Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di lucmu (del 24/11/2008, in Antifascismo, linkato 1338 volte)
Nella seduta del Consiglio comunale di Buccinasco di stasera il Sindaco Loris Cereda ha formalmente comunicato l’annullamento del convegno dedicato a Julius Evola e previsto per giovedì 27 novembre (vedi post su questo blog del 20/11). Una piccola vittoria per quanti a Buccinasco e non solo si erano opposti a questo scempio e una buona notizia per tutti quanti, visti i tempi che corrono. Comunque sia, l’Anpi e le varie realtà politiche e sociali di Buccinasco confermano il presidio antifascista di mercoledì 26 novembre, alle ore 18.00, davanti al Municipio, considerate la gravità dell’accaduto e l’intenzione del Sindaco, proclamata stasera, di voler in futuro ritentare di omaggiare Evola a nome e a spese del Comune.
 
Qui di seguito il comunicato ufficiale del Comune di Buccinasco con il quale il Sindaco Cereda annuncia l’annullamento del convegno (penso si commenti da solo…):
“Buccinasco (24 novembre 2007) - A seguito delle polemiche insorte nei giorni scorsi, delle segnalazioni di possibili disordini e della lettera del Prefetto di Milano che, con queste parole "l'eco mediatica delle proteste, alimentata anche dal clima di contestazione contro la riforma scolastica e ai tagli all'università che in questi giorni attraversa il Paese, lascia presumere possibili turbative all'ordine pubblico da parte delle frange radicali provenienti anche da fuori Comune" caldeggia l'Amministrazione a riflettere sui possibili disordini che l'iniziativa potrebbe far insorgere, la Giunta di Buccinasco ha deciso di rimandare il convegno sul pensiero filosofico di Julius Evola programmato per giovedì 27 novembre p.v.
Così commenta il Sindaco Loris Cereda: "Il senso di responsabilità che governa sempre le nostre decisioni ci spinge a rinviare questa serata filosofica. La nostra intenzione, era tenere il tutto al di fuori della politica, ma ciò non è stato possibile. Ha cominciato l'ANPI, subito seguita dal PD di Buccinasco, poi dal centro-sinistra della provincia di Milano, fino al Consigliere regionale Muhlbauer che con la frase 'il Sindaco di Buccinasco annulli immediatamente il convegno revisionista e risparmi a Buccinasco questa vergogna. Altrimenti ognuno si assuma le sue responsabilità' ci ha, a tutti gli effetti, minacciati. Il polverone politico rischiava di portare nella nostra città eventi non controllabili. Non ho potuto fare altro, quindi, che prendere buona nota della segnalazione del Prefetto. Tutto sommato chi voleva negare il diritto di esistenza al pensiero di Julius Evola, con questa montatura, gli ha fatto la più grande pubblicità. Comunque non finisce qui. Questa è una questione di democrazia e, la lotta per la democrazia e per la libertà di pensiero, è una battaglia che non vogliamo perdere. Stiamo valutando come riproporre la serata, magari in un contesto televisivo".
 
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
L’Assessore regionale alla Sanità, Bresciani, intervenga sull’Ospedale Niguarda di Milano per sospendere il trasferimento del reparto di cardiologia pediatrica, prevista per inizio gennaio, e convochi urgentemente un incontro con il Comitato genitori e con i professionisti. Questo è quanto chiedono cinque Consiglieri regionali della sinistra - Muhlbauer (Prc), Agostinelli (Prc), Squassina O. (Prc), Squassina A. (Sd) e Monguzzi (Verdi) - con l’interpellanza presentata oggi.
Infatti, nel quadro del piano di riorganizzazione del Niguarda, la direzione sanitaria prevede di chiudere l’attuale reparto di cardiologia pediatrica (Struttura Complessa di Cardiologia Pediatrica – Sccp), parte del Dipartimento Cardiologico, per trasferire le sue attività a quello Materno-Infantile. Un’operazione fatta in nome della razionalizzazione economica e apparentemente di buon senso, ma che ha suscitato molta preoccupazione sia tra il personale medico, che tra i genitori dei bambini cardiopatici.
