Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di lucmu (del 14/05/2008, in Sicurezza, linkato 730 volte)
Le continue capriole politiche del Presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, sembrano averlo portato finalmente a destinazione. Ormai parla come un leghista doc, anzi di più, poiché chiede la cacciata dei rom non solo dalla città di Milano, bensì dall’intera area metropolitana.
In questi giorni di annunci di pacchetti sicurezza e di poteri speciali per i Prefetti, tutti sembrano parlare in coro, non si riesce più a distinguere le voci, se non per l’ignobile gara tra chi la spara più grossa. Ma la cosa che colpisce maggiormente è che nessuno sembra più interessato a trovare soluzioni ai problemi e tanto meno a interrogarsi su dove possa portare questo continuo soffiare sul fuoco.
Ormai siamo al trionfo dell’ipocrisia e del più puro degli opportunismi politici, nel tentativo di rincorrere le destre sul loro terreno. Difficile pensare che le parole di Penati, che sostengono l’esatto contrario di quanto diceva fino a un anno fa, siano ispirate a profonde meditazioni sul merito della questione e non, molto più banalmente, all’avvicinarsi della scadenza elettorale del 2009 e all’illusione di poter salvaguardare in questo modo la propria poltrona.
E non si tratta soltanto del Presidente della Provincia, bensì di un vero e proprio smottamento politico. Per averne conferma, basta volgere lo sguardo a un comune dell’hinterland come Rozzano, dove un sindaco di centrosinistra fomenta le ronde e il locale “assessore alla pace” le capeggia.
La netta vittoria elettorale del centrodestra e la centralità del discorso sulla sicurezza testimoniano una forte egemonia culturale delle destre, così come la gravità del fallimento dell’esperienza governativa del centrosinistra, incapace di offrire risposte reali ai lavoratori e ai ceti popolari colpiti dalla crisi. Ma concludere, ora, che la soluzione del problema stia nell’assomigliare alla destra e nell’abbandonarsi al gattopardismo significa semplicemente cacciarsi in un vicolo cieco, poiché, come dimostra l’esperienza, alla fine si sceglierà sempre l’originale e non la fotocopia, specie se quella dimostra di non disporre nemmeno di un po’ di coerenza.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
In molti paesi europei accanto alle autostrade si piantano alberi. Qui in Lombardia, invece, si piantano centri commerciali o qualsiasi altra cosa, purché faccia business. Non si tratta della sceneggiatura di qualche pellicola catastrofista, bensì di quanto concretamente potrà accadere se domani il Consiglio regionale approverà così com’è il progetto di legge n. 226 sulle infrastrutture.
Infatti, il provvedimento, teso anzitutto all’accelerazione delle procedure per la realizzazione delle grandi opere autostradali, cioè Pedemontana, Brebemi e Tem, contiene nel suo articolo 10 una norma che fa rizzare i capelli, prevedendo che le concessioni delle infrastrutture possano riguardare anche “interventi di carattere insediativo e territoriale”, rivolti “principalmente agli utenti delle infrastrutture medesime ovvero a servizio delle funzioni e delle attività presenti sul territorio”.
Una definizione talmente generica del tipo di intervento ammesso e della sua localizzazione rispetto al tracciato dell’infrastruttura, che praticamente qualsiasi cosa diventa possibile, purché i suoi “margini operativi di gestione possano contribuire all’abbattimento del costo dell’esposizione finanziaria”. Insomma, una super-deroga da tutti gli strumenti urbanistici e paesistici, che equivale a trasformare i territori attraversati dalle nuove autostrade in una zona franca per le incursioni di grandi capitali immobiliari e speculatori di ogni risma.
