Blog di Luciano Muhlbauer
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Mentre le polemiche politiche sui destini di Malpensa riempiono quotidianamente la stampa, quasi nulla si dice dei licenziamenti che potrebbero prodursi già in questi mesi nello scalo varesino. Si tratta degli oltre 500 dipendenti precari della Sea.
Infatti, negli ultimi sei-sette anni la società di gestione degli aeroporti milanesi ha fatto vieppiù ricorso al lavoro precario -a tempo determinato e interinale-, non per fare fronte ai picchi stagionali, bensì per coprire l’organico di Malpensa. E così, i lavoratori precari rappresentano attualmente ben oltre il 50% degli operai addetti al carico e scarico degli aerei e alla movimentazione dei bagagli, nonché il 40% degli impiegati della registrazione e degli imbarchi.
Questi lavoratori, oltre al danno degli anni di ingiustificato precariato, rischiano ora anche la beffa della disoccupazione. E l’azienda non deve neanche parlare di licenziamento, perché semplicemente scade il contratto, quasi per tutti entro la fine di marzo, e non c’è nemmeno la possibilità di accedere a qualche ammortizzatore sociale.
Riteniamo che non sia sufficiente riempire i mass-media con dichiarazioni e proclami roboanti, ma che occorra anzitutto produrre dei fatti concreti. E la Sea, considerato anche il prolungato abuso dei contratti temporanei, ha una indubbia e primaria responsabilità rispetto al destino di questi lavoratori, che vanno trattati alla stregua di tutti i dipendenti e non scaricati alla prima occasione.
Su pressione delle organizzazioni sindacali, la Sea ha rinviato i primi licenziamenti, prorogando di un mese i 102 contratti a tempo determinato in scadenza il 31 gennaio, mentre nulla si sa circa i 122 lavoratori interinali che scadranno sempre a fine gennaio.
Chiediamo pertanto alla Sea e, soprattutto, al suo azionista di maggioranza, il Comune di Milano, e a quello di minoranza, la Provincia di Milano, di non limitarsi a qualche rinvio temporaneo, ma di farsi carico fino in fondo di questi lavoratori, adottando da subito una moratoria sui licenziamenti, comunque chiamati. E c’è un’unica maniera per farlo, cioè trasformare i contratti precari in contratti a tempo indeterminato.
Da parte nostra, ribadiamo contrarietà al piano Air France e disponibilità a sostenere tutte le iniziative idonee a salvaguardare l’occupazione a Malpensa, purché si scenda dal treno della propaganda e si faccia sul serio. E, in questo senso, la vicenda dei precari a rischio licenziamento rappresenta per noi un banco di prova.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
 
di lucmu (del 31/03/2008, in Lavoro, linkato 1031 volte)
Mentre nella nostrana campagna elettorale Berlusconi e Veltroni cantano in coro l’inno al “patto tra produttori” e annunciano la morte della lotta di classe per sopraggiunti limiti di età, dalla vicina Svizzera, considerata per molto tempo un modello di pace sociale, arrivano segnali diametralmente opposti.
Infatti, gli operai delle Officine FFS di Bellinzona sono in sciopero ad oltranza sin dal 7 marzo scorso contro lo smantellamento del loro stabilimento e stanno raccogliendo una vasta solidarietà da parte della popolazione locale e persino delle istituzioni. Tanto per capirci, il capoluogo del Canton Ticino conta soltanto 17mila abitanti, ma alla manifestazione di ieri 30 marzo hanno partecipato oltre 10mila persone (12mila per il comitato di sciopero, 8mila per la polizia).
La storia dei 400 operai di Bellinzona è simile a molte altre di questi tempi di liberismo e privatizzazioni. Cioè, le ferrovie svizzere hanno deciso, annunciandolo alle maestranze per mezzo stampa (sic), un “piano di ristrutturazione completo” per Cargo FFS, una delle quattro società in cui sono state suddivise le FFS, che prevede la soppressione tout court delle storiche Officine per la manutenzione di Bellinzona. E, come sempre in casi del genere, di mezzo non ci sono soltanto i posti di lavoro dello stabilimento da liquidare, ma anche quelli dell’indotto.
I lavoratori sono ormai alla quarta settimana di sciopero e preparano una nuova manifestazione per mercoledì 2 aprile. Insomma, mandateli un segno di solidarietà, andando sul loro sito (www.officine.unia.ch) e firmando l’appello in loro sostegno.
Un altro sito utile da vistare è quello del sindacato svizzero dei trasporti (www.sev-online.ch/it).
 
