordante.
Pensiamo che sia inaccettabile e intollerabile che continuino il silenzio e la segretezza. Per questo, a inizio luglio, abbiamo richiesto formalmente al Prefetto di Milano un incontro e la pubblicazione di tutti i dati relativi al Cpt di via Corelli, dai costi di gestione e di quelli delle convenzioni con soggetti privati fino al numero di trattenuti che transitano nella struttura.
La nostra opinione è risaputa, cioè che i Cpt vadano chiusi insieme alla stagione della Bossi-Fini e delle politiche incentrate sulla repressione, la quale assorbe peraltro oltre il 70% delle risorse pubbliche in materia di immigrazione. Vanno chiusi perché inutili, inumani e in palese contrasto con le più elementari norme dello stato di diritto. E il fatto che i Cpt siano oggi in Italia una specie di buco nero dell’informazione pubblica non fa che renderli ancora più preoccupanti.
Non abbiamo mai preteso che la nostra opinione venga condivisa a “scatola chiusa”, ma pretendiamo che i cittadini vengano messi in condizione di sapere, di poter partecipare ad un dibattito pubblico e democratico. Non ci sono motivi di sicurezza che impediscano di poter sapere cosa succede nei Cpt e quali siano le convenzioni economiche che li riguardano. Auspichiamo dunque vivamente che il Prefetto di Milano e il Ministero degli Interni, dopo lunghi anni di oscurità e segretezza, decidano finalmente di consegnare ai cittadini di Milano un po’ di trasparenza.
 
CittàPerTutti - AceA Onlus - Arci Milano - Arciragazzi Milano – Attac - Bastaguerra - Berretti Bianchi Lombardia - Centro delle Culture - Coordinamento Lombardo Nord/Sud del Mondo - C.S. Leoncavallo -Direttivo del Comitato Intercomunale per la Pace ex magentino - Fillea Lombardia - Fiom Milano – Naga - Newletter Ecumenici – SinCobas - Todo Cambia - UISP Milano - Associazione Sinistra Rossoverde - Rifondazione Comunista Milano - Partito Umanista
 
Comunicato stampa
 
cui puoi scaricare la lettera delle associazioni al Prefetto di Milano

Scarica Allegato
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Il nostro auspicio è che il vertice istituzionale di domani non confonda la Lombardia con i desiderata di Formigoni. Da anni il centrodestra lombardo affronta la questione della mobilità sul terreno della propaganda, mettendo in cantiere progetti autostradali dai costi insostenibili, spesso inutili e il più delle volte contestati dagli enti locali, mentre il sistema ferroviario lombardo continua a deteriorasi.
Il vero problema della mobilità si chiama ferrovia. In Lombardia vi è un preoccupante squilibrio, rappresentato bene dal fatto che il 68,6% dei 15 milioni di spostamenti quotidiani avviene in automobile privata e che oltre il 60% della rete ferroviaria è ancora a binario unico. Eppure, il presidente Formigoni, anche in questi giorni, parla di ferrovia soltanto per invocare fondi per l’alta velocità.
Da lunghi anni ci battiamo in Regione perché venga finalmente avviata la discussione del piano regionale dei trasporti, che permetterebbe di delineare una strategia ambientalmente e socialmente sostenibile e definire le priorità di sviluppo. Invece, ancora una volta, il governo regionale si limita a chiedere ingenti e inesistenti risorse statali per BreBeMi, Tem e Pedemontana. Insomma, chiede a Prodi quello che nemmeno Berlusconi gli aveva concesso.
La Lombardia ha bisogno di due ingredienti per affrontare il problema infrastrutture: una strategia e un consenso sul territorio. Quindi si apra una vera discussione e si coinvolgano le comunità locali, a partire da quelle che hanno ripetutamente contestato BreBeMi e Tem e richiesto modifiche e integrazioni alla Pedemontana. Sarebbe invece un errore madornale pensare di poter risolvere la “questione settentrionale” con un accordo di vertice tra governo di centrosinistra e Formigoni.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 20/07/2006, in Movimenti, linkato 757 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer e Mario Agostinelli, pubblicato su il Manifesto del 20 luglio 2006 (pag. Milano)
 
Un colpo al cerchio e uno alla botte. È probabilmente questa la definizione giusta per l’odierna sentenza relativa ai fatti dell’11 marzo scorso. In altre parole, una sentenza di compromesso tra i principi dello stato di diritto e quel sommario teorema accusatorio che ha tenuto ingiustamente in carcere per oltre quattro mesi 25 giovani.
Siamo sicuramente felici che oggi tutti i 25 ragazzi e ragazze possano 
uscire dalle carceri. E ancora più contenti ci rende il fatto che ci siano state nove assoluzioni, anche se queste non riescono a restituire ai giovani il tempo loro rubato da una folle carcerazione preventiva. Tuttavia, anche se è stata svelata la montatura politica alla base del procedimento, quello strano compromesso, con le sue 18 condanne a quattro anni, lascia in piedi un pericoloso precedente. Cioè, in Italia è possibile essere condannati a lunghe pene detentive senza che ci siano prove circa le responsabilità personali, ma soltanto in base al fatto che sei stato presente a una manifestazione, dove sono avvenuti dei fatti penalmente rilevanti.
Ed è questo che ci fa dire che oggi giustizia non è stata fatta e che occorre aprire nel paese e nelle istituzioni una battaglia di civiltà, per impedire l’affermarsi di una visione della giustizia subordinata alla politica. Ebbene sì, perché il ricorso ad accuse gravi e improprie, come quella di devastazione e saccheggio, per giunta in abbinamento a un generico “concorso morale”, viene ormai teorizzato in diversi procedimenti e sempre in casi di manifestazioni politiche. Se permettessimo che questa prassi giuridico-politica si estenda, allora saremmo tutti quanti corresponsabili non soltanto di minare le basi del nostro ordinamento giuridico, ma altresì di mettere a repentaglio quel fondamentale diritto democratico che è la libertà di manifestare.
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 11/07/2006, in Movimenti, linkato 688 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su Liberazione del 9 luglio e su il Manifesto (pag. Milano) del 11 luglio 2006
 