Una norma scandalosa e irresponsabile, specie in una regione come la nostra, dove il selvaggio consumo del territorio sta oltrepassando i limiti di guardia. Non a caso, diverse associazioni ambientaliste e vari comitati hanno espresso la loro preoccupazione e contrarietà. L’aveva fatto il WWF durante il dibattito in Commissione e lo fa un gruppo di associazioni (dalla Rete Lilliput all’Ass. Nuovo Municipio, dall’Ass. Parchi del Vimercatese al Comitato No Expo e tanti altri), che in pochi giorni ha raccolto oltre 1.200 firme e che per domani mattina organizza un presidio davanti al Consiglio.
Da parte nostra, continueremo in Aula la nostra battaglia e chiederemo, insieme ad altri consiglieri della sinistra, lo stralcio della norma dal provvedimento. Non possiamo che auspicare che anche dalle parti del centrodestra prevalga un minimo di senso di responsabilità rispetto al territorio e, soprattutto, che il Pd abbandoni la linea della benevola astensione, seguita finora.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare gli emendamenti che presenterà il Prc, firmati anche da altri consiglieri della sinistra. (per leggere il testo del Pdl n. 226, vedi nostra news del 7 maggio)
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
I cittadini e le cittadine di Corsico, e non solo, si battono da anni perché il raddoppio della ferrovia Milano-Mortara avvenga in maniera sostenibile (vedi anche altre news sull’argomento su questo blog) e hanno ripetutamente denunciato delle irregolarità. Ebbene, il 2 maggio scorso, finalmente, il Ministero dell’Ambiente ha dato ragione al comitato cittadino e al Comune di Corsico, riscontrando il non rispetto delle procedure della VIA (valutazione di impatto ambientale) da parte della Italferr, responsabile dell’esecuzione dei lavori, e invitando dunque la società a sospendere immediatamente i lavori.
Tuttavia, nonostante la nota del Ministero e la diffida del Comune, i lavori a Corsico sono proseguiti tranquillamente.
Oggi abbiamo quindi depositato in Regione un’interpellanza urgente all’Assessore Cattaneo (Infrastrutture) e all’Assessore Boni (Territorio e Urbanistica), in cui si sollecita l’intervento del governo regionale, affinché Italferr rispetti le prescrizioni e sospenda immediatamente i lavori.
 
qui sotto puoi scaricare l’interpellanza
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 08/05/2008, in Lavoro, linkato 807 volte)
La sospensione di quattro dirigenti della Fiom di Milano, tra cui la segretaria generale Maria Sciancati, è un atto di estrema gravità, il cui significato va ben oltre le questioni interne della Cgil.
Basta avere anche solo un minimo di dimestichezza con il mondo sindacale, per capire che qui non c’entrano le regole organizzative, bensì la politica, come dimostrano sia i futili motivi alla base del provvedimento, sia la scelta dei tempi. La verità è che la Fiom viene ormai guardata come un nemico interno e che ogni mezzo, anche quello più antidemocratico e stalinista, è considerato lecito per eliminarlo. Insomma, o ti adegui agli ordini del capo oppure ti faccio fuori, con tanti saluti a quel poco che è rimasto della democrazia sindacale nel nostro Paese.
Pare di assistere a una triste replica di quanto già avvenuto a livello politico. Cioè, dopo aver eliminato la sinistra dal parlamento, ora tocca alle voci indipendenti del mondo del lavoro.
Qualcuno potrebbe obiettare che le mie parole sono inopportune, perché ora faccio il consigliere regionale, mentre la mia militanza sindacale si è sempre svolta nel sindacalismo di base, il Sincobas (ora SdL intercategoriale) per la precisione. Ma si tratta di un’obiezione insostenibile, poiché se dovesse passare la normalizzazione all’interno della Cgil, con annesso affossamento del contratto nazionale, il prezzo lo pagherebbero tutti i lavoratori, visto che all’assenza di democrazia sui luoghi di lavoro si aggiungerebbe pure il divieto di discutere nel maggior sindacato italiano.