Una preoccupazione più che fondata, poiché la cardiologia pediatrica è una disciplina ad alta specializzazione e intensità di assistenza e la grande maggioranza dei ricoveri è dovuta a interventi chirurgici o procedure di cardiologia interventistica. Non è dunque un caso che la Sccp faccia parte del Dipartimento Cardiologico e non certo della pediatria generale, caratterizzata invece da un livello di intensità di cura medio-basso.
Sulla vicenda eravamo già intervenuti nel giugno scorso con una prima interpellanza, ma la risposta dell’Assessore, consistente essenzialmente in una relazione del direttore generale del Niguarda, dott. Cannatelli, è per molti versi lacunosa e superficiale e completamente reticente rispetto a un quesito centrale: cioè, in che misura il ridimensionamento delle erogazioni del Niguarda andrà a favorire quelle di alcune strutture sanitarie private, come ad esempio il reparto di cardiologia pediatrica dell’Irccs Policlinico di San Donato?
Insomma, le domande senza risposte sono francamente troppe. Ecco perché riteniamo sia imprescindibile che l’Assessore si faccia carico della questione, promuovendo in prima persona una verifica dell’impatto della chiusura della Sccp sui livelli di assistenza, acquisendo le opinioni e considerazioni di genitori e medici e, ovviamente, sospendendo nel frattempo lo smantellamento del reparto di cardiologia pediatrica.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Qui sotto puoi scaricare il testo della nuova interpellanza e la risposta dell’Assessore a quella precedente. Per la prima interpellanza vedi invece il post su questo blog del 16 giugno 2008.
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Dopo il riuscito presidio di sabato 1 novembre nel centro di Bollate (Mi), il locale comitato antifascista, costituitosi contro l’apertura del centro neonazista “Skinhouse”, ha organizzato una manifestazione per sabato 22 novembre. Appuntamento alle ore 14.30 alla stazione di Bollate. Se non avete altri impegni e se abitate nel milanese, partecipate!
Vi segnalo che il Comitato antifascista di Bollate ha aperto un sito in rete (www.comitatonoskinhouse.com), dove potete trovare il volantino di indizione del corteo e altre info utili.
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
In questo mese di novembre ricorre il 70° anniversario di una delle pagine più buie e vergognose della nostra storia, cioè la promulgazione delle leggi razziali da parte del regime fascista, avvenuta il 17 novembre del 1938. Vista l’aria che tira, non ci aspettavamo certo un fiorire di iniziative istituzionali di riflessione, ma l’indecente trovata del sindaco di Buccinasco, comune di poco più di 25mila abitanti nell’hinterland milanese, ci lascia francamente di stucco.
Il Sindaco Loris Cereda, di centrodestra, ha evidentemente deciso di commemorare la scadenza, promuovendo a nome e a spese del Comune un convegno dedicato a Julius Evola e sfrattando en passant un incontro pubblico dell’Anpi, programmato da tempo e dedicato al “neofascismo e le nuove frontiere del pensiero razzista”.
Il convegno organizzato dal Comune di Buccinasco si intitola significativamente “l’attualità del pensiero di Julius Evola”, prevede la partecipazione del Presidente della “Fondazione Julius Evola”, Gianfranco de Turris, e si dovrebbe tenere il 27 novembre sera presso la Cascina Robbiolo, cioè nello stesso luogo e nella stessa ora dove l’Anpi aveva programmato la sua iniziativa.
Alle prime critiche e proteste da parte dell’Anpi, il Sindaco ha replicato sul blog del Comune (http://buccinasco.serveblog.net/testo_212.html) che tutto va bene, poiché si tratterebbe di una “serata di filosofia”. Peraltro, la stessa scheda biografica di Evola, predisposta dal Comune e reperibile sullo stesso blog, brilla per la medesima reticenza e omissione, visto che il principale teorico del neofascismo e razzismo italiano, viene presentato come un simpatico filosofo, estraneo alle cose concrete del mondo e della politica.