A Milano è iniziato finalmente il processo per i fatti del 11 marzo scorso. 25 ragazzi e ragazze si trovano in carcere da ormai 120 giorni in attesa di questo momento. Un’enormità e un’anomalia senza precedenti in materia di detenzione preventiva, così come enorme e palesemente impropria è l’ipotesi di reato, cioè devastazione e saccheggio, per il quale l’articolo 419 del codice penale, risalente al periodo fascista, prevede la reclusione tra 8 e 15 anni. Anzi, c’è di peggio, poiché i ragazzi e le ragazze sono accusati non tanto di fatti specifici, bensì di “concorso morale”, una variante appena meno creativa della “compartecipazione psichica” teorizzata in alcuni processi per i fatti di Genova 2001.
Alcuni giorni fa, il 6 luglio scorso per la precisione, sono state realizzate alcune perquisizioni a Milano e Padova e consegnati almeno sette avvisi di garanzia per un lungo elenco di reati ipotizzati, tra cui rapina aggravata. Obiettivo della perquisizione: la ricerca, sette mesi dopo i fatti (sic), di una borsa che sarebbe stata sottratta all’esponente leghista Borghezio o ai suoi accompagnatori durante la nota vicenda del treno di ritorno dalla manifestazione anti-TAV di Torino. Destinatari degli avvisi: due esponenti di primo piano del centro sociale Vittoria di Milano e cinque padovani.
Al di là di ogni altra considerazione, come l’interrogativo tuttora aperto sui motivi della presenza di Borghezio tra i manifestanti, colpisce il fatto che anche in questo caso si fa un uso a dir poco allegro del concetto di “concorso”. Ebbene sì, perché i due esponenti del Vittoria, ad esempio, non hanno mai messo piede sulla carrozza dove sono avvenuti i fatti, come anche gli organi di polizia ben sanno. E se la logica è quella del concorso, cioè della corresponsabilità di tutti i passeggeri del treno, perché sono stati “scelti” soltanto sette?
Insomma, cerchiamo di capirci. Per il solo fatto di essere stato presente in un determinato luogo e in un determinato momento, a prescindere da quello che hai effettivamente fatto, puoi essere sbattuto in galera per quattro mesi senza processo, essere perquisito e indagato e, infine, rischiare condanne a lunghi anni di carcere. Se dovessimo accettare l’ingresso nella prassi investigativa e giudiziaria del nostro paese di tale uso estensivo e discrezionale della nozione di concorso, allora metteremmo a serio rischio le fondamenta del nostro ordinamento giuridico, di cui fa parte il principio che afferma che la responsabilità penale è personale, ed esporremmo la magistratura ad ogni sorta di condizionamento politico.
Fa davvero specie, e preoccupa non poco, che finora così poche voci si siano levate a segnalare la gravità di quanto avviene. Sappiamo che può essere scomodo, per carità, ma qui non stiamo mica parlando di quisquilie, bensì dei cardini dello stato di diritto e delle libertà democratiche. E allora, visto il moltiplicarsi di fatti del genere, forse è giunto il momento di prendere l’iniziativa anche a livello istituzionale e di invitare anche forze politiche più moderate ad assumersi la responsabilità di porre un freno alla deriva.
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 10/07/2006, in Movimenti, linkato 746 volte)
La richiesta della pubblica accusa di pene di 5 anni e otto mesi per 25 ragazzi e ragazze e di 6 anni per altri due, formulata oggi al processo per i fatti dell’11 marzo, ci lascia francamente sconcertati.
Da quattro mesi ormai 25 dei 29 accusati sono rinchiusi nelle carceri di San Vittore e Bollate in attesa del processo. Una detenzione preventiva che più volte abbiamo definito anomala, poiché basata essenzialmente sull’accusa di “concorso”. In altre parole, a quasi tutti gli imputati viene contestato il fatto di essere stati lì quel giorno, in quel momento e, per questo solo fatto, sarebbero corresponsabili di ogni cosa avvenuta in corso Buenos Aires. Un’impostazione sommaria che oggi il Pm ha evidentemente voluto riconfermare con le sue richieste.
Non ci stanchiamo di ribadire che dovrebbe per chiunque essere motivo di preoccupazione come, in questo procedimento, si stia dimenticando quel principio fondante della nostra civiltà giuridica per il quale la responsabilità penale è personale. Se dovesse affermarsi un tale uso estensivo del concetto di “concorso morale” rischieremmo davvero di scivolare verso la giustizia sommaria e la messa in pericolo della libertà di manifestare.
Perciò ci auguriamo vivamente che la corte respinga questo impianto accusatorio sommario e che giudichi soltanto i fatti. E invitiamo nuovamente tutte le forze politiche a non nascondere la testa sotto la sabbia, poiché qui non parliamo “soltanto” della libertà di 27 ragazzi e ragazze, ma anzitutto della salvaguardia di una giustizia equa e autonoma da condizionamenti politici.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (233)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



12/12/2018 @ 16:37:24
script eseguito in 59 ms

Ci sono 27 persone collegate