Ecco perché il tentativo di epurazione in atto riguarda tutti i lavoratori e le lavoratrici e perché noi esprimiamo oggi la nostra piena solidarietà ai quattro dirigenti della Fiom milanese.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
In Lombardia il territorio è un grande affare, almeno per alcuni, e anche il fatto che la grande area metropolitana milanese sia sempre più satura non sembra assolutamente costituire un impedimento alle continue operazioni immobiliari. Anzi, la fantasia pare non conosca proprio limiti in questo campo ed ecco che arriva la nuova frontiera: rendere più facilmente edificabili le aree attigue alle grandi opere autostradali, cioè Pedemontana, Brebemi e Tem.
È quanto prevede l’articolo 10, comma 3 del progetto di legge della Giunta regionale, approvato oggi in Commissione V con il voto favorevole del Centrodestra e con l’astensione del Pd, mentre il Prc, i Verdi e l’IdV hanno espresso un voto contrario.
Del pdl n. 226, “Infrastrutture di interesse concorrente statale e regionale”, finalizzato anzitutto all’accelerazione delle procedure per le opere infrastrutturali, si è parlato poco a livello pubblico e sempre ignorando, a torto, le disposizioni del suo articolo 10, che rappresentano invece un’autentica bomba a orologeria.
La norma prevede che le concessioni delle infrastrutture, in primis le tre grandi opere autostradali, “possono riguardare anche interventi di carattere insediativo e territoriale, …, rivolti principalmente agli utenti delle infrastrutture medesime ovvero a servizio delle funzioni e delle attività presenti sul territorio”. La giustificazione di tale innovazione normativa, secondo il governo regionale, risiede nella necessità di rendere le aree attigue economicamente sfruttabili, al fine di attrarre capitali privati e abbattere così i costi dell’esposizione finanziaria.
Insomma, il CAL (Concessioni Autostradali Lombarde S.p.a.), di cui il 50% è controllato direttamente dal Presidente Formigoni, mediante la società Infrastrutture Lombarde S.p.a., rilascia le concessioni per le opere infrastrutturali, che comprendono anche l’autorizzazione a costruire nelle immediate vicinanze più o meno qualsiasi cosa, vista la definizione generica prevista dal progetto di legge. Certo, tutta questa procedura va correlata agli Accordi di Programma, cioè alla concertazione tra il Presidente della Giunta Regionale e i Sindaci dei Comuni interessati, ma risulta evidente che a questo punto gli enti locali si troveranno stretti in un angolo e con i loro strumenti urbanistici ampiamente depotenziati. I cittadini che abitano i territori coinvolti, poi, saranno sempre di più ridotti a spettatori impotenti.
Una norma siffatta, qualora venisse approvata così com’è anche dall’Aula consiliare, aggiungerebbe danno al danno. Cioè, non soltanto arriveranno le consistenti colate di asfalto su un’area già oggi tra le più inquinate d’Europa, ma per riuscire a finanziare in qualche modo tali faraoniche opere si mette a disposizione dei grandi capitali immobiliari e di speculatori di ogni risma pure le aree adiacenti.
Ci siamo opposti oggi a questo miope scempio e lo faremo anche in Aula, chiedendo lo stralcio della norma. E invitiamo sin d’ora i cittadini e le associazioni a far sentire la loro voce.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il testo integrale del pdl 226, così come approvato dalla Commissione V
 
 

Scarica Allegato
Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 07/05/2008, in Antifascismo, linkato 742 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato su il Manifesto del 7 maggio 2008 (pag. Milano)
 
Nelle ore in cui Nicola Tommasoli stava perdendo la sua lotta contro la morte, il sindaco di Cremona, cittadina della Lombardia meridionale, ha annunciato il varo di un “pacchetto sicurezza”, comprendente l’assunzione di vigilantes privati, ulteriori impianti di videosorveglianza e il via libera comunale alle ronde.