 
La lotta paga! I 400 operai delle Officine FFS di Bellinzona hanno raggiunto una prima vittoria. Infatti, dopo un mese di sciopero totale, appoggiato dalla popolazione locale, le ferrovie svizzere hanno ritirato il piano di ristrutturazione, che prevedeva la liquidazione dello stabilimento ticinese e dei posti di lavoro.
Questa mattina l’assemblea dei lavoratori ha deciso la fine dello sciopero e la ripresa del lavoro. Ora si aprirà il negoziato e la strada sarà ancora lunga, ma intanto non c’è più la spada di Damocle del piano di ristrutturazione.
Ricordiamo il sito web dei lavoratori delle Officine: www.officine.unia.ch
 
 
L’Assessore regionale al lavoro, Rossoni, ci ha dato ragione, confermando l’illegittimità delle esclusioni di alcune categorie di lavoratori precari dalla possibilità di accedere a posti di lavoro temporanei nelle pubbliche amministrazioni (cosiddette “chiamate art. 16”). Questo è il succo della risposta alla nostra interpellanza di tre mesi fa (vedi news su questo blog del 9/1/08).
Il problema era sorto con la delibera della Giunta regionale n. 4890 del 15 giugno 2007, che conteneva delle formulazioni non univoche, e con la successiva applicazione della normativa da parte dei Centri per l’Impiego delle Province. Infatti, a partire dal settembre dell’anno scorso, molte persone si vedevano all’improvviso rifiutate le loro domande di lavoro.
Il diavolo, come al solito, si nascondeva in un dettaglio, cioè nella nuova e più restrittiva interpretazione della categoria “persona priva di occupazione”. Fino ad allora, infatti, quest’ultima comprendeva anche i lavoratori precari con un reddito annuo inferiore a 8.000 euro, come peraltro previsto dalla vigente normativa nazionale e dalla prassi delle Regioni limitrofe.
Fino ad oggi nessuno sembrava interessarsi alla vicenda, nonostante le sollecitazioni di diversi operatori del settore, e soltanto in seguito alla nostra interpellanza sembra muoversi qualcosa, poiché l’Assessore regionale scrive testualmente:
la definizione di ‘persona priva di occupazione’ deve essere interpretata in modo estensivo e va riferita, oltre ai ‘disoccupati in senso stretto’, anche alle persone in condizione lavorativa in possesso dei requisiti di legge (d.lgs. 181/00) per il mantenimento dello stato di disoccupazione (reddito annuo da lavoro non superiore a quello minimo esente da imposizione fiscale: 8.000 Euro lordi per i redditi da lavoro dipendente e assimilati ed Euro 4.800 per quelli da lavoro autonomo). Le persone ‘prive di occupazione’ possono pertanto partecipare a tutte le selezioni, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato.
Inoltre, la risposta all’interpellanza indicherebbe che a breve dovrebbero essere diramate nuove indicazioni alla Province. Cioè, “per fornire una soluzione adeguata alle criticità emerse in fase di prima attuazione della delibera regionale, gli uffici stanno definendo, di concerto con le Province, puntuali indicazioni tecnico-operative relative alle nuove procedure”.
Insomma, ci auguriamo che ora alle parole seguano i fatti e che venga ristabilita, nel più breve tempo possibile, la corretta applicazione della normativa nazionale.
 
qui sotto puoi scaricare il testo integrale della risposta all’interpellanza
 

Scarica Allegato
 
Prima del 25 aprile De Corato annunciò che ben 900 telecamere comunali avrebbero ripreso ogni angolo del corteo, al fine di identificare quel vero e proprio esercito di “imbrattatori” che secondo lui sarebbe calato su Milano. Stando ai fatti, risulta che tutto questo dispiegamento di forze ha portato alla denuncia di un’unica persona, colpevole del grave reato di aver fatto una scritta su un muro. Ora siamo alla vigilia del 1° Maggio e De Corato, deluso dal magro bottino del 25 aprile, riparte all’attacco, annunciando che domani 30 videocamere e delle apposite squadre di vigili urbani si incaricheranno a sorvegliare passo dopo passo le decine di migliaia di manifestanti della MayDay Parade, considerati tout court dei potenziali delinquenti.
Ci sarebbe da ridere, se De Corato non fosse il vicesindaco di quella città dove oltre il 70% delle nuove assunzioni sono precarie e dove la stessa amministrazione comunale ha largamente fatto ricorso al precariato. Ma, evidentemente, il suo zelo nel condurre le sue guerre private per mezzo delle istituzioni è pari soltanto al suo menefreghismo rispetto ai problemi che i lavoratori, specie quelli giovani, vivono a Milano.
Se Milano fosse quella città moderna e internazionale che i suoi amministratori strombazzano in giro per il pianeta, allora il Sindaco ascolterebbe quei tanti giovani che ogni 1° Maggio gli ricordano che le cose in città non vanno tanto bene. Invece, ci troviamo con il suo vice che non fa altro che criminalizzare e insultare decine di migliaia di cittadini e cittadine. Complimenti!
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
 