L’Anpi di Buccinasco e diverse forze politiche e sociali locali hanno già convocato un presidio davanti al municipio alle ore 18.00 del 26 novembre, per chiedere l’annullamento dell’evento vergogna. Il gruppo consiliare regionale di Rifondazione Comunista sarà con loro.
Tuttavia, il nostro auspicio è che non si debba arrivare fino al punto di dover scendere in piazza per cercare di impedire che in provincia di Milano si realizzi l’oscenità di un Comune che nel 70° anniversario delle leggi razziali organizza e finanzia, con i soldi dei contribuenti, un convegno in onore del principale teorico italiano del totalitarismo e del razzismo.
Cioè, il Sindaco Loris Cereda annulli immediatamente il convegno revisionista e risparmi a Buccinasco questa vergogna. Altrimenti, ognuno si assuma le proprie responsabilità.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il volantino del Comune di Buccinasco che promuove il convengo
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 19/11/2008, in Casa, linkato 933 volte)
Il governo regionale lombardo ha riservato un’amara sorpresa di Natale agli inquilini delle case popolari e a quei tantissimi cittadini che ogni anno si vedono respingere la loro domanda di alloggio sociale. Ai primi dà un pannicello caldo, invece di un intervento serio contro il caro-affitti, e ai secondi riduce ulteriormente l’offerta di abitazioni. In sostanza, vengono scaricati, abbandonati al loro destino.
Tutto questo può sembrare un controsenso, specie ora che la crisi e la recessione picchiano duro, ma è esattamente quanto c’è scritto nel pacchetto di emendamenti (Pdl n. 342) della Giunta a diverse leggi regionali relativi all’edilizia residenziale pubblica. E, sebbene il progetto sia stato consegnato alla Commissione soltanto tre giorni fa e che non ci sia un accordo con i sindacati inquilini, goffamente mascherato da un’intesa firmata dall’Assessore con le segreterie confederali, il centrodestra ha già annunciato che intende comunque farlo approvare dal Consiglio entro Sant’Ambrogio.
E così, la più volte annunciata modifica della legge n. 27, quella che ha provocato un aumento generalizzato e insostenibile degli affitti nelle case popolari, non solo arriva in Consiglio con grave ritardo rispetto agli impegni assunti dall’Assessore, ma brilla soprattutto per l’inconsistenza dei correttivi. Insomma, poco più di una mitigazione parziale, con l’aggiunta di alcuni aggiustamenti resi necessari dal caos applicativo di questi 11 mesi di vigenza della legge. Per gli inquilini, però, colpiti da aumenti fino al 300%, non cambia nulla di sostanziale.
Il pacchetto di modifiche non si limita, tuttavia, alla sola questione degli affitti, ma tocca anche due altre questioni: le Aler e le assegnazioni delle case popolari. Della prima, relativa alla legge regionale n. 13 del 1996, si è parlato molto, persino evocando concetti altisonanti come “riforma delle Aler”, salvo poi scoprire che la montagna ha partorito un topolino, nemmeno troppo simpatico. Infatti, l’unica cosa concreta è l’intervento sui CdA delle Aler, con un’operazione di accentramento di potere nelle mani del Presidente della Regione. E così, verrebbero eliminati dai CdA gli unici due componenti non nominati dalla Regione, ma da Province e Comuni capoluogo, mentre la nomina dei presidenti delle Aler sarebbe d’ora in poi prerogativa della Giunta e non più del Consiglio regionale.
Della seconda questione, invece, nessuno sembra avere voglia di parlare, a partire dall’Assessore. Anzi, pare quasi un emendamento clandestino. Eppure, rappresenta una vera propria bomba, poiché interviene sulle modalità di assegnazione e sulle graduatorie. In estrema sintesi, la modifica alla l.r. n. 1/2000 prevede la possibilità per gli enti proprietari (Aler e Comuni), previo nulla osta del governo regionale, di poter cambiare la destinazione di quote del patrimonio Erp. Cioè, parte degli alloggi sociali potrà essere sottratto alle graduatorie e trasformato in alloggi da affittare con canone moderato o convenzionato, cioè un affitto più alto e meno accessibile alle fasce sociali più deboli.
