Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Esprimiamo totale solidarietà ai lavoratori della Maflow di Trezzano sul Naviglio e chiediamo a Regione Lombardia di intervenire immediatamente nella vicenda, facendo pesare anche i rapporti di carattere commerciale tra la Giunta regionale e la Bmw.
A tal fine, abbiamo già depositato un’interrogazione urgente – firmata anche da altri sei consiglieri dell’opposizione -, che verrà discussa in Consiglio nella question time del 2 febbraio prossimo.
Infatti, il governo regionale e lo stesso Presidente Formigoni hanno intrattenuto in questi anni ottimi rapporti con Bmw, come testimonia anche il fatto che molte auto blu dell’Amministrazione, compresa la macchina blindata del Presidente, hanno il marchio della casa tedesca.
Ebbene, nella vicenda che rischia di portare alla chiusura lo stabilimento Maflow di Trezzano, con la perdita secca di 330 posti di lavoro, la crisi economica c’entra solo in parte. A portare la società al commissariamento sono state piuttosto le disinvolte operazioni finanziarie del management, mentre le attuali difficoltà di trovare un acquirente per l’azienda derivano dalla scelta della Bmw, che è il principale committente del sito di Trezzano, di tagliare gli ordinativi a partire da gennaio.
Una drastica decisione che, inoltre, sembra anzitutto dovuta a spinte politiche del governo tedesco. Perciò, a maggior ragione, pensiamo che la politica nostrana debba fare la sua parte, perché si trovi un giusto equilibrio che permetta la salvaguardia delle attività produttive e dell’occupazione nei paesi interessati.
Questo significa che Regione Lombardia non deve soltanto mobilitare il suo peso istituzionale per favorire la ricerca di nuovi committenti, a partire da Fiat Auto, ma ha anche il dovere di mettere in chiaro che nessuna azienda, compresa la Bmw, può pensare di avere la botte piena e la moglie ubriaca.
In altre parole, se la Bmw vuole continuare a godere dei benefici derivanti dal rapporto privilegiato con il governo regionale, allora deve mostrarsi socialmente responsabile e impegnarsi affinché la Maflow possa vivere. Altrimenti, il governo regionale e le altre istituzioni del territorio dovrebbero interrompere ogni rapporto commerciale privilegiato con la Bmw, spiegando il perché alla cittadinanza.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il testo originale dell’interrogazione
 

Scarica Allegato
 
Oggi, come gruppo di Rifondazione, abbiamo chiesto formalmente ai Presidenti delle Commissioni consiliari IV (Attività Produttive) e VII (Lavoro) di convocare urgentemente in audizione i rappresentanti sindacali dei lavoratori dell’Italtel, assicurando la presenza di una rappresentanza qualificata dell’Assessorato competente e dell’Agenzia regionale per il Lavoro (Arifl).
L’annuncio di altri 400 “esuberi”, in aggiunta ai 450 chiesti un anno fa, da parte del management dell’Italtel è, infatti, l’ennesima tegola che rischia di abbattersi sulle teste dei lavoratori della nostra Regione. Verrebbe colpito peraltro, in maniera particolare, il sito di Castelletto (Settimo Milanese), che da solo occupa 1.430 lavoratori. Senza contare che ancora una volta sarebbe penalizzato un settore tecnologicamente avanzato del tessuto produttivo.
Insomma, ci sono le migliori ragioni perché la questione Italtel venga affrontata da parte di Regione Lombardia con la massima serietà e celerità, assumendo gli impegni atti a evitare i licenziamenti e impegnandosi a costruire le condizioni affinché l’attività produttiva venga salvaguardata.
Per questo, pur consapevoli che mancano ormai poche settimane all’interruzione della normale attività istituzionale della Regione, causa elezioni, abbiamo chiesto ai Presidenti delle due commissioni interessate di fare uno sforzo straordinario, mettendo immediatamente in campo la Regione.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il testo della richiesta di audizione urgente
 