Visti i tempi che corrono, sarebbe una perfetta non notizia, se non fosse per il fatto che a Cremona non succede mai niente, che gli omicidi sono praticamente inesistenti e che il numero di furti e rapine si situa decisamente sotto la media statistica. A tutto ciò si aggiunga che il sindaco Corada, targato Pd, non è certo famoso per essere un pasdaran veltroniano che rincorre le destre e bastona le sinistre, anzi. Eppure, anche a Cremona i cittadini si sentono insicuri e il loro sindaco ha infine ceduto all’aria che tira.
La svolta securitaria del centrosinistra cremonese e l’omicidio di Nicola sono, ovviamente, due fatti distinti e indipendenti. Tuttavia, a volte succede che un’accidentale coincidenza temporale riesca ad essere parecchio più rivelatrice del nocciolo del problema di tante parole dotte. Cioè, nel nostro caso, della relazione tra l’aumento del numero di aggressioni da parte di gruppi neofascisti, in primis a Roma e nel lombardo-veneto, e la marea traboccante del securitarismo.
Ebbene sì, perché il dato saliente dell’evoluzione della violenza di estrema destra contro militanti di sinistra, immigrati, gay e di chiunque venga individuato come diverso, altro e dunque nemico, non è tanto il numero di militanti dei gruppi neofascisti, tutto sommato ancora modesto, bensì il crescente spazio politico e culturale di cui dispongono e l’accondiscenza sociale che incontrano le loro azioni. Insomma, il problema non è il pesce in sé, bensì il mare in cui nuota e di cui si nutre.
L’egemonia culturale appartiene ormai alle destre e il discorso sulla sicurezza ne rappresenta non un semplice accessorio, bensì il nucleo ideologico portante e trainante. Esso offre a una società atomizzata, disorientata e socialmente sempre più insicura una lettura della realtà, dei colpevoli e l’illusione di una soluzione. I gruppi neofascisti, in fondo, non fanno altro che radicalizzare il messaggio, portarlo alle estreme conseguenze. Se è lecito e giusto che esponenti politici e istituzionali predicano in diretta televisiva la caccia allo straniero e al diverso, come pretendere che la società condanni coloro che quella caccia la praticano?
Dalle parti della sinistra soffriamo terribilmente il discorso securitario, spesso viene eluso, rimosso o banalizzato. Ma, sebbene non sia di per sé sufficiente, fare chiarezza, non scendere a compromessi e lavorare per delle alternative credibili è, oggi e qui, la condizione necessaria per poter dotare l’antifascismo di sostanza ed efficacia.
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Prima del 25 aprile De Corato annunciò che ben 900 telecamere comunali avrebbero ripreso ogni angolo del corteo, al fine di identificare quel vero e proprio esercito di “imbrattatori” che secondo lui sarebbe calato su Milano. Stando ai fatti, risulta che tutto questo dispiegamento di forze ha portato alla denuncia di un’unica persona, colpevole del grave reato di aver fatto una scritta su un muro. Ora siamo alla vigilia del 1° Maggio e De Corato, deluso dal magro bottino del 25 aprile, riparte all’attacco, annunciando che domani 30 videocamere e delle apposite squadre di vigili urbani si incaricheranno a sorvegliare passo dopo passo le decine di migliaia di manifestanti della MayDay Parade, considerati tout court dei potenziali delinquenti.
Ci sarebbe da ridere, se De Corato non fosse il vicesindaco di quella città dove oltre il 70% delle nuove assunzioni sono precarie e dove la stessa amministrazione comunale ha largamente fatto ricorso al precariato. Ma, evidentemente, il suo zelo nel condurre le sue guerre private per mezzo delle istituzioni è pari soltanto al suo menefreghismo rispetto ai problemi che i lavoratori, specie quelli giovani, vivono a Milano.
Se Milano fosse quella città moderna e internazionale che i suoi amministratori strombazzano in giro per il pianeta, allora il Sindaco ascolterebbe quei tanti giovani che ogni 1° Maggio gli ricordano che le cose in città non vanno tanto bene. Invece, ci troviamo con il suo vice che non fa altro che criminalizzare e insultare decine di migliaia di cittadini e cittadine. Complimenti!