Si tratta di una norma fortemente voluta dal Comune di Milano, in nome del cosiddetto housing sociale, e che porterebbe ad un ulteriore erosione dell’offerta pubblica di alloggi a canone sociale, dopo quella già decisa dalla legge n. 27 con la vendita del 20% del patrimonio Erp. Per capire quanto sia grave questo progetto, basti ricordare che attualmente in Lombardia il 95% degli aventi diritto in graduatoria non riesce ad avere un alloggio sociale e che tutti i dati disponibili indicano per i prossimi anni un aumento della domanda di alloggi sociali.
Per quanto ci riguarda, la nostra opposizione a questo progetto sarà netta e totale, così come continuiamo a batterci per una reale ed efficace sterilizzazione degli aumenti dei affitti.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il pacchetto di emendamenti della Giunta regionale
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Nel processo Diaz ha vinto l’omertà di Stato. Non troviamo altre parole per riassumere il senso della sentenza emessa ieri notte dal tribunale genovese. Visti i precedenti non ci aspettavamo certamente che si facesse giustizia, ma che i magistrati riconsegnassero almeno un po’ di verità, questo sì. Invece è andata diversamente, perché ora non c’è né giustizia, né verità.
Se prendessimo per buona la verità trasmessa dalla sentenza, dovremmo concludere che la Polizia di Stato è un colabrodo, dove i capi non solo non sanno quello che fanno i funzionari intermedi, ma non sono nemmeno in grado di fornire l’elenco completo degli agenti che hanno partecipato all’azione. Insomma, l’anarchia allo stato puro.
Eppure, quella allucinante notte alla Diaz tutto si svolse in modo super-organizzato, le prove false furono esibite e rivendicate in maniera decisa e coordinata e tutti i massimi capi dei massacri genovesi furono come d’incanto promossi. Anche il sistematico ostruzionismo contro le indagini da parte del Ministero e dei vertici della Polizia di Stato negli anni successivi si svolse con la massima efficienza ed organizzazione.
In altre parole, quella sentenza che assolve tutti i capi e condanna, a pene lievi e risibili, alcuni funzionari intermedi, la cui posizione processuale era talmente compromessa che non si poteva fare diversamente, racconta una storia improbabile, insostenibile e offensiva. Un autentico insulto nei confronti delle 93 persone inermi massacrate quella notte e delle regole minime dello stato di diritto.
Ma la cosa peggiore di quella sentenza è forse il suo messaggio di arroganza e impunità. E così, ne escono rafforzati la casta di alti funzionari di polizia raccolta attorno al potente ex-capo della polizia De Gennaro e tutti quei settori delle forze dell’ordine che considerano l’abuso di potere una loro legittima prerogativa. Ne escono sconfitti la giustizia, lo stato di diritto e anche tutti quei funzionari ed agenti delle forze dell’ordine che fanno il loro lavoro nel rispetto della legge e dei diritti umani.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il dispositivo della sentenza del 13 novembre
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
“Gli zingari rubano i bambini”. Quante volte abbiamo sentito questa affermazione. Al bar, per strada, magari da parte di amici, sicuramente esclamata da qualche leghista. In tv e sulla stampa le notizie di presunti rapimenti di bambini da parte di rom hanno spesso conquistato la prima pagina. Ma cosa c’è di vero in questa leggenda nera che affonda le sue radici nella notte dei tempi? Nulla, semplicemente nulla!
È questo il risultato di una ricerca commissionata dalla Fondazione Migrantes (della Conferenza Episcopale Italiana) al Dipartimento di psicologia e antropologia culturale dell'Università di Verona sui presunti tentati rapimenti addebitati ai rom dal 1986 al 2007.
La ricerca è stata presentata il 10 novembre scorso e raccolta in un libro intitolato “La zingara rapitrice” (per richiederlo alla Fondazione Migrantes: Tel. 06/6617901 - segreteria@migrantes.it).).