Scarica Allegato
 
Stamattina si è svolto in Prefettura l’incontro sulla situazione critica all’Innova Service, attiva sul sito dell’ex-Alfa Romeo di Arese. Presenti all’incontro, che si è protratto per un’ora e mezza, il Prefetto Gian Valerio Lombardi e il Viceprefetto Inversini, una delegazione dei lavoratori dello Slai-Cobas, sindacato maggioritario in azienda, e i tre rappresentanti istituzionali Luciano Muhlbauer, Massimo Gatti e Basilio Rizzo, invitati perché già a fine novembre, mediante un esposto formale, avevano sollecitato l’intervento del Prefetto.
Da parte nostra, diamo sicuramente un giudizio positivo sull’incontro di oggi. Anzitutto perché è avvenuto e perché ha visto la presenza in prima persona del Prefetto per tutta la durata dell’incontro. In secondo luogo, perché il Prefetto si è impegnato ad intervenire, dando ai lavoratori appuntamento tra una settimana per fare il punto della situazione.
In altre parole, siamo partiti con il piede giusto, ma ora occorre, come abbiamo ribadito anche al Prefetto, che l’istituzione intervenga con la massima serietà e severità su una situazione che con la crisi c’entro poco e che, anzi, è segnata da molti aspetti inquietanti.
Infatti, la preoccupazione degli operai che Innova Service voglia soltanto disfarsi dalle maestranze sindacalizzate ex-Alfa, per sostituirle con lavoratori precari e ricattabili, sembra ampiamente giustificata dalla realtà dei fatti.
Innova Service ha già provato mesi fa a mettere in cassaintegrazione ordinaria la maggioranza dei lavoratori, salvo poi ricevere il diniego dell’Inps. Poi ha licenziato uno dei tre delegati Rsu e ora ci riprova, avviando la procedura per la cassaintegrazione in deroga per 54 lavoratori su 70, sebbene questa richiesta sia assolutamente priva di fondamenta.
Ma non siamo semplicemente di fronte a un cattivo imprenditore che vuole disfarsi degli operai, ma anche a un’azienda la cui proprietà è coinvolta in numerose inchieste giudiziarie. Basti qui ricordare che la titolare dell’Innova Service, Angela Di Marzo, è anche proprietaria della società Adm e per questo è indagata per la vicenda della cimice ritrovata negli uffici del Comune di Milano. Senza contare che un altro collaboratore della Di Marzo, tale Fabbrizzi, è indagato pure lui in diverse inchieste. Infine, gli inquirenti hanno trovato a casa della Di Marzo pure un dossier dei carabinieri sul Corrado Delle Donne, sindacalista dello Slai-Cobas.
Insomma, ci pare che siano tutti gli ingredienti per giustificare un intervento deciso da parte della Prefettura, per far capire all’Innova Service che non può fare quello che vuole, che ci sono delle regole da rispettare e che i lavoratori vanno rispettati. Per tutto il resto c’è la magistratura.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Qui sotto puoi scaricare il testo della risposta del Prefetto, pervenuta sotto le feste, al nostro esposto del 30 novembre scorso, che si ferma alle considerazioni legali-formali.
 

Scarica Allegato
 
Mentre i lavoratori della Maflow di Trezzano s/n e quelli della Novaceta di Magenta, saliti sui tetti delle rispettive aziende tra ieri e stamattina, ci rammentano che la crisi non è certo un ricordo del passato, ma una preoccupante realtà del presente, il governo regionale non trova di meglio che ribadire il suo sconcertante immobilismo.
Infatti, la risposta alla nostra interrogazione urgente sulla vertenza Mangiarotti Nuclear, resa stamattina in Aula dal vicepresidente Rossoni, ha lasciato sbigottiti sia noi, che soprattutto la delegazione degli operai dello stabilimento di viale Sarca presenti tra il pubblico.
Ovviamente, nessuno si aspettava un tifo entusiasta del vicepresidente regionale per i lavoratori che da settimane presidiano la fabbrica, ma che egli si presentasse addirittura sposando in pieno la posizione dell’azienda, questo francamente era troppo anche per noi.
Infatti, Rossoni ha riepilogato la vicenda Mangiarotti, dando semplicemente lettura al comunicato aziendale già presentato al tavolo in Agenzia regionale per il Lavoro il 18 dicembre scorso e, dunque, comunicando ufficialmente che la Regione darà al Ministero “parere non ostativo” alla richiesta della proprietà di estendere la cassaintegrazione alla totalità degli operai addetti alla produzione.
In altre parole, la Regione scarica gli operai e non si oppone alla speculazione immobiliare che si affaccia dietro il progetto dello smantellamento dello stabilimento. Senza contare, peraltro, che se la logica della sostituzione di un’attività produttiva con un affare immobiliare dovesse passare lì, presto toccherà anche alle altre aziende rimaste nella zona, a partire dalla vicinissima Marcegaglia di Sesto S. Giovanni.
Noi riteniamo che questo atteggiamento della Giunta Formigoni di fronte alla crisi -laddove la crisi economica funziona spesso da semplice pretesto per dismettere attività produttive e occupazione- sia inaccettabile. Da parte nostra, dunque, ci comporteremo di conseguenza, a partire dal completo sostegno a tutte le iniziative che gli operai vorranno intraprendere.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
 