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 26/04/2008, in Politica, linkato 807 volte)
Articolo di Luciano Muhlbauer, pubblicato (con altro titolo) su Liberazione del 26 aprile 2008
 
Formigoni non andrà a Roma e la Lombardia non tornerà alle urne in autunno. Sembra essere questa la conclusione del tormentone lombardo, sebbene la parola fine non sia ancora stata scritta. Ciononostante, occorre azzardare una prima riflessione, perché un tale esito avrebbe rilevanti conseguenze sullo scenario politico lombardo.
Anzitutto, saremmo di fronte a una sconfitta personale per il potente governatore. Non solo si è esposto parecchio, annunciando il suo trasloco nella capitale e candidandosi di fatto alla leadership futura del centrodestra, ma non è nemmeno la prima volta che tenta il salto nella politica nazionale. Tutti ricordano il suo progetto centrista della lista del presidente ai tempi delle elezioni regionali del 2005, poi naufragato a causa del veto berlusconiano. Oppure la lunga e inconcludente telenovela all’insegna del “vado, anzi non vado”, di cui il presidente-senatore si rese protagonista l’anno successivo.
Questa volta, però, la situazione appariva diversa. Il tutto era stato preparato con estrema cura, c’era persino un patto con la Lega, che sembrava d’acciaio, e il centrodestra ha stravinto le elezioni. Ma allora, come mai è andato tutto storto per il capo di Cl? Semplice, ai suoi due tradizionali talloni d’Achille, se n’è aggiunto un terzo, quello fatale. In altre parole, per fermare Formigoni forse non sarebbe stato sufficiente l’intreccio tra l’ostilità conclamata di Berlusconi, che da sempre vuole tenerlo lontano da Roma, e le resistenze silenziose del possente sistema di potere ciellino, preoccupato per il futuro dei suoi affari lombardi, se non fosse intervenuta la significativa affermazione elettorale della Lega.
Ebbene sì, perché il cambio di mestiere del presidente impone le elezioni anticipate e, in tal caso, sarebbe impossibile negare alla Lega il candidato presidente ed è prevedibile un nuovo rafforzamento elettorale del Carroccio. Considerato quanto già successo il 13-14 aprile in Veneto, dove la Lega ha cannibalizzato parte del tradizionale elettorato di Forza Italia, si capisce che questo scenario trova l’opposizione di Berlusconi.
Insomma, se l’esito dell’affaire Formigoni è quello ipotizzato e se la nostra analisi è fondata, allora gli ultimi due anni della legislatura regionale si preannunciano densi di contraddizioni, con una Lega che cerca di massimizzare il suo exploit elettorale e con un Formigoni indebolito e quindi costretto a qualche rilancio.
In fondo, un terreno interessante per le opposizioni per tentare di rimontare la china e presentarsi all’appuntamento con il 2010 con una proposta credibile di cambiamento. Ahinoi, le prime parole dei dirigenti lombardi del Pd non fanno sperare bene, visto che non trovano di meglio che reiterare le offerte di collaborazione con Formigoni. Quindi, per Rifondazione è ancora più importante non disperdere il tempo e affrontare da subito, nelle parole e nella pratica, la ricostruzione di una presenza e di una prospettiva della sinistra alternativa in Lombardia.
 
Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
È già abbastanza triste che il sindaco di una città come Milano non consideri necessario partecipare alla manifestazione del 25 aprile, ma che ora il suo vice, l’incorreggibile De Corato, si erga pure a supremo giudice che pretende di distinguere preventivamente tra manifestanti buoni e manifestanti cattivi, nella malcelata speranza di contribuire a qualche casino in piazza, è davvero troppo.