La ricerca prende in esame una quarantina di casi degli ultimi anni, tra cui anche quelli che hanno fanno tanto clamore sulla stampa o sono diventati persino pretesti per atti di violenza razzista, come quello di Ponticelli (Napoli). Ebbene, in nessun caso i responsabili della sparizione dei bimbi sono rom o sinti. Semplicemente non c’entrano niente, ma questa notizia non l’ha mai letta nessuno sulla stampa, se non in ultima pagina della cronaca locale.
In Italia i bimbi vengono sottratti da parenti, pedofili o amici di famiglia. Questa è la realtà dei fatti. Ma fa tanto comodo, specie ai professionisti della politica dell’odio e a coloro che si inchinano davanti all’aria che tira, attribuire la responsabilità a chi non c’entra nulla e non può nemmeno difendersi.
Grazie alla Fondazione Migrantes. Ma ora sta anche a noi far conoscere questa ricerca, costruire iniziative, far circolare le informazioni.
 
Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 05/11/2008, in Sicurezza, linkato 1191 volte)
Le sei ordinanze del Sindaco Moratti, decise ieri dalla Giunta comunale, non sono soltanto figlie di una visione orwelliana della città, ma sono soprattutto un gigantesco imbroglio. A meno che non si voglia sostenere seriamente che gli agenti della Polizia Locale, della Polizia di Stato e dei Carabinieri, già colpiti dai tagli dei finanziamenti, debbano ora abbandonare le loro attività, per dedicarsi all’applicazione delle ordinanze.
Basta infatti scorrere velocemente i divieti per capire che vengono presi di mira non dei pericolosi reati, ma soprattutto dei comportamenti ampiamente diffusi. Così, secondo le ordinanze, d’ora in poi verrà punito con una multa di 500 euro chi consuma alcolici per strada, si fuma uno spinello nel parco o fa una scritta su un muro. A questo si aggiunge la supermulta per quante e quanti si prostituiscono in pubblico e quella, davvero grottesca, per i poveracci che mendicano qualche centesimo per strada.
È evidente che garantire l’applicazione uniforme e capillare sul territorio di una tale opera di rieducazione di massa non è nell’ordine del possibile. Sarà dunque il caso, anzi l’arbitrio, a decidere chi verrà sanzionato e chi no.
Che di vero e proprio arbitrio si tratti è poi confermato dalla stessa lettera delle ordinanze. La descrizione dei comportamenti da sanzionare è a tratti imbarazzante e lascia ampi dubbi sulla legittimità delle sanzioni che verranno emesse. Basta considerare che per essere multati per prostituzione non è necessario consumare un rapporto dietro pagamento, ma basta “contrattare, concordare” con soggetti che “per il loro abbigliamento e modalità di approccio manifestino l’intenzione di esercitare prestazioni sessuali”.
Oppure consideriamo l’ordinanza sul consumo di alcolici che afferma letteralmente: “è fatto divieto di consumare nonché detenere (a scopo di verosimile immediato consumo) ogni genere di bevanda alcolica e superalcolica in contenitori di vetro o in latta, in tutti i luoghi pubblici o aperti al pubblico del territorio comunale, allorquando a) si creino condizioni di pericolo derivanti dall’abbandono di qualsivoglia contenitore …; b) si concretizzino comportamenti incivili, violenti o tali da limitare la piena e serena fruizione degli stessi luoghi pubblici …”.
Insomma, non si parla di fatti, ma di intenzioni, di abbigliamento e di comportamenti. Con tanti saluti alla tanto celebrata certezza del diritto.
Tutte queste cose il Sindaco Moratti le sa benissimo, ma non gliene frega niente. Infatti, le casse del Comune sono sempre più vuote e qualche multa in più fa sempre comodo. E poi, va sempre bene indicare qualche nemico, prima il rom, ora il giovane che si fa una birra o una canna, per nascondere la totale assenza di un progetto coerente per la città.
(sull’argomento vedi anche il post su questo blog del 26 settembre scorso)
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il testo originale delle sei ordinanze della Moratti
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
A 90 anni dalla fine della grande carneficina, chiamata Prima Guerra Mondiale, il Consiglio Regionale della Lombardia si è sottratto alla retorica guerresca e ha lanciato un messaggio diametralmente opposto a quello del Ministro La Russa.