La vicenda della Mangiarotti Nuclear S.p.A., l’azienda di v.le Sarca, a Milano, a rischio chiusura e presidiata dagli operai da natale, approda in Consiglio regionale. Domani mattina, nel corso della question time, la Giunta regionale risponderà infatti alla nostra interrogazione (trovi il testo in allegato).
Siamo di fronte all’ennesimo caso di tentata dismissione produttiva per fare posto a un’operazione immobiliare. E non importa nemmeno se l’azienda è sana e dotata di alta professionalità e sufficienti commesse.
Infatti, pare, che la proprietà dello stabilimento, la Mangiarotti Nuclear S.p.A., e quella dell’area, il gruppo Camozzi, abbiano trovato un accordo, vantaggioso per entrambi, ma il cui prezzo dovrebbero pagarlo gli operai e il territorio. Cioè, la prima sposta la produzione, con relative certificazioni e autorizzazioni, in un nuovo stabilimento nella zona di Udine, con maestranza meno qualificata e costosa, e la seconda si libera della fabbrica e potrà cambiare destinazione d’uso all’area, situata in una zona interessata a numerose e importanti operazioni immobiliari.
Inoltre, per poter portare a casa l’affare poco nobile, la Mangiarotti ha chiesto il 18 dicembre scorso l’estensione della cassaintegrazione alla totalità del personale addetto alla produzione. Cioè, ha preteso che gli ammortizzatori sociali servissero non per salvaguardare l’attività produttiva e l’occupazione, bensì per eliminarle. L’incontro, tenutosi nei locali dell’Agenzia regionale del Lavoro, ente dipendente dalla Regione, è finito con un mancato accordo, ma tuttora non si conosce il parere di Regione Lombardia.
Ebbene, con la nostra interrogazione chiediamo alla Giunta regionale di esplicitare cosa intende fare e, soprattutto, di opporsi all’estensione della cassaintegrazione e di attivarsi per impedire lo smantellamento dell’attività produttiva.
 
Vi segnalo il blog della Rsu della Mangiarotti Nuclear: http://blog.libero.it/rsumangiarotti/
 
qui sotto puoi scaricare il testo originale dell’interrogazione
 

Scarica Allegato
 
Stamattina, insieme a una delegazione del Prc di Monza, composta dal consigliere comunale Vincenzo Ascrizzi e dal segretario provinciale Anita Giurato, sono andato a Lesmo (Monza) e ho incontrato i lavoratori della Yamaha, protagonisti della lotta che ha permesso di conquistare la riapertura di un tavolo di trattativa, che una controparte arrogante aveva negato. Inoltre, con questa lotta i lavoratori vedono riconosciuto il diritto agli ammortizzatori sociali, anche questi negati. Il prossimo passo sarà l’incontro al Ministero per il 29 dicembre, ma nel frattempo gli operai continueranno a presidiare i cancelli.
Qui di seguito, le mie dichiarazioni rilasciate alla stampa dopo l’incontro:
"Uno splendido risultato, tutto merito e opera degli operai, che hanno costretto la multinazionale a tornare sui suoi passi. Tuttavia, sarebbe un grave errore se ora le istituzioni, a partire dalla Regione, si limitassero a cantare vittoria, facendo finta che tutti i problemi siano risolti. Anzi, proprio ora serve un impegno deciso, affinché il tavolo di trattativa conquistato dagli operai si traduca in risultati concreti, in termini di difesa dei posti di lavoro.
Infatti, i lavoratori erano stati costretti a salire sul tetto, in condizioni atmosferiche proibitive, per imporre all’azienda il rispetto di quello che era semplicemente un loro diritto: la cassa integrazione, anziché il licenziamento in tronco. Ma la partita della continuità produttiva e della difesa dell’occupazione è ancora tutta da giocare. Per vincerla c’è bisogno dell’azione convinta e congiunta delle istituzioni.”
 