di lucmu (del 08/05/2008, in Lavoro, linkato 921 volte)
La sospensione di quattro dirigenti della Fiom di Milano, tra cui la segretaria generale Maria Sciancati, è un atto di estrema gravità, il cui significato va ben oltre le questioni interne della Cgil.
Basta avere anche solo un minimo di dimestichezza con il mondo sindacale, per capire che qui non c’entrano le regole organizzative, bensì la politica, come dimostrano sia i futili motivi alla base del provvedimento, sia la scelta dei tempi. La verità è che la Fiom viene ormai guardata come un nemico interno e che ogni mezzo, anche quello più antidemocratico e stalinista, è considerato lecito per eliminarlo. Insomma, o ti adegui agli ordini del capo oppure ti faccio fuori, con tanti saluti a quel poco che è rimasto della democrazia sindacale nel nostro Paese.
Pare di assistere a una triste replica di quanto già avvenuto a livello politico. Cioè, dopo aver eliminato la sinistra dal parlamento, ora tocca alle voci indipendenti del mondo del lavoro.
Qualcuno potrebbe obiettare che le mie parole sono inopportune, perché ora faccio il consigliere regionale, mentre la mia militanza sindacale si è sempre svolta nel sindacalismo di base, il Sincobas (ora SdL intercategoriale) per la precisione. Ma si tratta di un’obiezione insostenibile, poiché se dovesse passare la normalizzazione all’interno della Cgil, con annesso affossamento del contratto nazionale, il prezzo lo pagherebbero tutti i lavoratori, visto che all’assenza di democrazia sui luoghi di lavoro si aggiungerebbe pure il divieto di discutere nel maggior sindacato italiano.
Ecco perché il tentativo di epurazione in atto riguarda tutti i lavoratori e le lavoratrici e perché noi esprimiamo oggi la nostra piena solidarietà ai quattro dirigenti della Fiom milanese.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
 
La piaga del precariato non conosce proprio confini, regnando sovrana persino nei luoghi che la vulgata ufficiale chiama di ”eccellenza”. Ed è il caso anche della ricerca biomedica in Lombardia, svolta negli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (Irccs), dove oltre il 50% degli addetti è costretto a contratti precari di ogni tipo e specie, dalle co.co.co. alle borse di studio, dalle collaborazioni professionali al tempo determinato.
Questo è il quadro desolante che emerge dalla denuncia del Coordinamento nazionale dei precari degli Irccs pubblici, che un mese fa ha inviato una lettera alle Regioni e alle amministrazioni sanitarie, chiedendo con urgenza l’apertura di una trattativa al fine di stabilizzare i ricercatori. Non sappiamo se in altre Regioni vi sia stato o meno un riscontro a tale richiesta, ma per quanto riguarda Regione Lombardia il silenzio è assordante.
Eppure, dovrebbe essere proprio la Lombardia a preoccuparsi più di altri, visto che su 41 Irccs esistenti in Italia, ben 17 si trovano nella nostra regione, di cui quattro pubblici: l’Istituto Nazionale Tumori, il Besta e  la Mangiagalli a Milano e il San Matteo a Pavia.
E per capire ancora meglio di cosa stiamo parlando, basti prendere l’inchiesta interna realizzata dal Coordinamento Precari dell’Istituto Nazionale Tumori sugli oltre 100 ricercatori precari che vi lavorano: l’età media è di 34 anni e la durata media del precariato accumulato nell’Istituto è di 6,6 anni.
Considerato che l’Italia, com’è risaputo, si trova agli ultimissimi posti in Europa per investimenti sulla ricerca scientifica e per numero di ricercatori sul totale di persone economicamente attive, aggiungere pure la diffusa insicurezza lavorativa e professionale rasenta la negligenza istituzionale. Insomma, mentre il Presidente Formigoni non perde occasione per esibire il presunto carattere di “eccellenza” della Sanità lombarda, la realtà dietro la facciata è ben diversa.
Oggi Rifondazione Comunista ha presentato in Regione un’interpellanza al Presidente e all’Assessore alla Sanità, sollecitando che venga con urgenza convocato un incontro con il Coordinamento Precari e, soprattutto, che vengano messe all’ordine del giorno azioni concrete per la stabilizzazione dei ricercatori precari.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
qui sotto puoi scaricare il testo dell’interpellanza
 