E così, De Corato non si limita alla consueta sequela di insulti gratuiti contro i centri sociali, ma arriva persino a offendere la Brigata Ebraica, definendola senza pudore “super partes”. E tanti saluti alla memoria del significativo tributo di sangue offerto dai combattenti della brigata alla causa della liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo.
Martin Luther King aveva un sogno grande, noi ne abbiamo uno più piccolo, ma in cambio speriamo che possa avverarsi. Cioè, se il vicesindaco non riesce proprio a liberarsi dal suo passato neofascista, che almeno riesca a stare zitto il 25 aprile e a non offendere quei milanesi che per fortuna non la pensano come lui.
Insomma, forse è giusto che il sindaco Moratti non partecipi alla manifestazione, visto che non solo non lo considera importante, ma che non riesce nemmeno a porre un freno alla lingua del suo vice.
Anzi, meglio così, almeno ci risparmiamo l’ipocrisia.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
di lucmu (del 23/04/2008, in Casa, linkato 5457 volte)
I destini personali e politici di Roberto Formigoni stanno letteralmente monopolizzando l’informazione lombarda. Tutto ciò è comprensibile, visto che quello strano  presidenzialismo italico in vigore nelle regioni imporrebbe a nove milioni di lombardi di tornare alle urne, qualora il Presidente cambiasse mestiere. E così, anche le nomine dei consigli d’amministrazione delle Aler, approvate ieri a maggioranza dal Consiglio regionale, non hanno trovato più di due righe qua o là.
Eppure, le Aler non sono briciole, bensì le proprietarie della maggioranza delle case popolari in Lombardia, cioè di 105mila alloggi su un totale di 170mila. In altre parole, i consigli d’amministrazione, composti da sette membri, di cui cinque di nomina regionale, gestiscono un patrimonio pubblico enorme. Quindi, sebbene comprensibile, non ci pare assolutamente giustificato questo assordante silenzio informativo e politico, in particolare in merito alla nomina a presidente dell’Aler di Milano di Loris Zaffra.
Qui non si tratta di fare processi sommari e tanto meno di considerare colpevole una persona per il resto della vita, anche dopo che ha estinto il suo debito con la giustizia. Ma quando un’istituzione pubblica affida un incarico di tale importanza, occorre anzitutto garantire trasparenza e affidabilità. E questo ragionamento generale vale ancora di più per quanto riguarda le case popolari, poiché proprio pochi mesi fa una legge regionale sbagliata ha imposto agli inquilini un aumento sproporzionato e iniquo degli affitti, mentre nulla si era voluto fare rispetto ai diffusi sprechi e all’assenza di trasparenza delle Aler.
Da questo punto di vista, ci saremmo aspettati da PdL e Lega un segnale nuovo in occasione delle nomine. Ieri, invece, è stato scelto un pessimo segnale, affidando la presidenza della più importante Aler della Lombardia a un dirigente politico assurto agli onori della cronaca a causa del suo coinvolgimento, in posizione non certo secondaria, in tangentopoli e nel sistema di corruzione della cosiddetta prima repubblica.
Già ieri, nel corso del dibattito in Aula, il gruppo di Rifondazione aveva sollevato fortemente il problema, sottolineando l’inopportunità di tale nomina. Ma abbiamo raccolto soltanto l’indifferenza e il manifesto disinteresse della maggioranza e quindi, in segno di protesta, non abbiamo partecipato al voto.
Tuttavia, non possiamo considerare chiusa la vicenda con il voto di ieri. Ribadiamo che consideriamo un gravissimo errore la nomina di Loris Zaffra e chiediamo pertanto un impegno celere e reale da parte del centrodestra, al fine di definire gli strumenti idonei a garantire la massima trasparenza della gestione delle Aler, aprendo immediatamente il confronto sia in Consiglio regionale, che con le rappresentanze degli inquilini.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
 
Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (233)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



12/12/2018 @ 16:36:30
script eseguito in 84 ms

Ci sono 10 persone collegate