 
È appena arrivata la notizia da Lesmo (Monza) che i quattro operai della Yamaha, che hanno passato le ultime sei notti sul tetto della fabbrica tra freddo polare e neve, stanno scendendo. La multinazionale, in cambio, si sarebbe impegnata a richiedere la cassaintegrazione per tutti i 66 dipendenti, secondo fonti della Fim-Cisl, ed è stato convocato un incontro tra le parti al Ministero per il 29 dicembre.
 
Il Prefetto di Milano intervenga con urgenza per sospendere le attività di vigilanza della società Innova Service presso il sito ex Alfa Romeo di Arese. Questa è la richiesta contenuta nella lettera inviata oggi al Prefetto Lombardi da Luciano Muhlbauer (Consigliere regionale del Prc), Massimo Gatti (Consigliere provinciale di Milano, Un’altra Provincia-Prc-PdCI) e Basilio Rizzo (Consigliere comunale di Milano, Lista Fo).
La Innova Service, che gestisce la vigilanza e le portinerie all’ex Alfa di Arese, fa infatti capo ad Angela Di Marzo, titolare dell’agenzia Adm, già indagata per la cimice ritrovata negli uffici del city manager del Comune di Milano. Ebbene, secondo quanto riportato sabato scorso dal quotidiano La Repubblica, la Procura di Milano avrebbe sequestrato negli uffici della Di Marzo appunti sugli operai dell’Innse e, soprattutto, una relazione dei Carabinieri su Corrado Delle Donne, dirigente sindacale dello Slai-Cobas dell’Alfa di Arese.
Ma gli intrecci tra la Adm e la Innova Service non finiscono con la Di Marzo. Coinvolgono, infatti, anche un altro soggetto, Lorenzo Fabbrizzi. Quest’ultimo è un collaboratore dell’Adm, anche lui indagato per la vicenda della cimice, ed è altresì un dirigente della Innova Service. Inoltre, per non farsi mancare proprio nulla, un mese fa era stato arrestato a Firenze nel quadro dell’inchiesta Telecom.
A questo poco edificante intreccio, va infine aggiunto che gli operai dell’Alfa di Arese hanno ripetutamente denunciato “angherie di ogni tipo” da parte della Innova Service. La quale, ora, mediante avviso affisso in bacheca, ha informato le maestranze che da domani, 1° dicembre, verrà chiuso il servizio mensa e che di conseguenza ogni lavoratore trovato all’interno del sito Alfa durante la pausa mensa sarà allontanato con la forza.
Insomma, ci pare ce ne sia abbastanza per poter sostenere che la Innova Service non può continuare a gestire la vigilanza all’ex Alfa e che deve stare lontana dagli operai, peraltro impegnati in una dura e delicata lotta contro i progetti di chiusura del sito di Arese.
 
Comunicato stampa congiunto di Luciano Muhlbauer, Massimo Gatti e Basilio Rizzo
 
qui sotto puoi scaricare il testo originale della lettera invita al Prefetto
 

Scarica Allegato
 
Ieri sono state ascoltate in audizione in Consiglio regionale le rappresentanze sindacali della Mangiarotti Nuclear, azienda che ha chiesto la messa in cassa integrazione di tutti gli operai dello stabilimento di viale Sarca, al civico n. 336, a partire dal 21 dicembre prossimo; cioè di fatto ha annunciato la volontà di chiudere il sito.
Qui di seguito riportiamo il comunicato stampa ufficiale del Consiglio regionale sull’audizione:
 