Infatti, stamani l’Aula ha accolto all’unanimità l’emendamento della sinistra - a firma dei Consiglieri Muhlbauer (Prc), Squassina (Sd) e Saponaro (Verdi) - che ha introdotto nell’articolo 1 della legge regionale per la “promozione e valorizzazione del patrimonio storico della prima guerra mondiale” il principio vincolante che le azioni della Regione debbano realizzarsi “con la finalità di sostenere la crescita della cultura della pace e della pacifica convivenza tra i popoli”.
Certo, non un fatto risolutivo, visto il vigore della campagna di Alleanza Nazionale e dei suoi Ministri, i quali vorrebbero revisionare la memoria dell’immane massacro che fu la Prima Guerra Mondiale, per celebrare, invece, una vittoria militare che nemmeno ci fu. Ma pur sempre un atto concreto e tangibile, poiché le attività educative e didattiche e i progetti culturali interregionali, previsti dalla legge, dovranno attenersi a questo principio.
In fondo, oggi e qui non poteva esserci modo migliore per rimandare al mittente la triste propaganda bellica di La Russa e per rendere omaggio alla memoria dei 600 mila contadini e operai italiani, mandati al macello per miseri giochi di potere e comandati da generali inetti e privi di scrupoli.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Vi ricordate del rogo di Opera? Era la vigilia di Natale del 2006 e un nutrito gruppo di cittadini operesi, guidato e incitato dal leghista Ettore Fusco e da altri esponenti della Lega e di An, aveva dato alle fiamme le tende della protezione civile, destinate ad ospitare fino a primavera le famiglie rom precedentemente sgomberati dalle baracche di via Ripamonti, nel comune di Milano. Le tende sarebbero poi state rimontate, ma l’assedio, con tanto di insulti e minacce quotidiane, continuò fino all’inizio di febbraio, quando i rom e la Casa della Carità gettarono la spugna e se ne andarono.
Opera fu una sconfitta per la democrazia e la decenza e una vittoria politica per le destre e gli xenofobi. Anzi, fu una sorta di fatto costituente, destinato a fare scuola. Da allora in poi si registrò un crescendo di azioni simili, un po’ dappertutto in Lombardia e successivamente anche oltre. E uno dei principali protagonisti della vicenda capitalizzò la vittoria fino in fondo: nell’aprile del 2008 Ettore Fusco è stato eletto Sindaco di Opera.
Aver permesso a Lega e An -con qualche occasionale appoggio operativo di militanti neofascisti- di averla vinta, significò sdoganare e legittimare azioni razziste e violente contro i rom. Lo stesso comportamento delle autorità preposte alla tutela dell’ordine pubblico fu allora arrendevole, per usare un eufemismo. In sostanza rimasero a guardare. E la medesima tolleranza sarebbe poi stata usata anche dal magistrato, che infatti nel febbraio scorso assolse Ettore Fusco dall’accusa di “istigazione a delinquere”.
Sembrava tutto chiuso, finito, nel peggior modo possibile. Cioè, a Opera non era successo nulla, non ci sono responsabilità, né colpevoli. O meglio, gli unici colpevoli sono quelli che la violenza non l’hanno mai usata: le famiglie rom, prima sgomberati dalla baraccopoli milanese, poi assediati, minacciati e cacciati da Opera.
Invece no, la vicenda non è ancora chiusa. Infatti, venerdì 31 ottobre la Corte di Cassazione ha depositato la sentenza con la quale accoglie il ricorso della Procura di Milano, annullando l’assoluzione e disponendo un nuovo processo per “istigazione a delinquere” contro il Sindaco di Opera, Ettore Fusco.
Una buona notizia, comunque vada a finire, perché vuol dire che è rimasto ancora qualcuno che ritiene i roghi razzisti contro persone indifese, con l’unico fine di garantire un tornaconto politico e personale a qualcuno, non compatibili con lo stato di diritto e la democrazia.
 
Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (233)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



09/12/2018 @ 21:46:00
script eseguito in 101 ms

Ci sono 71 persone collegate