Scarica Allegato
 
di lucmu (del 10/06/2008, in Lavoro, linkato 1117 volte)
Oggi le opposizioni hanno depositato in Consiglio regionale una mozione urgente sul caso Eutelia S.p.a., al fine di esprimere la solidarietà con i lavoratori e le lavoratrici della società e di impegnare la Giunta regionale a dispiegare tutte le azioni atte a garantire il mantenimento dei siti produttivi sul territorio, in primis quello di Pregnana Milanese, e i livelli occupazionali. La mozione porta le firme dei consiglieri Muhlbauer, Mirabelli, Squassina O., Agostinelli, Squassina A., Cipriano, Civati, Prina, Oriani, Valmaggi, Monguzzi, Fabrizio e Zamponi.
Secondo quanto previsto dalla procedura e dalla prassi del Consiglio, la mozione potrà essere discussa e votata non prima della seduta del 24 giugno prossima e soltanto se ci sarà il consenso di tutti i gruppi politici, cioè anche della maggioranza, affinché venga messa all’ordine del giorno.
Il nostro auspicio è che questo accada e soprattutto che nel frattempo il governo regionale si attivi comunque e con urgenza. Infatti, Eutelia ha avviato la procedura per la cassa integrazione straordinaria per 772 dipendenti (su un totale di 2717), di cui ben 240 nel sito di Pregnana Milanese (su un totale di 550).
La società Eutelia, di proprietà della famiglia Landi, è attiva nei settori delle telecomunicazioni e dell’informatica e rappresenta un caso tipico di crisi aziendale provocata dalle scelte finanziarie del management. Peraltro, la società era entrata in questi mercati in seguito all’acquisizione di due società in difficoltà, la Getronics e la Bull, e non dispone, di fatto, di un piano industriale degno di questo nome.
Per il 18 giugno prossimo è già convocato un tavolo istituzionale sulla crisi del sito di Pregnana Milanese, con la partecipazione della Provincia e del Comune di Milano, del Comune di Pregnana e dell’Assessore regionale al Lavoro.
 
qui sotto puoi scaricare il testo della mozione depositata
 

Scarica Allegato
 
di lucmu (del 18/06/2008, in Lavoro, linkato 830 volte)
Oggi in Commissione VII del Consiglio regionale si sono tenute le audizioni in relazione al progetto di legge n. 204, “Contrasto dello sfruttamento del lavoro irregolare in Lombardia”, presentato da 14 consiglieri regionali dell’opposizione (Muhlbauer, Squassina O., Agostinelli, Squassina A., Civati, Valmaggi, Saponaro, Monguzzi, Storti, Spreafico, Fabrizio, Sarfatti, Zamponi, Prina). Sono state dunque ascoltate le parti sociali - sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Sdl intercategoriale, Cub), Ance e Confindustria -, le istituzioni e gli organi di vigilanza.
Tutto ciò sarebbe un’ottima notizia, se non fosse per il fatto che i rappresentanti del centrodestra le hanno disertate, queste audizioni, salvo una presenza part-time della Lega. Un segnale estremamente preoccupante, considerato che il pdl in questione era stato presentato già nel lontano 2006 e che ci sono voluti 17 mesi, un ordine del giorno votato nel 2007 all’unanimità dal Consiglio e innumerevoli richiami in sede di conferenza dei capigruppo, per arrivare finalmente a questo atto iniziale dell’iter legislativo.
Chiunque è consapevole di come la piaga dello sfruttamento del lavoro irregolare sia ampiamente diffusa in Lombardia, a partire dall’edilizia e dai servizi, e di come il numero terrificante di infortuni, spesso mortali, sui luoghi di lavoro sia strettamente connesso al fenomeno. Non ci può essere dunque alcun dubbio circa l’opportunità e l’urgenza di un intervento legislativo e istituzionale finalizzato al contrasto e alla repressione dello sfruttamento del lavoro nero, anche in vista dei numerosi cantieri che si apriranno per l’Expo 2015.
Siamo consapevoli che in democrazia decide la maggioranza e non abbiamo quindi la pretesa che la proposta delle opposizioni debba essere presa così com’è, anche se dobbiamo prendere atto che si tratta dell’unica proposta in materia finora avanzata. Pretendiamo però che se ne discuta e, soprattutto, che si arrivi in tempi certi e brevi all’approvazione di una legge regionale efficace e adeguatamente finanziata.
Chiediamo alle forze politiche di maggioranza e all’assessore regionale al lavoro di rompere il silenzio e dire chiaramente se ritengano o meno che in Lombardia occorra un’azione urgente contro il diffuso sfruttamento del lavoro nero e irregolare. Se la risposta è sì, siamo pronti al confronto di merito, a condizione però che si faccia in fretta e senza ulteriori perdite di tempo.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer (Prc) e Arturo Squassina (Sd)
 