Per salvaguardare il futuro occupazionale dei 97 dipendenti   della Mangiarotti Nuclear dello stabilimento milanese di Viale Sarca, per i quali l’azienda ha avviato le procedure per la messa in cassa integrazione, Regione Lombardia cercherà di attivarsi per comporre un tavolo tra rappresentanze sindacali e proprietà al fine di garantire il mantenimento in loco della produzione evitando possibili ridimensionamenti occupazionali.
E’ quanto assicurato oggi dal Consigliere Giosuè Frosio (LN) che ha presieduto la seduta della Commissione Attività produttive su delega del Presidente Carlo Saffioti (FI.PdL). Giosuè Frosio, al termine dell’audizione sollecitata dal capogruppo di Rifondazione Comunista Luciano Muhlbauer, ha ribadito di aver già investito del problema e della situazione l’Unità di Crisi istituita presso la Giunta regionale.
All’audizione sono intervenuti Danilo Ferrati delle rappresentanze sindacali dell’azienda e Marcello Scipioni della Fiom milanese, che hanno evidenziato come la proprietà abbia annunciato di voler procedere alla messa in cassa integrazione di tutti i 97 lavoratori dell’unità produttiva milanese di Viale Sarca, mantenendo pertanto al momento solo il personale (39 unità) impiegato negli uffici di via Pirelli. “Tale decisione -hanno spiegato Ferrati e Scipioni- tradisce l’accordo stipulato a giugno con la proprietà, con il quale avevamo stabilito che la cassa integrazione sarebbe stata attuata solo per 55 dipendenti, garantendo così il mantenimento della produzione in Viale Sarca”.
Intenzione dell’azienda, che ha la sua sede centrale a Sedegliano (Udine) e che si occupa di progettazione, fornitura e montaggio impianti per la produzione di energia soprattutto nel settore nucleare, è quella di realizzare un nuovo stabilimento a Monfalcone, nei pressi della sede centrale, chiudendo così lo stabilimento milanese, complice anche il calo degli ordinativi registrato nel corso degli ultimi mesi.
E’ chiaro che l’intenzione della proprietà della Mangiarotti –ha detto Luciano Muhlbauer (Rif.Com.)- è quella di eliminare completamente la produzione nella realtà milanese. Una scelta inaccettabile che comporterebbe anche la perdita di professionalità e competenze acquisite nonché l’abbandono dei macchinari oggi attivi e presenti nello stabilimento di Viale Sarca. Occorre pertanto che Regione Lombardia si attivi quanto prima per mantenere in loco l’unità produttiva , anche mediante progetti di riconversione”.
 
Comunicato stampa della Struttura Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia
 
 
Il Consiglio regionale della Lombardia esprime la sua solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici dell’Agile (ex-Eutelia) di Pregnana Milanese, a quelli di Phonemedia di Monza, nonché agli altri del gruppo Omega. Ma, soprattutto, chiede l’intervento diretto della Presidenza del Consiglio dei Ministri al fine di salvaguardare le attività produttive e l’occupazione, in vista dell’incontro nazionale tra le parti del prossimo 26 novembre, a Roma.
Questo, infatti, dice la mozione presentata dal Prc e da tutta l’opposizione (firmatari: Muhlbauer, Mirabelli, Squassina O., Cipriano, Squassina A., Fabrizio, Monguzzi, Oriani, Prina, Saponaro, Agostinelli e Storti), approvata oggi in Aula.
Certo, è stato molto faticoso smuovere le acque stagnanti del governo regionale, che infatti ha chiesto diverse modifiche al testo originale della mozione, prima di dare il via libera all’approvazione. Così, abbiamo dovuto eliminare o riformulare i riferimenti considerati troppo critici alla proprietà delle scatole cinesi Agile/Eutelia/Omega (l’aggressione ai lavoratori di Roma del 10 novembre, la vicenda degli stipendi non pagati da mesi) e togliere il richiamo esplicito all’eventualità del ricorso all’amministrazione straordinaria da parte del Governo.
Il tutto a conferma dell’atteggiamento rinunciatario del governo regionale, già evidenziato dal silenzio assordante mantenuto sin dall’avvio, il 22 ottobre scorso, della procedura di mobilità per 1.192 dipendenti Agile. Nemmeno l’occupazione - il 4 novembre scorso - del sito di Pregnana Milanese colpito da 237 esuberi, aveva smosso il Pirellone. Un mutismo non solo incomprensibile, ma anche solitario, visto che la Lombardia è rimasta fino ad oggi l’unica a non essersi espressa formalmente, tra le regioni coinvolte.
Ma ora il silenzio è stato finalmente rotto. Per ottenere questo risultato e per non offrire alibi a nessuno, abbiamo accettato le richieste di modifica al testo. Ma ora pretendiamo che il Presidente Formigoni muova i passi necessari presso la Presidenza del Consiglio, al fine di garantire la continuità produttiva e il blocco dei licenziamenti, come richiesto dall’Assemblea regionale.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Qui sotto puoi scaricare sia la mozione originaria depositata, che il testo effettivamente approvato, con tutte le modifiche chieste dalla Giunta regionale

Scarica Allegato
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (233)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



21/02/2019 @ 09:57:33
script eseguito in 88 ms

Ci sono 117 persone collegate