 
Esprimiamo la nostra completa solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici dello stabilimento Bonduelle di San Paolo D’Argon (Bg), molti dei quali rischiano ora il licenziamento di fatto. E contemporaneamente chiediamo, mediante l’interpellanza depositata oggi, l’intervento urgente di Regione Lombardia, affinché venga garantito un futuro occupazionale reale a tutti i dipendenti.
Quanto sta facendo la Bonduelle nel bergamasco è inaccettabile sotto ogni punto di vista. Infatti, dal 28 febbraio scorso, giorno in cui un incendio aveva distrutto lo stabilimento della Bonduelle di San Paolo D’Argon, i circa 140 dipendenti vivono in una sorta di incubo.
La multinazionale non solo aveva chiarito che non intendeva riattivare la produzione in loco e pregiudizialmente rifiutato di richiedere la cassa integrazione straordinaria dopo la fine di quella ordinaria, ma il 19 giugno ha annunciato ai sindacati di voler procedere unilateralmente al trasferimento dei dipendenti verso altri stabilimenti del gruppo. E che trasferimenti! Mentre 90 di loro dovrebbero andare a Lallio, sempre in provincia di Bergamo, e 15 rimanere a non meglio specificata “disposizione”, in 30 dovrebbero però prendere servizio, entro il 16 luglio, nello stabilimento di Battipaglia, provincia di Salerno, a quasi mille chilometri di distanza!
Dire a un lavoratore che in pochi giorni deve fare i bagagli e decidere di capovolgere la propria vita e quella della propria famiglia, trasferendosi da Bergamo a Salerno, non si chiama “trasferimento”, bensì licenziamento appena mascherato. E un licenziamento nemmeno giustificato, poiché gli stabilimenti che in provincia di Bergamo fanno capo al gruppo Bonduelle sarebbero tranquillamente in grado di assorbire tutti i lavoratori.
La verità è molto più banale, cioè la Bonduelle vuole liberarsi di un po’ di “rompiscatole”. Di fronte all’indisponibilità al confronto sindacale da parte della multinazionale, infatti, le maestranze di San Paolo D’Argon avevano fatto sentire la loro voce sin dal primo momento, chiedendo pubblicamente un minimo di rispetto e una prospettiva occupazionale dignitosa e reale. Evidentemente troppo per la Bonduelle, che sembra aver scelto la strada del colpirne 30 per educarne 100. E se così facendo si perdono per strada anche un po’ di lavoratori con un contratto a tempo indeterminato, tanto meglio.
Per questi motivi crediamo sia doveroso che le istituzioni intervengano per richiamare la multinazionale Bonduelle a un comportamento rispettoso dei lavoratori e del territorio. E questo significa anzitutto ritirare i trasferimenti e concordare con la Rsu e le organizzazioni sindacali una soluzione che garantisca un futuro occupazionale reale a tutti i dipendenti.
 
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer
 
per info e aggiornamenti sulla lotta dei lavoratori Bonduelle, vai su www.alternainsieme.net
 
qui sotto puoi scaricare il testo dell’interpellanza
 

Scarica Allegato
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24


facebook twitter youtube
Cerca  
Titolo

Titolo

Titolo
Antifascismo (86)
Casa (48)
Diritti (19)
Infrastrutture&Trasporti (38)
Lavoro (232)
Migranti&Razzismo (147)
Movimenti (124)
Pace (21)
Politica (105)
Regione (77)
Sanità (19)
Scuola e formazione (71)
Sicurezza (59)
Territorio (46)

Catalogati per mese:

Ultimi commenti:
Attention! Attention...
22/11/2017
di Mrs.Emilia Fedorcakova
Prove di grave e vel...
22/07/2016
di claudine
appoggio e sostengo ...
03/06/2016
di merina tricarico



28/09/2022 @ 21:45:36
script eseguito in 94 ms

Ci sono 81 persone collegate